Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Le enormi perdite nascoste nel sistema bancario

Screenshot 2023-12-05 alle 14.43.32
2.547 Visualizzazioni |

Presentato da Paul Kupiec , Senior Fellow, American Enterprise Institute

Il Segretario del Tesoro e il Consiglio di supervisione della stabilità finanziaria vorrebbero farvi credere che il cambiamento climatico e le istituzioni finanziarie non bancarie non regolamentate rappresentano le maggiori minacce alla stabilità finanziaria. Se i regolatori finanziari salvaguardassero effettivamente l’integrità delle banche e dei mercati finanziari, riconoscerebbero, e farebbero qualcosa, la più grande minaccia immediata alla stabilità finanziaria: i quasi 1,3 trilioni di dollari di perdite non realizzate legate ai tassi di interesse nel sistema bancario regolamentato. Questo è oggi il vero rischio sistemico.

L’importo di 1,3 trilioni di dollari è la mia stima delle perdite totali non realizzate relative ai tassi di interesse del sistema bancario al 30 giugno 2023. Utilizzando i dati normativi bancari , stimo che il sistema bancario abbia perdite totali non realizzate di circa 548 miliardi di dollari su titoli di proprietà della banca e circa 726 miliardi di dollari miliardi di perdite dovute ai tassi di interesse sui prestiti bancari e sui portafogli di leasing.

Queste perdite sono importanti perché non vengono riconosciute nel valore del patrimonio segnalato dalle banche. Il capitale di riserva è il cuscinetto che dovrebbe impedire alle banche di fallire e imporre perdite al fondo assicurativo FDIC (n.d. fondo di garanzia USA). Le banche hanno bisogno di capitale sufficiente per mantenere i loro incentivi adeguatamente allineati. Quando le banche hanno poco capitale, i loro azionisti mantengono i guadagni generati dai loro investimenti rischiosi, ma scaricano le perdite sulla FDIC quando i loro investimenti rischiosi si inaspriscono.

Se si realizzassero perdite sui tassi di interesse non realizzate, queste consumerebbero più della metà dei 2,3 trilioni di dollari di capitale azionario totale del sistema bancario . E la capacità di assorbimento delle perdite del patrimonio netto del sistema è già ridotta dei quasi 800 miliardi di dollari in attività immateriali e avviamento conteggiati come patrimonio bancario. Storicamente questi asset hanno avuto una scarsa capacità di assorbimento delle perdite in caso di fallimento di una banca. Tenendo conto di questi fattori, il sistema bancario non è così ben capitalizzato come affermano i nostri leader regolatori e controllori.

Per coincidenza, le perdite non realizzate dovute ai tassi di interesse dei sistemi bancari sono all’incirca pari alle perdite non realizzate sui tassi di interesse mark-to-market di 1.300 miliardi di dollari sui titoli di proprietà della Federal Reserve . 1 Date le perdite sui tassi di interesse non realizzate riportate dalla stessa Fed, possiamo essere sicuri che la Fed e gli altri regolatori bancari del FSOC siano ben consapevoli che il sistema bancario ha un problema simile.

Come è successo? Tra la Fed e il Congresso, lo stimolo del COVID19 ha iniettato trilioni di dollari di nuovi depositi nel sistema bancario. Tra il quarto trimestre del 2019 e il primo trimestre del 2022, i depositi totali del sistema bancario sono cresciuti di oltre il 37% . Le banche dovevano mettere a frutto questi depositi guadagnando interessi sufficienti a coprire i premi assicurativi sui depositi, gli esami e altri costi normativi, servire i conti dei depositanti e guadagnare un ritorno sull’investimento degli azionisti. Nell’ambito della politica del tasso di interesse zero adottata dalla Fed durante l’era COVID, le banche non erano in grado di coprire i costi se i depositi venivano investiti in titoli del Tesoro a breve termine e depositi presso la Federal Reserve.

Per guadagnare un margine positivo, le banche hanno investito depositi in titoli e prestiti a lungo termine con un rischio di credito basso o nullo e un trattamento patrimoniale favorevole. I rendimenti su questi investimenti, sebbene bassi rispetto agli standard storici, pagavano un premio sul tasso di interesse rispetto agli strumenti a breve termine in virtù delle loro scadenze più lunghe.

La strategia di investire i depositi obbligazionari in strumenti a tasso fisso a lunga scadenza con bassi requisiti patrimoniali regolamentari si è rivelata redditizia finché l’inflazione è rimasta bassa e i tassi di interesse sui depositi erano prossimi allo zero. L’inizio dell’inflazione ha costretto la Fed a cambiare la politica monetaria. La Fed ha aumentato i tassi di interesse a breve termine e ha iniziato a drenare i depositi bancari dal sistema, provocando un aumento dei tassi di interesse a tutte le scadenze, aumentando il costo delle banche di trattenere i depositi e creando perdite di valore di mercato sugli investimenti bancari a tasso fisso a lunga scadenza.    

Ai fini della contabilità e del patrimonio di vigilanza, le banche valutano i loro prestiti, leasing e titoli detenuti fino alla scadenza al costo storico. Le banche più grandi devono includere le perdite del valore di mercato sui loro titoli designati “disponibili per la vendita” nel calcolo del loro capitale di riserva, ma la maggior parte delle banche più piccole può ignorare queste perdite. Di conseguenza, i coefficienti patrimoniali delle banche affermano che i valori degli asset bancari sono circa 1,3 trilioni di dollari superiori all’attuale valore di mercato che questi asset avrebbero se fossero venduti o dati in pegno come garanzia.

Le autorità di regolamentazione misurano l’adeguatezza patrimoniale delle banche utilizzando diversi rapporti che coinvolgono una il capitale regolamentare bancario diviso per una certa misura delle attività bancarie. Mi concentro sui rapporti di leva finanziaria Tier 1, il rapporto tra il capitale regolamentare Tier 1 totale della banca e le attività trimestrali medie di una banca. Tutte le banche sono tenute a segnalare questa misura, ma quasi 1700 banche più piccole non segnalano nessuno dei coefficienti patrimoniali ponderati per il rischio riportati dalle banche più grandi.

Al 30 giugno 2023, solo 8 banche avevano un coefficiente di leva finanziaria Tier 1 regolamentare inferiore alla soglia del 6% utilizzata dalle autorità di regolamentazione per designare una banca come “ben capitalizzata”. Nessuna banca ha un rapporto inferiore alla soglia del 4% che designa un istituto “sottocapitalizzato”. Con questa misura normativa, il sistema bancario sembra essere ben capitalizzato, ma questo rapporto normativo ignora l’effettivo valore di mercato degli asset bancari.

L’adeguamento dei coefficienti patrimoniali regolamentari di classe 1 delle banche in base alle perdite al valore di mercato non realizzate sui titoli bancari segnalate dalle banche e mediante una stima ragionevole (probabilmente bassa) delle perdite al valore di riferimento che le banche hanno subito sui loro portafogli di prestiti e leasing, fornisce una quadro radicalmente diverso dell’adeguatezza patrimoniale del sistema bancario. Dei 4.697 istituti di deposito assicurati, 2.372 hanno rapporti di leva Tier 1 adeguati al valore di mercato inferiori alla soglia di “sottocapitalizzazione” del 4% che richiede alle autorità di regolamentazione di intraprendere “immediate azioni correttive”. Questo numero comprende 1790 banche con rapporti inferiori alla soglia del 3% “significativamente sottocapitalizzate”. Le banche sottocapitalizzate detengono oltre il 54% delle attività totali del sistema bancario, di cui oltre il 46% è detenuto in istituti significativamente sottocapitalizzati.  

Il Segretario del Tesoro e i membri del FSOC sono ben consapevoli del pericolo rappresentato dalle perdite non realizzate legate ai tassi di interesse nel sistema bancario, ma non lo si direbbe dalle loro dichiarazioni pubbliche. Le autorità di regolamentazione dovrebbero utilizzare tempestivi poteri di azione correttiva per impedire alle banche sottocapitalizzate di pagare dividendi e richiedere loro di raccogliere nuovo capitale. Hanno invece consentito alle banche di pagare quasi 96 miliardi di dollari di dividendi nella prima metà del 2023 e hanno concentrato i loro sforzi normativi sull’imposizione di nuove e complesse norme patrimoniali per le banche più grandi che non affrontassero questo reale problema sistemico.

I regolatori delle banche federali sperano che, se loro ignorano il problema, allora lo farai anche tu, e che il problema scomparirà quando il genio dell’inflazione tornerà nella bottiglia e i tassi di interesse diminuiranno. Ma questo potrebbe non accadere presto. L’inflazione core è ancora pari a quasi il doppio del tasso obiettivo della Fed, la disoccupazione è bassa, la crescita economica rimane più forte di quanto molti avevano previsto e il Congresso continua a fare una massiccia spesa in deficit. Sperare in un rapido ritorno a un ambiente vicino allo zero prima che si verifichi una serie di costosi fallimenti bancari non è una strategia normativa valida.

[1] www.federalreserve.gov/aboutthefed/files/quarterly-report-20231117.pdf Tabella 3.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution