Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

L’Europa si prepara ad un inverno nel bel mezzo di due guerre

Screenshot 2023-11-12 alle 12.53.03

estratto da PoliticoPRO con il contributo di Geoffrey Smith

Lo scorso inverno, gli europei si sono trovati ad affrontare bollette energetiche esorbitanti mentre il continente si liberava rapidamente dal gas russo. Quest’anno l’UE è messa meglio, ma ora c’è anche una seconda guerra che minaccia di turbare i suoi mercati energetici.

Il conflitto tra Israele e Hamas minaccia di interrompere le relazioni dell’Europa con il Medio Oriente, o addirittura di trascinare l’Iran in uno scontro diretto con Israele e i suoi partner occidentali. Anche se per ora i mercati sono relativamente calmi, entrambi questi scenari potrebbero causare il caos.

Tuttavia, l’Europa è “attrezzata per affrontare la rigidità del mercato globale del petrolio e del diesel”, ha dichiarato in un’intervista a POLITICO il commissario per l’Energia Kadri Simson. I funzionari hanno imparato lezioni dalla guerra della Russia contro l’Ucraina e stanno lavorando per costruire “una buona comprensione di tutte le nostre vulnerabilità per affrontarle al meglio e di come possiamo essere preparati per eventuali incidenti o emergenze”.

I funzionari dell’UE hanno tenuto una serie di incontri con le nazioni produttrici di petrolio nelle ultime settimane, sia vecchi amici come la Norvegia che partner emergenti come Algeria e Nigeria, per anticipare eventuali interruzioni.

Dopo lo scoppio della crisi di Gaza, ci troviamo di fronte a due conflitti nel vicinato europeo. Il Mediterraneo orientale è un teatro importante per la sicurezza energetica europea, poiché la transizione energetica dell’Europa è ancora intrappolata nelle incertezze geopolitiche“, ha affermato Simson.

I combattimenti a Gaza e, in misura minore, lungo il confine settentrionale di Israele con il Libano hanno avuto solo un impatto limitato sui mercati petroliferi. I prezzi inizialmente sono aumentati alla notizia dell’attacco dei militanti di Hamas il 7 ottobre e della massiccia risposta di Israele, ma il benchmark chiave del greggio Brent è sceso del 4,2% questa settimana a circa 81 dollari al barile, intorno ai livelli visti prima dell’inizio delle violenze.

I mercati hanno evitato che si ripetesse quanto accaduto nel 1973, quando la guerra dello Yom Kippur tra Israele e i suoi vicini spinse i grandi produttori arabi, guidati dall’Arabia Saudita, a porre un embargo sulle loro esportazioni verso gli alleati di Israele. Le relazioni dei paesi del Golfo con Israele sono migliorate notevolmente negli ultimi 50 anni: gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein ne hanno riconosciuto la sovranità in base agli accordi di Abraham del 2020, mentre l’Arabia Saudita è in trattative per fare lo stesso.

I mercati scommettono quindi che finché il conflitto non si espanderà, le forniture di petrolio rimarranno più o meno stabili, ha detto Viktor Katona, capo analista del greggio presso la società di intelligence energetica Kpler.

Il rischio deriva maggiormente dall’Iran, ha detto. Nel peggiore dei casi, un’espansione del conflitto potrebbe indurre l’Iran a interrompere la navigazione dai paesi arabi del Golfo attraverso lo Stretto di Hormuz. Il petrolio greggio dell’Iran, sebbene sanzionato dall’Occidente, viene esportato in grandi quantità in Cina. “Se Israele inizia a colpire il territorio iraniano e di conseguenza l’Iran ha bisogno di esportare di meno, allora la Cina non ha abbastanza greggio e dovrà comprarlo da qualche altra parte”, facendo salire alle stelle i prezzi globali, ha detto Katona. “È tutta una spirale che si innesca immediatamente.”

Lezioni del passato.

I mercati del gas hanno subito un impatto più immediato dalla guerra. Israele ha chiuso i rubinetti del suo giacimento di gas offshore Tamar nelle ore successive all’attacco a sorpresa di Hamas, tra le notizie di possibili attacchi missilistici. Sebbene Israele produca solo quantità relativamente piccole di gas naturale – circa 21 miliardi di metri cubi l’anno scorso, rispetto ai 618 miliardi della Russia – è un esportatore chiave verso il vicino Egitto, e i tempi di inattività hanno peggiorato le regolari interruzioni di corrente in quel paese.

Qualsiasi escalation con l’Iran potrebbe avere ripercussioni sui mercati del gas e del petrolio, dato che un terzo del gas naturale liquefatto mondiale e un sesto del suo petrolio vengono spediti attraverso lo Stretto di Hormuz . “Se le cose restano come sono non ci sono problemi, ma se c’è una guerra in cui è coinvolto l’Iran e loro [bloccano il commercio attraverso] lo stretto di Hormuz allora i prezzi aumenteranno sicuramente“, ha detto un diplomatico dell’UE con conoscenza dei colloqui sulla strategia energetica interna , ha concesso l’anonimato per parlare apertamente.

Tuttavia, “tutti i grandi attori vogliono evitare un’escalation, l’Iran vuole evitarlo” a causa della minaccia di sanzioni, ha insistito l’inviato.

In assenza di questo scenario terribile, l’impatto sui mercati del gas dell’UE sarà probabilmente limitato, afferma Tom Marzec-Manser, responsabile dell’analisi del gas presso la società di intelligence sulle materie prime ICIS, ma più a causa dell’ultimo conflitto che di quello russo.

“Dal punto di vista dei prezzi del gas in Europa, la situazione è ancora relativamente buona e ciò è dovuto in gran parte alla debolezza della domanda. Molti consumatori industriali continuano a utilizzare meno gas rispetto a prima della crisi energetica dello scorso anno, quindi il consumo in Europa è rimasto basso”, ha detto.

Secondo la Commissione Europea, nel periodo precedente allo scorso inverno, gli Stati membri hanno ridotto collettivamente quasi il 20% del loro consumo di gas naturale, con l’industria che ha rallentato la produzione e l’energia rinnovabile che ha giocato un ruolo molto più importante nella produzione di elettricità. Nonostante ciò, in ottobre i consumi sono effettivamente aumentati per la prima volta dall’inizio della guerra in medio oriente, un primo segnale che le imprese potrebbero tentare di ripristinare la produttività perduta.

E quindi se le riserve di gas sono piene per oltre il 99% e i prezzi sono rimasti ostinatamente alti in tutto il continente rispetto ad altre regioni, significa che gli europei sono a rischio di picchi sui prezzi del costo dell’energia, con l’industria potenzialmente costretta a subire bollette che diventano insostenibili.

“Siamo in una situazione molto migliore rispetto al 2022”, ha affermato Georg Zachmann, membro senior del think tank energetico di Bruegel. “Abbiamo più pompe di calore, sono tornate in scena le centrali elettriche che non avevamo a disposizione l’anno scorso e abbiamo costruito più terminali di gas naturale liquefatto”. Tuttavia, ha avvertito, se gli Stati membri perdono l’attenzione sulla riduzione della domanda e cercano di dare alle proprie industrie un vantaggio con i sussidi, ciò potrebbe innescare una corsa dispendiosa “che è essenzialmente a danno di tutti”.

Allo stesso tempo, l’inverno in Europa non è più quello di una volta. Secondo un rapporto di monitoraggio satellitare dell’UE Copernicus pubblicato questa settimana, negli ultimi quattro mesi in tutto il mondo sono state registrate temperature da record, mentre lo scorso inverno è stato il secondo più caldo mai registrato sul continente. Anche se questa potrebbe essere una buona notizia per le forniture di combustibili fossili soggette a conflitti nel breve termine, probabilmente è una cattiva notizia per quasi tutto il resto nel breve termine.

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution