Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Bollire l’acqua del rubinetto rimuove fino al 90% delle microplastiche

image_80(273)
1.902 Visualizzazioni |

Autore Amie Dahnke via The Epoch Times

Far bollire l’acqua del rubinetto non serve solo a eliminare alcuni agenti patogeni dannosi, può anche distruggere contaminanti come microplastiche e sostanze chimiche, rendendo l’acqua potabile più sicura da bere.

Una nuova lettera di ricerca pubblicata su Environmental Science & Technology Letters indica che bollire l’acqua del rubinetto per soli cinque minuti potrebbe ridurre la quantità di microplastiche fino al 90%.

I ricercatori della Guangzhou Medical University e del Center for Environmental Microplastics Studies in Cina raccomandano di far bollire l’acqua in bollitori elettrici non di plastica su fornelli a gas per rimuovere impurità come polistirolo, polietilene e polipropilene.

Secondo i ricercatori, l’acqua bollente è utilizzata fin dall’antichità come metodo di purificazione in alcuni Paesi asiatici. “Questa semplice strategia di ebollizione dell’acqua può ‘decontaminare’ [nano- e microplastiche] dall’acqua del rubinetto di casa e ha il potenziale per alleviare in modo innocuo l’assunzione di [nano- e microplastiche] da parte dell’uomo attraverso il consumo di acqua”, hanno scritto i ricercatori.

L’acqua più dura cattura più microplastiche

L’acqua di una certa alcalinità e durezza produce tipicamente incrostazioni – resti minerali insolubili come il carbonato di calcio – al momento dell’ebollizione. Per lo studio, i ricercatori hanno ipotizzato che il carbonato di calcio incontri le nanoplastiche mentre cristallizza nell’acqua calda.

Il carbonato di calcio incapsula poi le nanoplastiche e diventa la crosta scagliosa che a volte si vede sul fondo del bollitore del tè.

Lo studio ha dimostrato che la bollitura dell’acqua dura del rubinetto contenente 300 milligrammi per litro (mg/L-1) di carbonato di calcio ha ridotto le nano e microplastiche di quasi il 90%, mentre l’acqua contenente 80 mg/L-1 ha ridotto le particelle dell’84%. Nei campioni di acqua dolce contenenti meno di 60 mg/L-1 di carbonato di calcio, la bollitura ha comunque ridotto le plastiche di oltre il 25%.

Il problema di milioni di tonnellate di plastica

A causa della nostra forte dipendenza dalla plastica, le nanoplastiche e le microplastiche sono comuni nelle acque sotterranee e di superficie di tutto il mondo.

Le microplastiche sono davvero ovunque, essendo state rilevate a sud fino all’Antartide e a nord fino all’Artico. Queste insidiose particelle sono state rilevate persino sulla vetta dell’Everest e nella fossa delle Marianne. 

In effetti, la plastica costituisce la maggior parte dei rifiuti marini; secondo uno studio del 2020 pubblicato su Science of the Total Environment, nel 2017 più di 8 milioni di tonnellate di plastica sono entrate nell’oceano. Questo numero rappresenta oltre 33 volte la quantità di plastica entrata nell’oceano nel 2015, indicando un preoccupante peggioramento del problema.

Quando la plastica si disintegra, pezzi microscopici vengono rilasciati nell’ambiente. Le microplastiche hanno in genere dimensioni inferiori a 5 millimetri, ma possono scomporsi in pezzi ancora più piccoli, chiamati nanoplastiche. Le nanoplastiche sono quasi impossibili da vedere con una dimensione di 1 micrometro. Secondo alcuni studi, i micro e i nano pezzi sono stati trovati in acqua, aria, suolo, cibo e sale da cucina.

Gli effetti sulla salute delle nano e microplastiche non sono stati ancora del tutto chiariti. Tuttavia, la ricerca ha suggerito che il loro accumulo nel corpo umano può causare resistenza all’insulina, disturbi metabolici del fegato, danni al DNA, disfunzioni agli organi, problemi di risposta immunitaria, neurotossicità e danni alla riproduzione.

Anche se il team di ricerca si è concentrato solo su tre tipi di nanoparticelle, la scoperta è un vantaggio per la salute pubblica.

Il team ha stimato che chi fa bollire l’acqua assume una quantità di nanoplastiche da due a cinque volte inferiore rispetto a chi non lo fa.

“Bere acqua bollita sembra essere una strategia praticabile a lungo termine per ridurre l’esposizione globale a [nano- e microplastiche]”, ha scritto il team di ricerca, aggiungendo che probabilmente è più efficace che bere acqua in bottiglia, soprattutto se imbottigliata in plastica.

Una bottiglia d’acqua media da un litro contiene 240.000 pezzi di nanoplastica, un numero di particelle da 10 a 100 volte superiore a quanto si pensava in precedenza.

Autore Amie Dahnke via The Epoch Times

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution