Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il prossimo problema globale sarà la mancanza di elettricità

Elon-Musk-2022
1.444 Visualizzazioni |
Mentre paesi come la Norvegia hanno raggiunto un tasso di vendita dell’82% di auto elettriche a chilometro zero sul mercato totale, altri paesi come i Paesi Bassi stanno iniziando a subire il collasso delle loro reti elettriche a causa dell’elevata domanda di energia della loro flotta di veicoli plug-in.
Non si tratta del numero di caricabatterie, ma della capacità elettrica delle città, e non si riduce nemmeno alle auto elettriche, ma alla capacità delle città in generale.

Stedin , il più grande distributore di energia elettrica dei Paesi Bassi, ha lanciato un avvertimento, affermando che la situazione è insostenibile. La città di Utrecht ha già una domanda di elettricità superiore alla capacità della rete generale, e situazioni simili potrebbero verificarsi in brevissimo tempo a Rotterdam, Amsterdam e L’Aia.

Ma il problema non è esclusivamente europeo. Elon Musk, CEO di Tesla , ha recentemente affermato nel suo discorso alla conferenza Bosch Connected World che “prima c’era una carenza di chip di rete neurale. Successivamente, il problema della disponibilità riguardò i trasformatori abbassatori di tensione. Questo susseguirsi di eventi mi porta a pensare che il prossimo problema sarà la mancanza di elettricità”.

Le reti di ricarica in paesi come la Norvegia e i Paesi Bassi sono abbondanti a causa della grande flotta di auto elettriche, ma la capacità delle città sta iniziando a crollare.

A sostegno delle affermazioni di Musk, un recente rapporto del New York Times sottolinea che l’attuale enorme domanda di energia elettrica non solo sta mettendo al limite le reti elettriche , ma sta di conseguenza mettendo a repentaglio gli obiettivi climatici fissati in passato nei paesi più sviluppati, sia separatamente che in blocco nel caso dell’Unione europea.

Il documento del NYT afferma che solo negli Stati Uniti i data center, il crypto mining e l’espansione dell’intelligenza artificiale da parte di giganti come Amazon, Apple, Google o Microsoft stanno catapultando la debole rete elettrica. In alcuni stati come la Georgia, la domanda è oggi 17 volte maggiore rispetto a dieci anni fa.

Si valuta inoltre che l’energia viene generata in pochi punti del Paese ma deve essere distribuita su tutto il territorio. Quindi, sono le linee ad alta tensione e a tensione normale che ricevono sovraccarichi, poiché sono pur sempre cavi e hanno una capacità limitata : più energia trasportano, più si riscaldano, e quando ciò accade iniziano a verificarsi interruzioni di corrente nel sistema.

“La crescita simultanea della mobilità elettrica e dell’intelligenza artificiale sta creando una domanda eccessiva per la produzione di energia elettrica”, ha affermato Musk, collegando questo problema al mondo delle auto alimentate a batteria.

Nelle auto elettriche, connesse e intelligenti , è in aumento la quantità di tecnologia basata sull’Intelligenza Artificiale (AI) , che aumenterà i consumi e quindi richiederà più energia dalle reti elettriche, che devono rispondere con maggiore capacità e velocità. Ma allo stesso tempo, le fabbriche di microchip e batterie consumano anche molta più energia a causa dell’aumento della produzione globale, e tutti, inevitabilmente, finiscono per rivolgersi agli impianti di generazione elettrica che cominciano a crollare.

In quelle città o Stati con un grande consumo energetico a causa del cryptomining e dell’espansione dell’intelligenza artificiale, il consumo di elettricità è maggiore della produzione. Lo afferma un rapporto del New York Times. Fotografo: Gilles Sabrie/Bloomberg

In questo scenario, l’unica soluzione è costruire nuovi centri di generazione elettrica , che non possono essere solo ecologici, perché la domanda è maggiore della possibilità di produzione. Pertanto, non ci sarà altra soluzione che tornare ai generatori che funzionano a gas, carbone, energia nucleare e idroelettrica. Ed è qui che gli obiettivi di carbon neutrality per l’ambiente entrerebbero in crisi.

Tre anni fa, il fisico argentino Juan Carlos Bolcich aveva espresso, attraverso Infobae, la sua preoccupazione per gli ambiziosi piani di conversione delle aziende automobilistiche globali alla mobilità elettrica su vasta scala, anche prima della scadenza del 2035 proposta dalla Commissione Europea.

«La questione è raccogliere quell’energia per poterla utilizzare a seconda della domanda , perché è energia dispersa, non è concentrata in un pozzo come il petrolio. L’elettricità non dovrebbe rappresentare più del 50% dell’energia che può essere generata direttamente, perché il problema è la rete elettrica. Anche se disponiamo di grandi linee elettriche ad alta tensione, queste sono come un viale. Quando il traffico è maggiore del numero di auto che possono circolare, il viale si restringe e il traffico rallenta. La stessa cosa accade con l’elettricità. Ecco perché le auto elettriche plug-in non sono il futuro ”, ha affermato nel giugno 2021.

Bolcich è considerato il “padre dell’idrogeno in Argentina” e all’epoca aveva proposto che l’idrogeno potesse essere non solo una risorsa energetica per la propulsione dei motori, ma anche come immagazzinamento di energia elettrica per i periodi di maggiore domanda. Ciò avviene attraverso un processo chiamato elettrolisi, lo stesso processo utilizzato per convertire l’energia elettrica da un mulino a energia eolica per separare la molecola d’acqua lasciando l’idrogeno separato dall’ossigeno.

Juan Carlos Bolcich aveva previsto nel 2021 che gli obiettivi di neutralità carbonica con le auto elettriche sarebbero stati difficili da raggiungere. Oggi l’industria automobilistica sta invertendo lo sviluppo e concentrandosi maggiormente sulle auto ibride, che all’inizio del decennio erano state quasi escluse.

“Ciò che dobbiamo fare è utilizzare queste risorse naturali infinite ma variabili, in modo intelligente. Poiché di notte non c’è il sole, non sempre soffia il vento e non sempre i fiumi hanno portata. Inoltre, anche la domanda è variabile e stagionale. Se la domanda è diretta e l’energia elettrica che viene generata, così come generata, viene consumata, ci saranno momenti in cui non sarà sufficiente e momenti in cui ci sarà un eccesso di produzione. Ciò che deve essere fatto è un materasso. Trasformare quell’energia proveniente dalle risorse naturali in idrogeno attraverso l’elettrolisi e immagazzinarla per poterla trasformare nuovamente in energia elettrica quando necessario”, ha spiegato lo scienziato argentino, con una chiara visione a breve termine che oggi trova conferma.

“Le auto elettriche non sostituiranno completamente le auto a combustione , perché le autostrade su cui viaggia l’elettricità non daranno una risposta sufficiente. Questi motori possono essere elettrici attraverso una cella a combustibile a idrogeno, ma lì ci saranno dei rifiuti, che sono la batteria. D’altra parte, l’iniezione diretta dell’idrogeno consentirà il mantenimento dei motori a combustione, solo il gas che brucerà sarà idrogeno e quello che uscirà dal tubo di scarico sarà vapore acqueo e non gas serra”, ha detto Bolcich.

L’ industria automobilistica globale si sta rendendo conto di questa situazione con importanti riprogettazioni delle sue strategie di elettrificazione. Sia in Europa che negli Stati Uniti, le auto ibride sono state ancora una volta considerate un’opzione ragionevole per mitigare le emissioni inquinanti a un prezzo accessibile per i consumatori e senza collassare le reti elettriche ancora piuttosto scarse. Toyota , l’unico marchio che da sempre opta per una molteplicità di piattaforme di mobilità che contemplano l’elettricità, ma senza abbandonare i motori termici abbinati all’assistenza elettrica, e l’utilizzo dell’idrogeno, può dire ancora una volta che non si sbagliavano.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution