Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Studio: Le persone con più dosi di vaccino COVID-19 hanno maggiori probabilità di contrarre il virus!

image
2.217 Visualizzazioni |

Di Zachary Stieber

Secondo un nuovo studio, le persone che hanno ricevuto più di una dose di vaccino COVID-19 hanno avuto maggiori probabilità di contrarre la malattia.

Un’analisi dei dati dei dipendenti della Cleveland Clinic ha rilevato che le persone che avevano ricevuto due o più dosi erano a più alto rischio di contrarre la COVID-19, ha riferito il dottor Nabin Shrestha e i suoi coautori.

Il rischio di contrarre la COVID-19 era 1,5 volte più alto per chi aveva ricevuto due dosi, 1,95 volte più alto per chi aveva ricevuto tre dosi e 2,5 volte più alto per chi aveva ricevuto più di tre dosi, hanno rilevato i ricercatori. Il rischio più elevato è stato confrontato con quello delle persone che hanno ricevuto zero o una sola dose di vaccino.

Click here per vedere il documentario completo “The Unseen Crisis: Vaccine Stories You Were Never Told”.

“La ragione esatta di questo risultato non è chiara. È possibile che ciò sia legato al fatto che l’immunità indotta dal vaccino è più debole e meno duratura di quella naturale. Quindi, anche se in qualche modo protettiva a breve termine, la vaccinazione può aumentare il rischio di infezioni future”, hanno dichiarato i ricercatori nel documento, pubblicato come preprint.

Il dottor Robert Malone, un ricercatore sui vaccini che non ha partecipato alla stesura del documento, ha dichiarato a The Epoch Times che il documento serve come “un altro riconoscimento del fatto che i prodotti non sono efficaci o hanno un’efficacia molto bassa e stanno contribuendo a un’efficacia negativa [a valle]”.

Ha sottolineato che i ricercatori non hanno studiato la sicurezza dei vaccini tra i dipendenti. I vaccini COVID-19 possono causare una serie di effetti collaterali, tra cui infiammazioni cardiache fatali, secondo la letteratura e i registri dei decessi.

Studi e dati precedenti hanno anche suggerito che le persone con più dosi di vaccino sono più suscettibili all’infezione da COVID-19, tra cui precedenti documenti degli scienziati della Cleveland Clinic e uno studio dall’Islanda.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che hanno ripetutamente rifiutato le richieste di commentare le ricerche esterne e raccomandano a praticamente tutte le persone di età pari o superiore ai 6 mesi ricevano uno dei vaccini COVID-19 attualmente disponibili.

In un documento pubblicato a febbraio nel rapporto settimanale dell’agenzia, gli scienziati del CDC hanno dichiarato che l’ultima versione dei vaccini, un monovalente mirato alla sottovariante XBB.1.5, ha fornito un’efficacia del 49% tra i 60 e i 119 giorni successivi, quando il ceppo virale JN.1 era dominante.

I dati supplementari, tuttavia, hanno mostrato che le persone di 50 anni e più che hanno ricevuto la precedente versione bivalente erano più suscettibili all’infezione sintomatica.

Gli autori non hanno rivelato alcun conflitto di interesse e hanno riconosciuto almeno cinque limitazioni, tra cui l’utilizzo di un proxy per l’infezione da JN.1.

Un altro studio, pubblicato prima della revisione paritaria in aprile, ha stimato l’efficacia del vaccino aggiornato di Pfizer al 32% contro l’ospedalizzazione dalla fine del 2023 all’inizio del 2024. La ricerca è stata condotta da scienziati di diverse istituzioni, tra cui il Dipartimento degli Affari dei Veterani degli Stati Uniti e Pfizer, molti autori hanno segnalato conflitti di interesse e alcuni dei finanziamenti provenivano da Pfizer.

L’addestramento del sistema immunitario delle persone a reagire ai ceppi virali più vecchi a scapito della protezione contro le varianti più recenti è una teoria che spiega perché i vaccinati potrebbero essere più inclini all’infezione.

“Dosi multiple di vaccino possono avere l’effetto del potenziamento anticorpo-dipendente o del ‘peccato antigenico originale’, che aumenta la risposta all’infezione in modo sproporzionato agli anticorpi generati dalla prima dose di vaccino, piuttosto che dal vaccino attuale o dall’infezione in corso, rendendo la risposta anticorpale meno efficace”, ha dichiarato in un’e-mail a The Epoch Times il dottor Harvey Risch, professore emerito di epidemiologia presso la Yale School of Public Health, dopo aver esaminato il documento.

Il dottor Shrestha, che non ha risposto a una richiesta di commento, e i ricercatori della Cleveland Clinic hanno voluto analizzare l’efficacia delle iniezioni di XBB.1.5 contro JN.1, che ha soppiantato XBB.1.5 prima della fine del 2023.

A tal fine, hanno analizzato l’incidenza della COVID-19 tra i dipendenti della Cleveland Clinic dal 31 dicembre 2023 al 22 aprile 2024.

Tra i circa 47.500 dipendenti inclusi nello studio, 838 sono risultati positivi alla COVID-19 in quel periodo.

I dati non aggiustati non hanno mostrato alcuna differenza tra le persone che hanno ricevuto uno dei vaccini aggiornati e quelle che non l’hanno ricevuto, ma dopo aver aggiustato per l’età e altri fattori, i ricercatori hanno stimato che i vaccini hanno fornito un’efficacia del 23% contro l’infezione.

Le linee guida federali e mondiali considerano i vaccini inefficaci se forniscono una protezione inferiore al 50%.

Secondo i ricercatori, il numero di malattie gravi nella popolazione dello studio era troppo basso per stimare l’efficacia contro le malattie gravi.

Le limitazioni elencate includono l’impossibilità di separare le infezioni sintomatiche da quelle asintomatiche. Non sono stati segnalati conflitti di interesse e gli autori hanno dichiarato di non aver ricevuto alcun finanziamento.

Di Zachary Stieber

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution