Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Problemi dopo la vaccinazione COVID-19 più frequenti tra i soggetti naturalmente immuni: uno studio

image_80(317)
3.784 Visualizzazioni |

Autore Zachary Stieber via The Epoch Times

I ricercatori europei hanno riferito che le persone guarite dalla COVID-19 e che hanno ricevuto un’iniezione di COVID-19 hanno avuto maggiori probabilità di subire reazioni avverse.

I partecipanti allo studio avevano maggiori probabilità di sperimentare una reazione avversa dopo la vaccinazione, indipendentemente dal tipo di iniezione, con un’unica eccezione, secondo i ricercatori.

Secondo il nuovo studio, in tutte le marche di vaccino, le persone con un precedente COVID-19 avevano una probabilità 2,6 volte maggiore di subire una reazione avversa dopo la prima dose. Queste persone sono comunemente note per avere un tipo di protezione nota come immunità naturale dopo la guarigione.

I soggetti con precedenti COVID-19 avevano anche una probabilità 1,25 volte maggiore di manifestare una reazione avversa dopo la dose 2.

I risultati sono validi per tutti i tipi di vaccino dopo la prima dose.

Tra le partecipanti di sesso femminile che hanno ricevuto il vaccino di Pfizer-BioNTech, ad esempio, l’82% di quelle che avevano ricevuto il COVID-19 in precedenza ha manifestato una reazione avversa dopo la prima dose, rispetto al 59% delle donne che non avevano ricevuto il COVID-19 in precedenza.

L’unica eccezione a questa tendenza si è verificata tra i maschi che hanno ricevuto una seconda dose di AstraZeneca. La percentuale di maschi che hanno avuto una reazione avversa è stata più alta, dal 33% al 24%, tra coloro che non avevano precedenti con COVID-19.

“I partecipanti che hanno avuto una precedente infezione da SARS-CoV-2 (confermata con un test positivo) hanno manifestato almeno una reazione avversa più spesso dopo la prima dose rispetto ai partecipanti che non hanno avuto una precedente infezione da COVID-19. Questo schema è stato osservato sia negli uomini che nelle donne e in tutte le marche di vaccino”. Questo schema è stato osservato sia negli uomini che nelle donne e in tutte le marche di vaccino”, hanno scritto Florence van Hunsel, epidemiologa del Centro olandese di farmacovigilanza Lareb, e i suoi coautori.

I ricercatori hanno anche riscontrato una probabilità solo leggermente più alta che i soggetti naturalmente immuni soffrano di una reazione avversa dopo aver ricevuto un richiamo di Pfizer o Moderna.

I ricercatori hanno effettuato il cosiddetto studio di monitoraggio degli eventi di coorte, seguendo 29.387 partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino COVID-19. I partecipanti vivono in un Paese europeo come Belgio, Francia o Slovacchia.

Complessivamente, tre quarti dei partecipanti hanno riportato almeno una reazione avversa, anche se alcune erano di lieve entità, come il dolore al sito di iniezione.

Le reazioni avverse descritte come gravi sono state riportate dallo 0,24% delle persone che hanno ricevuto una prima o una seconda dose e dallo 0,26% delle persone che hanno ricevuto un richiamo. Nello studio non sono stati elencati diversi esempi di reazioni gravi.

Ai partecipanti è stato chiesto di registrare solo una serie di reazioni avverse minori (ADR). Potevano fornire dettagli su altre reazioni in forma di testo libero.

“Gli eventi non richiesti sono stati valutati e codificati manualmente e la gravità è stata classificata in base a criteri internazionali”, hanno dichiarato i ricercatori.

Gli autori osservano: “In questo manoscritto non ci si è concentrati sulle ADR gravi e sugli eventi avversi di particolare interesse”.Tuttavia, nella sezione dei punti salienti affermano: “La percentuale di ADR gravi nello studio è bassa per la prima e la seconda vaccinazione e per il richiamo”.

Il dottor Joel Wallskog, co-presidente del gruppo React19, che difende le persone danneggiate dai vaccini, ha dichiarato a The Epoch Times: “È intellettualmente disonesto studiare eventi avversi minori dopo la vaccinazione COVID-19 e poi trarre conclusioni sulla frequenza di eventi avversi gravi. Inoltre, non forniscono i dati in chiaro”. Ha aggiunto che il documento mostra “l’ennesimo studio che, a mio parere, è carente per concezione”.

La signora Hunsel non ha risposto a una richiesta di commento.

Lei e altri ricercatori hanno elencato i limiti del documento, tra cui il fatto che non hanno fornito dati suddivisi per Paese.

Il documento è stato pubblicato dalla rivista Vaccine il 6 marzo.

Lo studio è stato finanziato dall’Agenzia Europea dei Medicinali e dal governo olandese.

Nessun autore ha dichiarato conflitti di interesse.

Alcuni lavori precedenti hanno anche rilevato che le persone con una precedente infezione da COVID-19 hanno avuto più eventi avversi dopo la vaccinazione con COVID-19, tra cui un lavoro del 2021 di ricercatori francesi. Uno studio statunitense ha identificato una precedente infezione da COVID-19 come fattore predittivo della gravità degli effetti collaterali.

Alcuni altri studi hanno stabilito che i vaccini COVID-19 conferiscono un beneficio minimo o nullo alle persone con una storia di infezione, comprese quelle che hanno ricevuto una serie primaria.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano ancora che le persone guarite dal COVID-19 ricevano il vaccino contro la COVID-19, anche se diverse altre autorità sanitarie hanno smesso di raccomandare l’iniezione per le persone che hanno già avuto una COVID-19.

Un altro nuovo studio

In un altro nuovo lavoro, i ricercatori sudcoreani hanno illustrato come abbiano riscontrato una maggiore probabilità di segnalare alcune reazioni avverse dopo la vaccinazione COVID-19 rispetto a quella ricevuta con un altro vaccino.

La segnalazione di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, o di pericardite, una condizione correlata, è stata quasi 20 volte più alta tra i bambini rispetto alle probabilità di segnalazione a seguito della ricezione di tutti gli altri vaccini, hanno scoperto i ricercatori.

Le probabilità di segnalazione erano anche molto più alte per la sindrome infiammatoria multisistemica o la malattia di Kawasaki tra gli adolescenti che avevano ricevuto COVID-19.

I ricercatori hanno analizzato le segnalazioni fatte a VigiBase, gestito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sulla base dei nostri risultati, è necessario monitorare attentamente queste rare ma gravi reazioni infiammatorie dopo la vaccinazione COVID-19 tra gli adolescenti fino a quando non sarà possibile stabilire una relazione causale definitiva, hanno scritto i ricercatori.

Lo studio è stato pubblicato dal Journal of Korean Medical Science nell’edizione di marzo.

Tra le limitazioni, VigiBase ha ricevuto segnalazioni di problemi, alcune delle quali non sono state confermate.

I finanziamenti provengono dal governo sudcoreano. Un autore ha riferito di aver ricevuto sovvenzioni da aziende farmaceutiche, tra cui Pfizer.

Autore Zachary Stieber via The Epoch Times

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution