Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Verso la dedollarizzazione: Intervista a Sergei Glazyev

1079639749_0_146_1920_1226_1920x0_80_0_0_a10e5a5905f0318c147abf6fc83a955b.jpg
2.126 Visualizzazioni |

Leggi l’articolo completo su: sputnikglobe

Pochissime persone in Russia e nel Sud globale sono qualificate come Sergei Glazyev, membro dell’Accademia delle Scienze russa, che ricopre anche il ruolo di commissario per l’integrazione e la macroeconomia presso l’Unione Economica Eurasiatica, per parlare della spinta, delle sfide e delle insidie nel percorso verso la de-dollarizzazione.
Mentre il Sud globale lancia appelli diffusi per una reale stabilità finanziaria; l’India, all’interno dei 10 BRICS , chiarisce che tutti devono riflettere seriamente sugli effetti tossici delle sanzioni unilaterali; e il professor Michael Hudson continua a ribadire che le politiche attuali non sono più sostenibili, Glazyev mi ha gentilmente ricevuto nel suo ufficio presso la CEE per una conversazione esclusiva e approfondita, che ha incluso anche affascinanti curiosità non ufficiali.
Glazyev ha spiegato come la sua idea principale sia stata “elaborata molto tempo fa. L’idea di base è che una nuova moneta debba essere introdotta innanzitutto sulla base di un diritto internazionale, firmato dai Paesi interessati alla produzione di questa nuova moneta. Non attraverso una sorta di conferenza, come quella di Bretton Woods, priva di legittimità. Nella prima fase, non tutti i Paesi saranno inclusi. I Paesi BRICS saranno sufficienti – più la SCO. In Russia abbiamo già il nostro SWIFT, lo SPFS. Abbiamo il nostro cambio di valuta, abbiamo relazioni di corrispondenza tra banche, consultazione tra banche centrali, qui siamo assolutamente autosufficienti”.
Tutto ciò porta all’adozione di una nuova valuta internazionale: “Non abbiamo bisogno di andare su larga scala. Il BRICS è sufficiente. L’idea della moneta è che ci siano due panieri: un paniere è costituito dalle valute nazionali di tutti i Paesi coinvolti nel processo, come il DSP, ma con criteri più chiari e comprensibili. Il secondo paniere è costituito dalle materie prime. Se abbiamo due panieri e creiamo la nuova valuta come un indice di materie prime e valute nazionali, e abbiamo un meccanismo per le riserve, secondo il modello matematico che sarà molto stabile. Stabile e conveniente”.
Poi si tratta di fattibilità: “Introdurre questa moneta come strumento per le transazioni non sarebbe troppo difficile. Con una buona infrastruttura e con l’approvazione di tutte le Banche Centrali, sta alle imprese utilizzare questa moneta. Dovrebbe essere in forma digitale – il che significa che può essere utilizzata senza il sistema bancario, quindi sarà almeno dieci volte più economica delle attuali transazioni attraverso le banche e i cambiavalute”.

La spinosa questione delle banche centrali

“Avete presentato questa idea ai cinesi?”.
“L’abbiamo presentato agli esperti cinesi, ai nostri partner della Renmin University. Abbiamo avuto un buon riscontro, ma non ho avuto l’opportunità di presentarlo a livello politico. Qui in Russia promuoviamo la discussione attraverso documenti, conferenze, seminari, ma non c’è ancora una decisione politica sull’introduzione di questo meccanismo nemmeno nell’agenda dei BRICS. La proposta del nostro team di esperti è di inserirlo nell’agenda del vertice BRICS del prossimo ottobre a Kazan. Il problema è che la Banca centrale russa non è entusiasta. I BRICS hanno deciso solo un piano operativo per l’utilizzo delle valute nazionali – che è anche un’idea abbastanza chiara, dato che le valute nazionali sono già utilizzate nel nostro commercio. Il rublo russo è la valuta principale nell’UEEA, il commercio con la Cina si svolge in rubli e renminbi, anche il commercio con l’India, l’Iran e la Turchia è passato alle valute nazionali. Ogni Paese dispone delle infrastrutture necessarie. Se le banche centrali introducono valute nazionali digitali e ne consentono l’uso nel commercio internazionale, è un buon modello. In questo caso le criptovalute possono facilmente bilanciare i pagamenti – ed è un meccanismo molto economico. Ciò che serve è un accordo da parte delle Banche Centrali per consentire a una certa quantità di valute nazionali in forma digitale di partecipare alle transazioni internazionali”.
“Sarebbe fattibile già nel 2024, se c’è la volontà politica?”.
“Ci sono già alcune start-up. Tra l’altro, sono in Occidente e la digitalizzazione è condotta da aziende private, non dalle banche centrali. Quindi la domanda c’è. La nostra Banca Centrale deve elaborare una proposta per il vertice di Kazan. Ma questa è solo una parte della storia. La seconda parte è il prezzo. Per il momento il prezzo è determinato dalla speculazione occidentale. Noi produciamo queste materie prime, le consumiamo, ma non abbiamo un nostro meccanismo di prezzi che equilibri domanda e offerta. Durante il panico di Covid, il prezzo del petrolio è sceso quasi a zero. È impossibile fare una pianificazione strategica per lo sviluppo economico se non si controllano i prezzi dei beni di base. La formazione dei prezzi con questa nuova moneta dovrebbe eliminare gli scambi occidentali di materie prime. La mia idea si basa su un meccanismo che esisteva nell’Unione Sovietica, nel Comecon. In quel periodo avevamo accordi a lungo termine non solo con i Paesi socialisti, ma anche con l’Austria e altri Paesi occidentali, per la fornitura di gas per 10 anni, 20 anni, la base di questa formula di prezzo era il prezzo del petrolio e il prezzo del gas”.
Ciò che risalta è l’efficacia di una politica a lungo termine: “Abbiamo creato un modello a lungo termine. Qui nella CEE stiamo esaminando l’idea di un mercato comune degli scambi. Abbiamo già preparato una bozza, con alcuni esperimenti. Il primo passo è la creazione di una rete di informazioni, di scambi in diversi Paesi. È stato un successo. Il secondo passo sarà la creazione di una comunicazione online tra le borse, e infine passeremo a un meccanismo comune di formazione dei prezzi, aprendo questo meccanismo a tutti gli altri Paesi. Il problema principale è che i principali produttori di materie prime, in primo luogo le compagnie petrolifere, non amano commerciare attraverso le borse. Preferiscono commerciare personalmente, quindi è necessaria una decisione politica per far sì che almeno la metà della produzione di materie prime passi attraverso le borse. Un meccanismo in cui domanda e offerta si bilancino. Per il momento il prezzo del petrolio sui mercati esteri è “segreto”. È una sorta di pensiero dei tempi coloniali. Come imbrogliare. Dobbiamo creare una legislazione per aprire tutte queste informazioni al pubblico”.

Leggi l’articolo completo su: sputnikglobe

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution