Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Per capire i globalisti dobbiamo comprendere la loro religione psicopatica

Satanic1-768x461
5.083 Visualizzazioni |

Scritto da Brandon Smith via Alt-Market.us

Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento il mondo occidentale conobbe un’improvvisa esplosione di occultismo diffuso tra le élite ultra-ricche. L’ascesa della “Teosofia” era in corso, diventando una sorta di moda che avrebbe posto le basi per quello che in seguito sarebbe stato chiamato spiritualismo “new age”.

Il motore principale del movimento teosofico fu un piccolo gruppo di oscuri accademici guidati in parte da una donna di nome H.P. Blavatsky. Il gruppo era ossessionato dalle credenze esoteriche, dallo gnosticismo e persino dal satanismo.

Parlo della Teosofia e della Blavatsky perché il movimento che lei ha contribuito a lanciare era principalmente un movimento elitario – La diffusione dell’occultismo nei primi anni del 1900 si rivolgeva specificamente alle classi alte e questo ha fatto sì che molti leader politici e finanziari fossero coinvolti in organizzazioni oscure con mandati segreti.

Gruppi di questo tipo sono esistiti in passato, dai Rosacroce e i Massoni agli alchimisti del Medioevo, che nascondevano le loro credenze occulte in testi codificati. Tuttavia, mai prima d’ora i loro sforzi erano stati così pubblici.

A loro merito, i primi teosofi erano per lo più apolitici (almeno esteriormente) e si opponevano all’intrusione della politica nella vita delle persone. Sospetto, tuttavia, che ciò fosse dovuto al fatto che all’epoca i governi occidentali ruotavano intorno a valori cristiani e conservatori.

Man mano che i politici si separavano dal cristianesimo, l’interesse dei teosofi per il controllo del governo cresceva e il movimento diventava sempre più socialista nella pratica.

Invariabilmente, questi sistemi spirituali ruotavano attorno a divinità pagane del passato, molte delle quali di origine babilonese o antico-egiziana. Detto questo, nella Teosofia ci sono anche numerose menzioni di una figura in particolare: Lucifero, chiamato anche “il portatore di luce, l’angelo della luce, Prometeo (simbolicamente), il drago, la stella del mattino e Satana”.

I luciferiani moderni negano costantemente che il nome “Lucifero” abbia qualcosa a che fare con la figura biblica di Satana, ma questa è una menzogna. La stessa Blavatsky tratta le due figure come sinonimi ne “La dottrina segreta”. Come ammette nel suo libro:

E ora è dimostrato che Satana, o il Drago Rosso di Fuoco, il ‘Signore del Fosforo’ e Lucifero, o ‘Portatore di Luce’, è in noi: è la nostra Mente…”.

Anche la Blavatsky, citando testi ermetici nella Dottrina segreta, ripete il mantra:

È Satana il dio del nostro pianeta e l’unico dio…”.

I luciferiani e gli occultisti sosterranno anche che la Bibbia cristiana menziona il nome “Lucifero” solo una volta e che le due figure non sono associate. Si tratta ancora una volta di una menzogna per omissione. La Bibbia menziona infatti più volte “portatore di luce”, “angelo della luce” e “drago” in riferimento a Satana, e tutti questi nomi sono usati dalle élite per descrivere la figura che chiamano Lucifero.

Come menzionato in Corinzi 11:14 – “E non c’è da meravigliarsi, perché Satana stesso si maschera da angelo di luce…”.

In altre parole, quando un gruppo elitario cita termini come “portatore di luce” o Lucifero, si riferisce effettivamente a Satana. Non è solo una questione di discussione archetipica, questo è di fatto una parte della loro religione. Ma nei nostri tempi moderni qualcuno potrebbe dire “che importa?”. È tutta una fantasia mitica e hoodoo, giusto?

Risponderei con una domanda: pensate che le convinzioni religiose profondamente radicate delle persone con potere finanziario e politico contino nel modo in cui prendono le decisioni? Le loro convinzioni non aiuterebbero a spiegare perché fanno le cose che fanno? Se volete sapere perché i globalisti sono impegnati in una guerra molto reale sulle menti delle masse, non potete trascurare le loro motivazioni religiose. Ciò che sembra una fantasia per alcuni è MOLTO reale per i globalisti.

Ad esempio, molti sanno che l’edificio delle Nazioni Unite a New York ospita una biblioteca occulta, ma pochi sanno che è stata costruita da un gruppo chiamato Lucifer Publishing Company (poi cambiato in Lucis Trust). Il Lucis Trust cita costantemente gli scritti di HP Blavatsky come ispirazione per la propria organizzazione. L’ONU continua a collaborare con il Lucis Trust ancora oggi. Il cuore del globalismo ruota attorno agli ideali luciferiani.

Non importa ciò che voi o io pensiamo di queste cose. Non importa se per voi questi concetti sono metaforici, simbolici o immaginari. LORO credono, e quindi dobbiamo esplorare il significato di queste credenze.

Prima del 1800, gli occultisti dediti al luciferianesimo sarebbero stati bruciati sul rogo se scoperti. Comincio a pensare che forse questo era il modo giusto di trattare queste persone fin dall’inizio. Ma per capire perché, dobbiamo guardare alla progressione della religione e al motivo per cui porta inevitabilmente al relativismo morale e all’autodistruzione sociale.

Per i teosofi, Lucifero/Satana è una sorta di figura eroica. Quando sostengono che Lucifero “non è Satana”, intendono dire che la loro versione di Satana è diversa da quella attribuita dal cristianesimo. In altre parole, immaginate che un gruppo di persone prenda una figura notoriamente malvagia come Joseph Stalin e poi ne elabori una storia completamente diversa, in cui è un filantropo incompreso invece di un maniaco genocida. Questo è essenzialmente ciò che è il luciferianesimo.

Nella rivista teosofica intitolata “Lucifero”, pubblicata negli anni Ottanta del XIX secolo, la Blavatsky e il suo gruppo spendono molte pagine per cercare di separare il termine Lucifero dal Diavolo, difendendo al contempo la mitologia del diavolo e dipingendolo come un personaggio calunniato dalla cultura cristiana.

Nella loro versione della storia della Genesi, ad esempio, il serpente era il “buono” che portava il frutto della conoscenza ad Adamo ed Eva. Eva è venerata come figura fondamentale nella teosofia e nel femminismo (un movimento che i teosofi hanno contribuito a creare), perché senza Eva il serpente non sarebbe mai riuscito a far consumare il frutto ad Adamo.

Il frutto come rappresentazione della gnosi (conoscenza) è la chiave del luciferianesimo e del culto globalista. Come hanno sostenuto molti atei che ho incontrato in passato, la conoscenza non è forse una cosa buona? E se Dio punisce l’umanità per il consumo di conoscenza, questo non lo rende forse un cattivo? Questo argomento ignora il tema di fondo: la conoscenza di per sé non è né buona né cattiva, ma il male prospera quando le persone iniziano a venerare la conoscenza a scapito di tutto il resto. L’applicazione della conoscenza senza saggezza e disciplina morale è pericolosa.

Come afferma brillantemente il dottor Ian Malcolm nel film Jurassic Park:

Sì, sì, ma i vostri scienziati erano così preoccupati di sapere se potevano o no, che non si sono fermati a pensare se dovevano farlo”.

I luciferiani ammettono apertamente che l’obiettivo della loro ideologia è perseguire la conoscenza fino a che gli esseri umani non diventino dei. Questa infatuazione per la divinità è ciò che porta al grande male; è un’illusione che avvelena la mente e incoraggia un comportamento moralmente relativo, per non parlare della pervasiva sete di potere.

Riflettete per un momento sull’aspetto tecnologico. Consideriamo i numerosi programmi globalisti per espandere l’intelligenza artificiale e realizzare quello che chiamano “transumanesimo”. Si tratta di una sorta di culto della conoscenza che ha implicazioni terrificanti per il futuro.

L’integrazione della tecnologia nello Stato di sorveglianza per governare la società è già abbastanza grave, ma cosa succede quando gli esseri umani iniziano a integrare la tecnologia nella loro stessa biologia. Questo finirà per cancellare ogni parvenza di ciò che chiamiamo “anima”? Dopo tutto, le macchine non provano sentimenti, né riflettono sulle loro azioni.

Cosa succede quando gli esseri umani si snaturano per diventare più simili alle macchine? Il transumanesimo diventerà un movimento che soffoca l’amore e l’empatia, eliminando la bussola morale e trasformandoci in una demoniaca mente-alveare priva di pensiero individuale?

globalisti affermano che non esiste l’anima, l’identità individuale e la bussola morale. Dal loro punto di vista non c’è pericolo di adottare la tecnologia come via verso la divinità, perché nulla andrebbe perduto; e qui vediamo la vera natura del luciferianesimo all’opera.

Una perfetta rappresentazione di questo cancro è il portavoce del World Economic Forum Yavul Harari – un uomo che dice la parte silenziosa ad alta voce e promuove regolarmente i principi più oscuri del luciferianesimo.

Per capire cos’è il luciferianesimo, pensatelo come l’anti-Dio; una guerra alla natura, o una guerra allo stato naturale dell’umanità mascherata da “illuminazione”. È per questo che i globalisti cercano di istituire la visione opposta di ogni disposizione naturale. La nozione di essere umano come una tabula rasa a cui si aggrappa Yuval Harari è una di queste false narrazioni. È una filosofia che è stata sfatata da infiniti studi psicologici e antropologici.

Da Carl Jung a Joseph Campbell a Steven Pinker e oltre, tutte le prove scientifiche suggeriscono che gli esseri umani hanno qualità e caratteristiche psicologiche intrinseche fin dalla nascita. Alcune di queste sono uniche per la persona, altre sono archetipi e idee universali che la maggior parte delle persone condivide (come la coscienza e la bussola morale).

Se non avessimo queste qualità intrinseche, l’umanità si sarebbe estinta migliaia di anni fa. Non sappiamo ancora da dove provengano esattamente, sappiamo solo che senza di esse non siamo più umani.

Esiste, tuttavia, una certa percentuale di persone (l’1% o meno) che in realtà non ha questi tratti caratteriali innati. Sono generalmente noti come psicopatici e sociopatici e il loro comportamento è molto simile a quello dei globalisti. Da tempo sostengo la teoria che la cabala globalista sia in realtà un culto di psicopatici ad alto funzionamento.

La loro mancanza di empatia e di coscienza, la loro sete di divinità e di onnipotenza, il loro desiderio di ottenere una sorveglianza onnicomprensiva della popolazione, di sapere tutto di noi in ogni momento, di avere un controllo totale sull’ambiente e sulla società, l’immagine narcisistica di un sovrano supremo che viene adorato dalle masse e l’illusione di poter leggere le menti e prevedere il futuro. Si tratta di fantasie psicopatiche, che sono disposti a inseguire con ogni mezzo.

Ma anche gli psicopatici a volte hanno bisogno di un quadro fondamentalista per mantenere l’organizzazione e ispirare la devozione all’interno di un gruppo. Ha perfettamente senso che scelgano il luciferianesimo come religione.

La loro filosofia edonistica del “fai quello che vuoi” prende l’idea di libertà e rimuove ogni responsabilità: è una visione degenerata della libertà, piuttosto che una visione di principio. La libertà, pensano, è solo per le persone come loro; le persone disposte a profanare tutto ciò che incontrano sul loro cammino e a sconvolgere l’ordine naturale.

In quanto psicopatici, sono privi di contenuti naturali innati e sono più robotici che umani. Non sorprende quindi che persone come Harai sostengano che non c’è anima, non c’è libertà (per voi) e che le macchine sono capaci della stessa creatività degli esseri umani. Una persona vuota, senza anima o creatività, supporrà che tutte le altre persone siano vuote. Una persona immorale sarà anche costretta a dimostrare che tutti gli altri sono immorali quanto lui. Oppure, sarà costretta a dimostrare di essere superiore a tutti gli altri perché ha abbracciato la sua immoralità.

Le élite credono davvero in un vero “diavolo” con zoccoli, corna e forcone? Non lo so. Ciò che conta, però, è la spinta filosofica del loro culto. Il loro obiettivo è convincere la maggioranza della popolazione che non esiste il bene e non esiste il male. Tutto è vuoto. Tutto è relativo alle esigenze del momento e alle richieste della società. Naturalmente, vogliono controllare la società, quindi tutto sarebbe davvero relativo alle LORO esigenze.

Se volete vedere qualcosa di veramente demoniaco, immaginate un mondo in cui ogni verità intrinseca viene abbandonata in favore della percezione soggettiva. Un mondo che soddisfa le preferenze degli psicopatici senza alcun imperativo etico. Un mondo in cui il fine giustifica sempre i mezzi.

Questa è la via luciferiana e la via globalista. E per quanto lo neghino, la realtà delle loro convinzioni è visibile nei frutti del loro lavoro. Ovunque vadano, distruzione, caos e morte li seguono.

Scritto da Brandon Smith via Alt-Market.us

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution