Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

La divergenza tra AIE e OPEC sulla domanda di petrolio diventa troppo grande per essere ignorata

image - 2024-03-14T063045.225
1.263 Visualizzazioni |

Autore: Irina Slav via OilPrice.com

  • Questa settimana la Reuters ha riportato che la divergenza tra i dati dell’AIE e quelli dell’OPEC sulla domanda è la più ampia degli ultimi 16 anni.

  • L’anno scorso l’AIE aveva previsto che la domanda di petrolio avrebbe raggiunto il picco prima del 2030.

  • L’OPEC ha tutto l’interesse a rafforzare la domanda globale, quindi è possibile che le sue previsioni siano sovrastimate.

Da quando l’Agenzia Internazionale dell’Energia si è trasformata da puro fornitore di informazioni a sostenitore della transizione energetica, le sue previsioni sulla domanda di petrolio sono cambiate per riflettere sempre di più questo sostegno.

Ciò ha portato a una crescente divergenza tra le prospettive dell’AIE e dell’OPEC sul futuro della commodity, aumentando il rischio di confusione tra analisti e investitori.

La domanda “chi ha ragione?” è diventata legittima.

Per cominciare, vale la pena di notare che nessuna delle due autorità è completamente imparziale.

L’OPEC ha tutto l’interesse a rafforzare la domanda globale, quindi è possibile che le sue previsioni siano sovrastimate.

L’AIE, invece, si comporta come se avesse un interesse personale nella transizione energetica, il che l’ha portata a sottostimare regolarmente la domanda di petrolio, con il suo più marcato allontanamento dalla realtà finora contenuto nella Roadmap Net Zero originale.

Il documento è stato pubblicato nel maggio 2021. In quel rapporto, l’AIE affermava che, a partire da quell’anno, non c’era più bisogno di nuove esplorazioni di petrolio e gas, perché la transizione energetica si stava muovendo abbastanza velocemente da rendere superflua tale attività. Ma non ci volle molto perché l’AIE rivedesse la sua opinione. Nel novembre dello stesso anno, l’agenzia ha chiesto di aumentare gli investimenti in nuove esplorazioni di petrolio e gas, in considerazione del rischio di una carenza di approvvigionamento.

L’anno scorso, l’AIE ha iniziato l’anno prevedendo una crescita della domanda di petrolio di 1,9 milioni di barili al giorno. Nel corso degli 11 mesi successivi, ha continuato a rivedere questa previsione, per concludere l’anno con una crescita della domanda globale di 2,3 milioni di bpd, opinione mantenuta anche nel gennaio di quest’anno, e una cifra molto vicina alle previsioni dell’OPEC durante l’anno, che vedevano tutte una crescita della domanda di oltre 2 milioni di barili al giorno.

Reuters ha riportato questa settimana che la divergenza tra i numeri della domanda dell’AIE e dell’OPEC è la più grande degli ultimi 16 anni, sulla base dell’analisi dei dati che risalgono al 2008.

La divergenza riguarda le previsioni di febbraio sulla domanda di petrolio delle due organizzazioni e il divario è effettivamente notevole, oltre 1 milione di bpd.

Nel suo rapporto sul mercato petrolifero di febbraio, l’ AIE ha previsto una modesta crescita della domanda di petrolio di 1,2 milioni di barili al giorno per quest’anno, citando una decelerazione della ripresa della domanda dopo le chiusure dovute alla pandemia.

L’OPEC, da parte sua, ha mantenuto invariate rispetto ai mesi precedenti le previsioni di crescita della domanda di petrolio per il 2024 a 2,2 milioni di bpd.

Vi sono divergenze anche sulle prospettive a lungo termine della domanda di petrolio, con l’AIE che lo scorso anno ha previsto un picco prima del 2030, insieme alla domanda di gas naturale e di carbone. Questa previsione sembra essere stata l’ultima goccia per l’OPEC, che ha reagito con un brusco avvertimento all’AIE di smettere di politicizzare l’energia, accusandola di fare il tifo per la transizione energetica e di lasciare che questo influisca sull’accuratezza delle sue previsioni.

“L’AIE ha la forte percezione che la transizione energetica procederà a un ritmo molto più veloce”, ha dichiarato a Reuters un ex funzionario dell’agenzia.

“Entrambe le agenzie si sono chiuse in una posizione, ed è per questo che hanno questo enorme divario nelle previsioni della domanda”, ha spiegato Neil Atkinson, ex capo della divisione mercati petroliferi dell’agenzia.

Una qualche forma di distorsione è quasi inevitabile quando si tratta di prevedere la domanda di petrolio, e questo proprio a causa della massiccia spinta alla transizione che ha visto molti soldi incanalati in organizzazioni di difesa del clima che, tra le loro attività di advocacy, si occupano anche di previsioni.

Di per sé, questo pregiudizio non è un problema, purché gli utenti delle informazioni ne siano consapevoli.

Diventa un problema, tuttavia, quando le previsioni distorte iniziano a essere condivise e amplificate, dipingendo un quadro distorto, in questo caso, delle prospettive di crescita della domanda di petrolio e influenzando le decisioni di investimento.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution