Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Perchè la libertà individuale è molto meglio della pianificazione centrale

Blu-Mare-Viaggi-Banner-Blog-32-915x515
1.141 Visualizzazioni |

Di Austin Padgett

Gran parte del mondo sviluppato sta scivolando in un malessere da iperregolamentazione. I tassi di crescita sono in calo nella maggior parte delle principali economie e i Paesi in via di sviluppo stanno raggiungendo i nostri errori quasi con la stessa velocità con cui crescono. Sempre più spesso, anche negli Stati Uniti bisogna essere fuori dalla norma per potersi permettere una casa entro i quarant’anni. L’età media di un acquirente di una prima casa nel 2023 è la stessa di un acquirente abituale nel 1981. Non ci è permesso costruire e crescere, ma ci viene detto che va tutto bene finché il mercato azionario non crolla. Quando facciamo notare che il sistema non funziona, ci viene detto che dovremmo essere felici perché la decrescita fa bene all’ambiente.

È ora che la gente smetta di sentirsi obbligata a giustificare la propria esistenza a una classe dirigente di burocrati non eletti. La loro incompetenza e la loro cattura nei confronti di interessi potenti è stata dimostrata più e più volte. È utile combattere la propaganda scavando minuziosamente tra gli studi per evidenziare le falle nel flusso costante di dati e ipotesi sbagliate utilizzate per razionalizzare la nostra schiavitù. Tuttavia, l’unica ragione per cui possono presumere di avere autorità sulle nostre vite è che la nostra società ha ampiamente perso la fiducia nella nostra capacità di agire.

Gli Stati Uniti sono stati fondati sulla sovranità individuale e sui diritti naturali. Che questi valori siano diminuiti in Occidente a causa della morte di Dio, di un fallimento dell’Illuminismo o degli incentivi del sistema, non importa. Quello che importa è che devono essere rivitalizzati.

La presunzione che porta la professoressa Naomi Oreskes, consulente dell’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente, a dirci generosamente che “possiamo ancora mangiare un po’ di carne” in un panel del World Economic Forum, genera anche il nostro impulso a negoziare per la libertà piuttosto che affermarla. Cerchiamo di dimostrare che non siamo un cancro per il pianeta in modo che ci lascino liberi, come se implorassimo un rapitore per le nostre vite inutili. C’è una presunzione condivisa di controllo, una mentalità da padrone e schiavo. Se non colpiamo al cuore di questa mentalità, ci esauriremo nel dover giustificare all’infinito ogni grammo della nostra esistenza.

Una critica comune al nostro appello è che le persone non sono razionali; pertanto, devono essere protette dalla pubblicità, dal prendere le proprie decisioni in materia di sanità o da qualsiasi altra libertà di cui gli esperti nominati ci ritengono indegni o troppo stupidi per poterci fidare. È un errore rispondere a questo argomento sostenendo che le persone sono razionali o che la fede nella libertà si basa su questo presupposto.

I libertari spiegano questo attraverso il fatto osservabile che le persone agiscono intenzionalmente, non razionalmente.

Violare l’intenzione di qualcuno quando non sta interferendo con quella di nessun altro è un violento rifiuto della nostra sovranità individuale.

La capacità di ragionare di un individuo può portare a un’azione razionale, ma non la presuppone. Né possiamo presumere di dichiararci arbitri della razionalità.

Gran parte della teoria economica tradizionale parte dal presupposto che le persone siano massimizzatori razionali di interessi personali. Alcuni sostenitori del libero mercato si appoggiano a questa presunzione per giustificare le nostre idee. Quando poi si vede inevitabilmente che le persone prendono decisioni non ottimali o apparentemente casuali, viene etichettato come un fallimento che deve essere corretto per il loro bene.

È ancora vero che la libertà aumenta l’azione razionale, ma non da una prospettiva individuale, bensì da una prospettiva evolutiva collettiva. L’incentivo evolutivo più profondo è la propagazione della specie, non dell’individuo. Ecco perché un mercato libero che permette un’azione mirata va a vantaggio della collettività, mentre la pianificazione sociale va a vantaggio di una classe parassitaria di individui.

L’unico modo per massimizzare la razionalità all’interno di una collettività è consentire un comportamento individuale apparentemente irrazionale e idiosincratico.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, c’era una missione di bombardamento così pericolosa che solo i piloti volontari venivano assegnati a volare. Quando si pilotavano questi bombardieri, c’era circa il 90% di possibilità di essere uccisi da schegge e il 10% di perdere il motore e schiantarsi. Purtroppo, gli aerei non potevano sopportare il peso aggiuntivo di un paracadute e di un giubbotto antiproiettile, quindi potevano indossarne solo uno.

All’inizio, i militari erano irremovibili sul fatto che tutti i piloti dovessero indossare i giubbotti antiproiettile, visto che il rischio di schegge era significativamente più alto, ma i piloti si ribellarono, insistendo sulla possibilità di scegliere. Poiché si trattava di una missione volontaria, gli ufficiali acconsentirono, e i piloti si adeguarono alla distribuzione del rischio: il 90% scelse il giubbotto antiproiettile e il 10% il paracadute.

Questa scelta ha dimostrato un profondo istinto evolutivo di adeguarsi alla probabilità dello scenario, massimizzando i vantaggi e minimizzando le possibilità di un fallimento catastrofico (un istinto che i nostri funzionari della sanità pubblica non hanno dimostrato quando ci hanno rinchiusi e hanno insistito su mandati a livello di popolazione per trattamenti sperimentali a base di RNA in risposta a un raffreddore creato dal governo).

Può sembrare irrazionale che qualcuno scavi un bunker o conservi un anno di cibo in scatola, ma la percentuale di persone che lo fa rifletterà in genere la probabilità di richiedere tale preparazione. Questo è perfettamente razionale dal punto di vista dell’evoluzione collettiva. Questo processo di corrispondenza della distribuzione dei risultati probabili è dimostrato in natura:

La corrispondenza delle probabilità è stata osservata in migliaia di soggetti umani geograficamente diversi nel corso di diversi decenni, così come in altre specie animali, tra cui formiche [32-35], le api [36-38], i pesci [39, 40], i piccioni [41, 42] ed i primati [43]. Praticamente in ogni contesto in cui un animale è in grado di scegliere tra A e B in un esperimento randomizzato, si osserva una corrispondenza di probabilità.

Il modo in cui tutte le creature prendono decisioni è attraverso la corrispondenza adattativa delle probabilità. Per esempio, supponiamo di avere un acquario. Se date da mangiare ai vostri pesci sul lato destro della vasca per il 75% del tempo e sul lato sinistro per il 25% del tempo, i pesci si adegueranno a questa distribuzione, nuotando per il 25% sul lato sinistro della vasca e per il 75% sul lato destro al momento del pasto. Se si cambia lo schema di alimentazione, i pesci adattano il loro comportamento. Questa distribuzione fa sì che il cibo venga sprecato il meno possibile, finendo sul fondo della vasca.

Se si chiede a un pianificatore sociale quale sia la cosa più razionale da fare per un pesce al momento del pasto, potrebbe dire che deve nuotare verso il lato destro della vasca, perché in questo modo massimizza il suo potenziale di assunzione di cibo. Questo è simile al modo in cui la propaganda nelle scuole pubbliche dà priorità alla frequenza di università di quattro anni rispetto ad altre opzioni, e al modo in cui le politiche federali sui prestiti sono state messe in atto per spingere tutti a frequentare l’università sulla base del fatto che, in media, i laureati hanno uno stipendio più alto.

Metaforicamente, la politica pubblica incoraggiava tutti a passare dalla parte giusta del serbatoio. Naturalmente, questo ribaltamento artificiale della bilancia non ha fatto altro che svalutare le lauree e creare carenze devastanti in altri settori dell’economia.

Non sarà mai possibile pianificare forzatamente il comportamento in modo da massimizzare l’azione collettiva razionale. Una violazione dell’organismo impedisce lo sviluppo del carattere e delle capacità di un individuo, portando a un collettivo inconsapevole e indebolito. Più libertà le persone devono ricercare attraverso l’informazione e le proprie scelte, meglio possiamo adattarci all’incertezza fondamentale della vita. Questa incertezza richiede un approccio differenziato e antifragile, cosa che un pianificatore centrale non avrebbe nemmeno la capacità teorica di fare, a causa della sua mancanza di conoscenza distribuita.

Di Austin Padgett

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution