Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Biden: «Questa è una grande vittoria per l’economia e per il popolo americano»

Schermata 2023-05-26 alle 13.27.59
259 Visualizzazioni |

02.06.2023

«Questa è una grande vittoria per l’economia e per il popolo americano», ha affermato il presidente democratico aggiungendo di essere «impaziente» di mettere in atto questo accordo negoziato per settimane con il campo repubblicano.

Il Congresso degli Stati Uniti ha sospeso il tetto del debito, evitando in extremis la minaccia di un default. Il Senato americano ha infatti adottato stanotte il disegno di legge in tal senso già approvato alla Camera, frutto di lunghe trattative tra il presidente Joe Biden e il campo repubblicano e che consentirà a Washington di onorare i suoi pagamenti fino all’inizio del 2025. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha applaudito al voto del Senato che sospende il tetto del debito degli Stati Uniti fino al 2025.

fonte Sole 24 ore

In continuo aggiornamento —> Fallimento debito Usa: i numeri al congresso sul voto che ci sarà sul tetto del debito Usa, e il racconto dei senatori che non lo sosterranno.

31.05.2023

Mentre l’accordo sul tetto del debito si prepara per essere discusso e votato al Congresso Usa, i democratici del Senato hanno promesso di ritardare la votazione fino a quando non ci saranno modifiche. Per farlo saranno presentati emendamenti che dovranno essere discussi e su cui si cercherà di prender tempo.

Come riporta The Hill , è probabile che il disegno di legge ottenga oltre 40 voti democratici al Senato, il che significa che probabilmente occorrono almeno 10-20 “sì” da parte dei repubblicani del Senato per poter passare alla scrivania del presidente Biden prima del 5 giugno “la data X” (termine comunicato dal segretario al Tesoro Janet Yellen).

Il senatore Mike Lee (R-UT) ha minacciato di utilizzare “ogni strumento procedurale a mia disposizione” per rallentare il disegno di legge.

Il senatore Rand Paul (R-KY) ha chiesto un voto sulla sua “alternativa conservatrice” che taglierebbe la spesa federale totale di 545 miliardi di dollari in due anni.

Rand Paul, un altro senatore, afferma che non voterà per nessun disegno di legge per aumentare il tetto del debito che non riequilibri il bilancio federale in cinque anni , il che richiederebbe tagli futuri per oltre 500 miliardi di dollari.

” A noi non sembrano affatto tagli. In effetti, la spesa aumenterà ogni anno con quel piano“, ha detto sull’accordo Biden-McCarthy, aggiungendo “La spesa obbligatoria è enorme; Sta salendo del cinque percento all’anno”.

Sono tra gli oppositori dell’attuale accordo il Sen. Rick Scott (R-FL) e Mike Braun (R-IN) .

Questo disegno di legge ci lascia con migliaia di miliardi di debiti in più e nessun percorso chiaro per ridurre l’inflazione o raggiungere il pareggio di bilancio. Apprezzo il lavoro svolto da @SpeakerMcCarthy per cercare di negoziare un buon affare quando @JoeBiden si è rifiutato di impegnarsi, ma non posso sostenere questo disegno di legge,” Scott ha twittato martedì.

Braun, nel frattempo, ha detto ai giornalisti che non voterà a favore del disegno di legge a meno che non contenga modifiche ed emendamenti importanti , aggiungendo che non si opporrà ad accelerare il dibattito sulla legislazione.

Altri senatori del GOP su questa direzione sono John Cornyn, John Kennedy e Mike Rounds .

“Dal mio punto di vista, non c’è davvero nulla da sostenere fino a quando la Camera non approva il disegno di legge. Sto aspettando di vedere cosa ci manda la Camera“, ha detto Cornyn.

da The Hill

29.05.2023

commento di Rapobank (scarica il pdf per visualizzare l’originale completo)

Quindi un accordo sul debito è fatto, e ora non resta che articolarlo in un disegno di legge che possa passare attraverso il Congresso e essere firmato dal Presidente. Questo non è affatto un fatto compiuto, ma dovrebbe esserci un sufficiente sostegno sia da parte dei repubblicani che dei democratici per superare il limite prima della data X rivista di Janet Yellen di lunedì prossimo (n.d. 5 giugno 2023). I primi reports del fine settimana dicono che mercoledì verrà presentato un disegno di legge al Congresso, con la speranza di un rapido passaggio sia alla Camera che al Senato. Nessuna delle due parti è soddisfatta dei termini dell’accordo, il che probabilmente suggerisce che si trovi il giusto equilibrio.

Il tetto del debito sarà sospeso per due anni, il tempo sufficiente per portare Biden a superare le elezioni presidenziali del 2024. I repubblicani hanno ottenuto concessioni di spesa da Biden che limitano la crescita della spesa non essenziale allo 0% nell’anno fiscale 2024 e solo all’1% nell’anno fiscale 2025. Ciò rappresenta un taglio in termini reali, ma non è stato sufficiente per alcuni dei falchi fiscali nel Partito Repubblicano visto che il debito nazionale raggiungerà, in base a questo accordo, i 35 trilioni di dollari nel 2025 . Allo stesso modo, i democratici progressisti sono sconvolti dal fatto che Biden abbia accettato qualsiasi taglio alla spesa. Se il disavanzo doveva essere ridotto, quei membri preferivano l’aumento delle tasse come mezzo per farlo. Nonostante lo Sturm and Drang, sembra che il barattolo del debito sia stato nuovamente tirato in avanti e che la repressione finanziaria rimanga l’unica vera strategia di riduzione del debito che abbia qualche prospettiva di funzionare davvero.

Naturalmente, ciò richiederebbe l’aiuto dei nostri amici della Fed. Il flusso di dati di venerdì ha sollevato alcune nuove sfide sull’idea della Fed nel percorso futuro del tasso sui Fed Funds rate. L’inflazione Core di aprile è rimasta caldo allo 0,4% rispetto alle aspettative dello 0,3% con uno scarto di appena lo 0,1%. Allo stesso modo, la spesa personale ad aprile è aumentata del doppio del previsto: +0,8%. Ciò è particolarmente sorprendente dato che il reddito personale è aumentato solo dello 0,4% nel mese e la crescita della spesa è stata piatta nel mese precedente. I dati della Fed di St Louis mostrano che i saldi medi del credito rotativo sono cresciuti dal quarto al primo trimestre negli ultimi due anni, il che rappresenta uno dei rialzi più forti che abbiamo visto dalla metà degli anni 2000. Quindi, leggendo tra le righe, sembra che gli americani stiano spendendo di più, ma per farlo usano il credito. Sembra molto simile al Congresso (almeno fino ad ora), e peserà sul pensiero della Fed, il cui strumento principale per rallentare l’economia è rendere più costoso quel grande stock di credito.

A questo proposito, Loretta Mester della Cleveland Fed ha suggerito che un rialzo dei tassi a giugno è ancora una possibilità, pur osservando che “i progressi sull’inflazione sono lenti, preoccupanti” e che sarebbe un errore per la Fed sottovalutare e consentire il persistere dell’inflazione. Ha anche affermato che potrebbe rivedere al rialzo la sua stima dell’inflazione alla riunione di giugno e che ritiene che la Fed debba inasprire ulteriormente, anche se non accadrà a giugno. Un Thomas Barkin, anche lui aggressivo della Fed di Richmond, ha descritto la domanda di lavoro nei mestieri qualificati come “pazzamente calda”, ma Susan Collins della Fed di Boston è stata un po’ più ottimista. Ha affermato che la Fed è in prossimità di una pausa nel ciclo di rialzo, che è un’opinione condivisa dall’esperto della Fed di Rabobank, Philip Marey. La serie di dati negli ultimi giorni ha visto gli operatori aumentare le loro scommesse sui tassi dando per scontato un rialzo a luglio.

Altrove durante il fine settimana abbiamo visto la notizia che il presidente turco Erdogan ha vinto nella sua candidatura per la rielezione. Erdogan ha affrontato una dura sfida da parte di Kemal Kilicdaroglu, ma alla fine ha prevalso al secondo turno di votazioni. La vittoria di Erdogan ha visto ulteriori pressioni sulla lira turca, che è scesa di oltre il 70% rispetto al dollaro dall’inizio del 2020, e preoccupazioni per la diminuzione delle riserve di valuta estera della Turchia. Erdogan è riuscito a posizionare la Turchia come un attore sempre più importante nella geopolitica, soprattutto dopo l’invasione russa dell’Ucraina, ma i partiti di opposizione credevano che politiche economiche non ortodosse e un’inflazione molto alta sarebbero state sufficienti per convincere gli elettori per una transizione al potere.

La Turchia non è Robinson Crusoe nel subire pressioni sulle riserve di valuta estera. Negli ultimi mesi abbiamo assistito a problemi simili in Argentina, Sri Lanka, Libano e in molti altri mercati emergenti. Il rapido inasprimento delle politiche e il conseguente deflusso dei bilanci da parte della Fed stanno risucchiando liquidità in dollari dal mercato e lasciando alcune di quelle economie emergenti nell’impossibilità di onorare i propri debiti o pagare le proprie importazioni. La Cina e la Russia sono utilmente entrate nella breccia nel tentativo di porre fine al “privilegio esorbitante” degli Stati Uniti (e proteggersi dalle sanzioni statunitensi), ma come sottolinea il mio connazionale Michael Every, la morte del sistema basato sul dollaro è molto esagerato.

Quindi, un’altra settimana di imbrogli sul tetto del debito, ma almeno ci stiamo avvicinando alla fine (per ora). Mentre la grande domanda sul fatto che un accordo si sarebbe concluso o meno, sembra aver avuto una risposta, ora ne sono emerse molte di nuove domande: il passaggio dell’accordo attraverso il Congresso andrà liscio o ci saranno tentativi di rovinare tutto all’ultimo minuto? Cosa significa il ridotto impulso fiscale per la liquidità in dollari e per i mercati emergenti? E l’accordo sul debito offre alla Fed una chiara pista per un ulteriore inasprimento? Immagino che lo scopriremo questa settimana.

28.05.2023 (1)

“Dopo dure trattative per raggiungere un accordo provvisorio con la Casa Bianca sul limite di indebitamento degli Stati Uniti, la prossima sfida per il presidente della Camera Kevin McCarthy è far passare l’accordo alla Camera, dove potrebbe essere contrastato da entrambi i repubblicani dalla linea dura e democratici progressisti” scrivono su Reuters

I negoziatori della Casa Bianca e del GOP hanno raggiunto un accordo di principio per aumentare il tetto del debito degli Stati Uniti , scongiurando un default.

L’accordo aumenta il limite del debito e mantiene la spesa, esclusa per la difesa, “quasi piatta” per due anni , tagliando e limitando vari programmi federali, riporta il NY Times . Dopo il 2025, tuttavia, non ci saranno limiti di budget .

Se i progressisti o i democratici non lo fanno saltare in aria, il piano ha una possibilità di passaggio al Congresso prima del 5 giugno, data in cui il segretario al Tesoro Janet Yellen ha avvertito che qualsiasi accordo deve essere finalizzato per evitare di raggiungere la “data X”. “, quando il Tesoro non può più far fronte ai propri obblighi.

Qui di seguito il video dove McCarthy fa un annuncio sulle negoziazioni sul tetto del debito Usa

27.05.2023 (2)

Kevin McCarthy ha dichiarato oggi che sono stati compiuti “progressi” nei negoziati con il presidente democratico Joe Biden sull’innalzamento del tetto del debito del governo federale, quando il Paese rischia la sospensione dei pagamenti tra meno di una settimana .

C’è poco tempo. Il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato venerdì che il governo esaurirà i fondi per pagare le incombenze entro il 5 giugno se il Congresso non agirà, un lasso di tempo leggermente più lungo ma più certo rispetto alla sua precedente previsione di default per il 1 giugno.

Qualsiasi accordo tra il presidente democratico Joe Biden e il massimo membro del Congresso repubblicano Kevin McCarthy sarà l’inizio di quello che potrebbe  essere un processo legislativo lungo circa una settimana in un Congresso altamente diviso e polarizzato.

“Non abbiamo un accordo”, ha detto McCarthy ai giornalisti. “Non ci siamo ancora arrivati. Abbiamo fatto progressi, abbiamo lavorato fino a tarda mattinata. E ora ci siamo ritrovati”.

I repubblicani della linea dura della Camera dei Rappresentanti hanno minacciato di bloccare qualsiasi disegno di legge che non soddisfi le loro aspettative, compresi forti tagli alla spesa.

I Democratici progressisti hanno invece minacciato di negare il loro sostegno su alcuni degli impegni assunti, in particolare sull’imposizione di nuovi requisiti di lavoro nei programmi federali contro la povertà.

“È molto vicino e sono ottimista”, ha detto Biden ai giornalisti venerdì.

I repubblicani controllano la Camera dei rappresentanti con un margine di 222 contro 213, mentre i democratici hanno una maggioranza di 51 contro 49 al Senato

I repubblicani hanno cercato di tagliare drasticamente la spesa pubblica nei prossimi 10 anni per rallentare la crescita del debito degli Stati Uniti, che attualmente equivale alla produzione annuale dell’economia. Ma è probabile che l’accordo provvisorio non raggiunga il suo obiettivo.

Fonte Reuters

 

27.05.2023 (1)

Il Tesoro Usa conferma quanto riportato ieri rispetto alla data di scadenza sul Tetto del Debito al 5 giugno 2023 visti e aggiornati i saldi di cassa.

Repubblicani e Democratici hanno continuato i negoziati nella giornata di ieri e riprenderanno oggi. Biden resta fiducioso su un accordo a stretto giro.

Fonte Reuters

 

26.05.2023 (2)

Oggi la Casa Bianca e i repubblicani del Congresso puntano agli ultimi ritocchi sull’accordo per aumentare il tetto del debito del governo degli Stati Uniti di 31,4 trilioni di dollari per due anni, limitando la spesa per tutto tranne per militari e veterani, secondo un funzionario statunitense.

Fonte reuters

 

26.05.2023 (1)

Breve aggiornamento rispetto alla questione Tetto del debito Usa e rischio di fallimento.

Ieri il presidente Joe Biden ha affermato che “non ci sarà default sul debito”. Sempre nella giornata di ieri il Tesoro Usa ha pubblicato i saldi di cassa e quello che ne viene fuori è una disponibilità di 140 miliardi per tirare a campare.

Tecnicamente ciò significa che al momento il Tesoro Usa si ritrova in cassa più di quanto previsto solo una settimana fa.

Questa “buona nuova” che arriva dagli Usa concede più tempo alle parti (repubblicani e democratici) per trovare un accordo.

E quindi mentre settimana scorsa si indicava come ultima data utile quella del 1 giugno, dopo di che sarebbe scattato il fallimento sul debito Usa, ad oggi i dati aggiornati spostano la scadenza al 5 giugno.

Di fatto una settimana in più per trovare un accordo e votarlo in assemblea.

Accordo che, da quanto si legge negli Usa, potrebbe arrivare anche nella giornata di oggi.

Insomma al momento risulta ottimismo, se le cose dovessero cambiare ci aggiorneremo qui in questa pagina.

 

 

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution