Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

UE: sì alle nuove biotecnologie per produrre più proteine ma no al cibo “sintetico”

Screenshot 2023-09-21 alle 22.21.51
579 Visualizzazioni |

estratto dall’arrticolo Giulia Alfieri da Startmag

Sì a una maggiore produzione di colture di proteine in Europa, no alle “proteine da laboratorio”. È questo in sintesi il parere della commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo, che ieri ha bocciato la parte della risoluzione sulle colture proteiche in cui si menzionavano “prodotti innovativi a base cellulare”, il cosiddetto cibo “sintetico”.

Parere che ha messo d’accordo eurodeputati di tutte le forze politiche, dal Pd al Movimento 5 stelle, fino – ovviamente – al ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida di Fratelli d’Italia.

L’UE BOCCIA IL CIBO “SINTETICO”

La risoluzione discussa ieri dalla commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo punta a una maggiore produzione di colture di proteine in Europa per rispondere – in modo più indipendente – al fabbisogno globale. Solo il 29% delle materie prime ad alto contenuto proteico necessarie per l’alimentazione animale proviene infatti dall’Ue, il che rende l’Unione fortemente dipendente dalle importazioni da paesi terzi.

Il paragrafo bocciato dalla commissione riguardava le “proteine da laboratorio”, che avrebbero di fatto condotto alla produzione della carne coltivata o “sintetica”.

COSA SONO LE TECNICHE DI EVOLUZIONE ASSISTITA (TEA)

Ma cosa sono le Tecniche di evoluzione assistita (Tea)? Come osserva il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea), il fabbisogno mondiale di cibo sarà sempre maggiore e le colture dovranno essere, oltre che più sostenibili, anche più resistenti per far fronte a siccità e alluvioni dovute ai cambiamenti climatici. Per tutte queste ragioni le nuove tecnologie giocano un ruolo fondamentale.

Tra queste ci sono le Tea che, come ha spiegato all’Ansa, Luigi Cattivelli, direttore del Centro di Ricerca Genomica e Bioinformatica del Crea, sono “due tecniche utilizzate nel miglioramento genetico delle piante, il genome editing e la cisgenesi”.

MA LE TEA SONO COME GLI OGM?

Le Tea potrebbero far venire alla mente gli Ogm, organismi geneticamente modificati ma Cattivelli ha chiarito che “mentre gli Ogm prevedono l’inserzione nel genoma originario di sequenze di geni provenienti da altre specie (piante, animali o batteri), introducendo cioè Dna estraneo e creando organismi transgenici, le Tea consentono la modifica del genoma, ma senza inserimento di geni “estranei”, provenienti cioè da altre specie”.

“Le mutazioni indotte mediante editing – prosegue – sono in tutto e per tutto equivalenti alle mutazioni naturali che costituiscono la base biologica della biodiversità”.

Una pianta cisgenica, invece, afferma Cattivelli, “è una pianta nel cui genoma è stato inserito un gene derivante da un’altra pianta interfertile, spesso della stessa specie”. Questa tecnica si preferisce perché “consente di risparmiare tempo […] ma soprattutto di mantenere inalterato tutto il genoma della varietà ricevente”.

Per il Crea, genome editing e cisgenesi sono tra gli strumenti che permetteranno di introdurre le caratteristiche necessarie per le piante dell’agricoltura di domani e l’alternativa più efficace ai fitofarmaci.

NORMATIVA ITALIANA VS NORMATIVA EUROPEA

Tuttavia, la normativa italiana ed europea sulle Tea non è la stessa. Il Parlamento italiano, infatti, ha ricordato Cattivelli ha recentemente approvato una norma che “sblocca la sperimentazione in campo delle piante ottenute con Tea (non quella degli Ogm), fino al 31 dicembre 2024, con una procedura semplificata per i caratteri che promuovono la resistenza alla siccità e alle malattie”.

Mentre per la normativa europea, “la sperimentazione in campo delle Tea è regolata dalla direttiva 2001/18 sugli Ogm”, la quale prevede delle esenzioni, per esempio, per “organismi ottenuti con la mutagenesi”, ma non per le Tea. Affermazione ribadita anche da una pronuncia della Corte di giustizia europea del 2017.

“Ma, ora – afferma Cattivelli -, il mondo scientifico ritiene che il genome editing abbia tutte le caratteristiche di una mutagenesi in quanto le piante editate non contengono Dna estraneo diversamente dagli Ogm. E il fatto che non siano nell’elenco delle tecniche escluse dall’applicazione della normativa sugli Ogm è dovuto a una questione di tempistica, visto che – dicono gli esperti – sono state scoperte 10 anni dopo la direttiva 2001/18”.

Il Parlamento potrà, dunque, rivedere la norma. Intanto, ha infine ricordato Cattivelli, nel mondo, già diversi Paesi, come Stati Uniti, Canada, Sud America, Giappone, Regno Unito, hanno liberalizzato l’uso in campo delle Tea.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution