Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il piano di Blackrock per possedere il mondo finanziario

FILE PHOTO: Larry Fink, Chairman and CEO of BlackRock, speaks during an interview with CNBC on the floor of the New York Stock Exchange (NYSE) in New York City, U.S., April 14, 2023.  REUTERS/Brendan McDermid
1.881 Visualizzazioni |

Appena un giorno dopo l’approvazione dell’11 gennaio di 11 ETF spot sul Bitcoin – tra cui l’iShares Bitcoin Trust (IBIT) di BlackRock – da parte della U.S. Securities and Exchange Commission, il presidente e CEO di BlackRock Larry Fink si è seduto con David Westin di Bloomberg per discutere le implicazioni dell’ingresso del più grande gestore patrimoniale al mondo nel mercato del Bitcoin. Fink, che non usa mezzi termini, ha delineato un quadro chiaro dell’approccio della sua società al Bitcoin e dell’intenzione di BlackRock di replicare prodotti ETF simili per altri asset. “Se possiamo fare un ETF su un Bitcoin, immaginate cosa possiamo fare con tutti gli strumenti finanziari”. Fink ha proseguito parlando del Bitcoin stesso, affermando: “Non credo che sarà mai una valuta. Credo che sia una asset class”.

BITCOIN: MERCE, NON VALUTA

Sebbene il presidente di BlackRock non sia stato timido nell’esprimere altri aspetti della potenziale costruzione di mercati digitali tokenizzati, queste due dichiarazioni in particolare illuminano l’ambita strada da seguire per il modo in cui le più grandi istituzioni intendono integrare attentamente il Bitcoin nel sistema finanziario tradizionale. Fink si è persino spinto a trasformare il sostantivo abbreviato “ETF”, un fondo negoziato in borsa, in un verbo, gongolando per aver trasformato il protocollo Bitcoin in un’altra merce speculativa – tutti gli sforzi dei minatori e dei nodi di tutto il mondo per decentralizzare la fiducia nell’emissione e nel regolamento ridotti a un’offerta cartacea della loro divisione iShares.

I maggiori operatori del sistema del dollaro statunitense si stanno facendo sotto per offrire tali prodotti ai loro clienti al dettaglio, comprendendo che questo assioma neutralizza il Bitcoin come valuta valida in grado di competere con l’utilità quotidiana di contrattazione e regolamento del dollaro.

Ci sono molte ragioni per credere che il sistema del dollaro USA abbia molto da guadagnare da un apprezzamento del bitcoin denominato in dollari, ma molto meno se il protocollo stesso è in grado di servire le esigenze transazionali quotidiane di miliardi di persone in tutto il mondo. Una delle confutazioni più comuni all’affermazione che il bitcoin non può diventare una valuta funzionante è la Lightning Network.

Sebbene il metodo senza fiducia di condividere i risultati delle transazioni non spese (UTXO) attraverso i canali di pagamento HTLC (hashed time locked contracts) sia piuttosto innovativo, il fine ultimo di un modello di questo tipo al servizio di miliardi di persone richiede una grande quantità di liquidità (in termini di bitcoin) bloccata all’interno della rete. Una rete Lightning centralizzata comporta molti problemi di privacy, censura delle transazioni e persino restrizioni all’accesso degli utenti, per non parlare della realtà matematica della domanda per il limitato spazio dei blocchi di Bitcoin quando si aprono un miliardo di canali.

Molte società FinTech, come Lightning Labs e Blockstream, hanno speso milioni di capitali per sviluppare metodi di utilizzo del Bitcoin come mezzo per emettere asset tokenizzati, come le stablecoin come USDT di Tether, al fine di effettuare transazioni con token denominati in dollari attraverso i canali Lightning o le sidechain federate.

Sebbene l’adozione istituzionale sognata dai primi pionieri di Bitcoin si sia certamente realizzata, l’attualizzazione e i metodi di queste istituzioni sono chiari: il bitcoin deve rimanere un asset e tutti gli sforzi per scalarlo come valuta devono essere diretti verso il dollaro.

Lo stesso Fink, nella stessa intervista a Bloomberg, ha dichiarato: “Crediamo che gli ETF siano una tecnologia non diversa da come Bitcoin era una tecnologia per l’archiviazione degli asset”. I prodotti ETF Bitcoin Spot incoraggiano molte pratiche al di fuori della norma per l’utente tipico di Bitcoin nel decennio e mezzo della sua esistenza; ad esempio, affidare le proprie chiavi a un custode, limitare gli scambi ai giorni e alle ore lavorative negli Stati Uniti e aggregare l’esposizione individuale in un credito cartaceo collettivo gestito e sorvegliato da broker altamente regolamentati.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution