Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Tre nuovi accordi Cina-Russia-Iran e Iraq confermano il nuovo ordine del mercato petrolifero

Schermata 2023-06-01 alle 18.50.19
149 Visualizzazioni |

Di Simon Watkins (sottolineature nostre)

  • Mosca ha firmato il 18 maggio 10 nuovi accordi di cooperazione con l’Iran per il solo settore petrolifero.
  • La Cina ha aspettato che il polverone si calmasse prima di firmare anch’essa, il 23 maggio, nuovi accordi di cooperazione con l’Iran.
  • La Cina ha notevolmente ampliato la sua influenza in Medio Oriente al fine di garantire forniture di idrocarburi sufficienti per alimentare la sua crescita economica.

L’ultima settimana ha visto una raffica di importanti accordi di cooperazione – anche in materia di energia, sicurezza e logistica – tra Iran, Iraq, Russia e Cina. I suoi elementi chiave costituiscono una parte significativa del nuovo ordine globale del mercato petrolifero, ma i tre principali accordi di cooperazione più recenti avranno conseguenze immediate sui flussi di petrolio e gas nel mondo e sui loro prezzi.

Il punto di partenza per la Cina resta il progetto “One Belt, One Road”. E cioè trasformare il Medio Oriente in una grande stazione di petrolio e gas con la quale può alimentare la sua crescita economica per superare gli Stati Uniti come superpotenza numero uno entro il 2030. Le tre maggiori riserve di petrolio e gas nella regione appartengono all’Iran, L’Iraq e l’Arabia Saudita. Per la Russia, che ha già molto petrolio e gas – su cui la Cina ha già un controllo significativo – gli obiettivi in ​​Medio Oriente sono più vari. Uno degli obiettivi è continuare a esercitare influenza in diversi paesi che considera fondamentali per mantenere parte della sua presa sugli stati dell’ex Unione Sovietica. Un altro, più recente, è usare questa influenza per rafforzare la sua posizione di partner degno di nota per la Cina. Per quanto riguarda gli altri paesi di questa telenovela – Iran e Iraq, e ora anche più chiaramente l’Arabia Saudita – sono in questa nuova alleanza globale in parte per il sostegno economico e politico della Cina (e in misura minore della Russia) e perché i loro sistemi politici sono naturalmente molto più vicini ai regimi autoritari di Cina e Russia di quanto non lo siano a quelli democratici degli Stati Uniti e dei suoi alleati. (evitiamo commenti:)

Come analizzato anche nel  mio nuovo libro sul nuovo ordine mondiale del mercato petrolifero, l’Iran ha esercitato a lungo un’enorme influenza sul suo vicino direttamente e indirettamente attraverso i suoi delegati politici, economici e militari. L’Iraq è sempre stato predisposto a tale cooperazione nel settore energetico, poiché i due paesi condividono molti dei loro maggiori giacimenti petroliferi. Questi includono Azadegan (dalla parte dell’Iran)/Majnoon (dalla parte dell’Iraq), Azar/Badra, Yadavaran/Sinbad, Naft Shahr/Naft Khana, Dehloran/Abu Ghurab, West Paydar/Fakka e Arvand/South Abu Ghurab. Ciò si è da tempo dimostrato estremamente utile per l’Iran nell’evitare le sanzioni, poiché il petrolio dalla sua parte di questi giacimenti può essere facilmente ribattezzato come petrolio iracheno non sanzionato e quindi spedito in qualsiasi parte del mondo. Si è anche dimostrato uno strumento utile per l’Iraq attraverso il quale può estorcere miliardi di dollari agli Stati Uniti promettendo di fermare l’importazione di elettricità e gas iraniani, solo per rinnegare quelle promesse nel momento in cui il denaro arriva sui conti bancari del centro di Baghdad. Gli ultimi accordi di cooperazione rafforzano ulteriormente tutti questi legami tra Iran e Iraq.

Gli altri recenti accordi di cooperazione sono volti a garantire che qualunque cosa appartenga all’Iran (compreso il controllo sulle riserve di petrolio e gas dell’Iraq) sia anche di Cina e Russia. La prima è stata Mosca, che il 18 maggio ha firmato 10 nuovi accordi di cooperazione con l’Iran per il solo settore petrolifero. Secondo una fonte che lavora a stretto contatto con il ministero del Petrolio iraniano, interpellato in esclusiva la scorsa settimana da OilPrice.com , gli accordi comprendono sei memorandum d’intesa, due contratti, una più ampia tabella di marcia per la cooperazione militare e un’altra relativa alla cooperazione bilaterale nei settori dell’industria, trasferimento di tecnologia e valorizzazione del recupero del petrolio. In sostanza, questi si sommano ad un rinnovo ed estensione dei precedenti accordi a rotazione quinquennali e decennali tra Russia e Iran. Questi consentono alla Russia (insieme alla Cina in accordi separati, di cui parleremo tra un attimo) di avere le sue aziende presenti in qualsiasi giacimento di petrolio e gas in Iran. Consente inoltre lo scambio degli ufficiali militari più promettenti tra i due paesi e alla Russia il pieno accesso agli aeroporti e ai porti marittimi dell’Iran. Inoltre, consente una cooperazione continua in altre questioni militari e di sicurezza, compresa la condivisione di intelligence, attrezzature e tecnologia.

L’uomo della Russia in Iran – il vice primo ministro e co-presidente della Commissione permanente russo-iraniana per la cooperazione commerciale ed economica, Alexander Novak – ha anche sottolineato che i due paesi stanno lavorando alle interazioni bancarie e utilizzano le loro valute nazionali nelle transazioni bilaterali. Ulteriori progressi sono stati compiuti anche sul Corridoio di Trasporto Nord-Sud (NSTC), con diversi accordi raggiunti nei settori del trasporto ferroviario, stradale, marittimo e aereo. Mosca è interessata a sviluppare il corridoio fino all’India e oltre. Oltre a incrementare il commercio tra Russia e Iran attraverso le regioni del Caspio e del Golfo Persico, queste rotte fornirebbero anche molte opportunità per un uso “duplice” – sia civile che militare – degli aeroporti e dei porti marittimi.

Cercando sempre di fare un grande ingresso, la Cina ha aspettato che la polvere si fermasse prima di firmare anch’essa nuovi accordi di cooperazione con l’Iran il 23 maggio. Secondo la fonte iraniana interpellata da OilPrice.com, questi accordi stavano semplicemente fissando alcuni dei restanti dettagli sulla cooperazione finanziaria, di investimento ed energetica contenuti nell'”Accordo di cooperazione globale di 25 anni Iran-Cina”. Nell’accordo di 25 anni, alla Cina vengono garantiti prezzi del petrolio e del gas dall’Iran inferiori di almeno il 30% rispetto ai relativi parametri di riferimento dei prezzi del petrolio. Tuttavia, secondo la fonte iraniana, dall’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, la Cina ha chiesto uno sconto extra sul petrolio iraniano fino 30% al quale può attualmente acquistare anche petrolio russo. “In media, lo sconto cinese per il greggio iraniano rispetto al benchmark internazionale negli ultimi 12 mesi è stato di circa il 44%”, ha affermato. “Ma è anche peggio per l’Iran, poiché – dall’11 novembre 2022 – la Cina paga l’Iran in Yuan non convertibili, cioè Yuan che possono essere utilizzati solo all’interno della Cina e/o spesi per acquistare beni cinesi”, ha aggiunto. “Peggio ancora è che mentre lo Yuan è lo strumento chiave nei pagamenti, la Cina utilizza anche le valute dell’Angola”.

Di Simon Watkins per Oilprice.com

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution