Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

WEF: Qualcuno deve occuparsi del razionamento della libertà

Screenshot 2023-10-09 alle 13.07.27
3.265 Visualizzazioni |

Ecco perché solo le banche centrali possono creare valute digitali

Scritto da Mark Jeftovic tramite BombThrower.com,

La Fed ha recentemente pubblicato un white paper,  Data Privacy for Digital Asset Systems, in cui sostiene che l’aspettativa di privacy nelle valute digitali (leggi: CBDC) deriva da un’incomprensione sul funzionamento dei sistemi digitali.

Il nocciolo della questione è che “Concetti come il desiderio di un ‘anonimato simile al denaro’ si basano su falsi presupposti di fondo.”,(veloce, qualcuno lo dica al team Monero, e a tutti gli altri che stanno già implementando protocolli e applicazioni in anonimato per le risorse digitali).

Comunque possono esserci alcune garanzie sulla privacy e sulla riservatezza integrate nelle CBDC, ma alla fine queste garanzie sarebbero comunque soggette a essere ignorate o in futuro eliminate. Il documento non dice questo, ma fa riferimenti indiretti:

“La riservatezza implica che i dati raccolti e archiviati siano protetti in qualche modo, con l’offuscamento o la restrizione all’accesso che sarà disponibile solo agli attori autorizzati”.

Il che ovviamente ti porta a chiederti chi sarà esattamente autorizzato e quali saranno le loro capacità? È davvero una domanda da trilioni di dollari..

WEF: “Tienimi la birra”

Se teniamo a mente questo documento mentre consideriamo il recente articolo del World Economic Forum su valute digitali, privacy e libertà, che fa una precisazione sull’argomento, pur rispettando “a parole il desiderio di privacy” con quei caratteristici eufemismi del linguaggio WEF:

“Una sostituzione del contante digitale non dovrebbe consentire la criminalità, ma  dovrebbe esserci una certa libertà di effettuare transazioni in completa privacy”.

“Una certa libertà” implica che qualsiasi libertà sarà soggetta ad approvazione, perché o hai completa libertà oppure no.

“Un po’ di libertà”, proveniente soprattutto dal WEF, assomiglia molto alla loro visione de “La vita nel 2030”, nota soprattutto per il punto n. 1:  “Non possiedi nulla e sarai felice” .

Il punto 4  è  “Mangerai molta meno carne. Un piacere occasionale, non un alimento base. Per l’ambiente e per la vostra salute”.

In altre parole, secondo il WEF, le valute digitali garantiranno una certa privacy e una certa  libertà. Proprio come nel 2030 potrai mangiare un po’ di carne. (Finché ti comporti bene.)

In tutto il pezzo l’impulso verso le valute digitali è spinto dalle preferenze dei consumatori per la comodità – non viene mai menzionato il fatto che gli stati nazionali e le ONG (incluso il WEF) ci spingano incessantemente lì, insieme agli ID digitali e ai passaporti sanitari.

A causa della loro preferenza per la comodità dei pagamenti elettronici, perderemo inavvertitamente la libertà storica che solo il contante offre: spendere i nostri soldi per ciò che vogliamo e con chi decidiamo di spenderlo.

È sempre divertente vedere i sostenitori di Davos fingere di essere alle prese con spinose questioni etiche:

Mentre i governi e le banche centrali valutano l’introduzione delle valute digitali delle banche centrali al dettaglio (CBDC), devono quindi rispondere a quanto segue: una volta effettuato l’ultimo pagamento in contanti, questo significa che il nostro diritto storico di effettuare pagamenti che non sono osservabili o censurabili da parte dello Stato verrà annullato? termineranno lo stesso giorno? é questo ciò che vogliamo?

La risposta, ovviamente, è un sonoro “sì” se vogliamo ricordare alcune delle dichiarazioni mozzafiato dei loro conclavi:

“Stiamo sviluppando, attraverso la tecnologia, la possibilità per i consumatori di misurare la propria impronta di carbonio. Che cosa significa? Ecco.. dove viaggiano, come viaggiano? Cosa stanno mangiando? Cosa consumano sulla piattaforma? Quindi, ogni individuo avrà un’impronta di carboni. Restate sintonizzati, non lo abbiamo ancora operativo, ma è qualcosa su cui stiamo lavorando” .

L’articolo del WEF affronta l’enigma:

qualsiasi sistema che consenta alle persone di effettuare pagamenti che non possono essere tracciati o bloccati è destinato ad attrarre criminali e a facilitare la libertà personale… Un sistema di valuta digitale non dovrebbe imitare il “selvaggio west”, ma dovrebbe esserci una certa libertà di effettuare transazioni in  completa  privacy .

E sebbene l’articolo lo riconosca,

“Se una CBDC non ha questa capacità, la mia previsione è che fallirà in alcune delle principali economie sviluppate.”,

l’intera cornice è rappresentata dalle banche centrali che sono l’unico gioco in città, e devono farlo bene:

Se il settore privato potesse fornire esso stesso un prodotto veramente simile al contante, allora non avremmo bisogno di questo dibattitoLa realtà è che solo una banca centrale potrebbe fornire questo tipo di prodotto, grazie al precedente stabilito dal monopolio sull’emissione di contanti.

Questo paragrafo sarebbe il cosiddetto “money-shot”. Non si fa menzione di Bitcoin, o del fatto che le criptovalute e le stablecoin stanno già diventando territorio ceduto all’interno dei quadri normativi degli stati nazionali. Non vi è alcun riconoscimento del fatto che molti detentori di ricchezza e capitale semplicemente metteranno fine alle CBDC proprio per le ragioni che articolano.

 

Uno dei principi fondamentali del WEF è che gli stati nazionali stanno perdendo la loro posizione di unici arbitri del potere in questa Quarta Rivoluzione Industriale. Ciò significa che dovranno coesistere all’interno di una rubrica di “capitalismo degli stakeholder”, ma su ciò che il WEF invia messaggi contrastanti:

Da un lato, i governi stanno perdendo il loro primato (e quindi il monopolio sull’emissione di moneta e iniziative sovranazionali come le identità digitali e i passaporti sanitari), mentre dall’altro, solo loro hanno l’autorità di benedire i sistemi monetari in ascesa. Cos’è questo?

E  come si potrebbe pubblicare un articolo come questo senza osservare l’elefante nella stanza: Bitcoin  (e le criptovalute, comprese le stablecoin) sono già entrate nel panorama monetario e lo hanno cambiato in modi irreversibili.

Come al solito quando si tratta del World Economic Forum, ci troviamo di fronte è una dimostrazione di arroganza e nescienza da mozzafiato.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution