Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il libertarismo e l’importanza di comprendere la causalità

Screenshot 2023-12-21 alle 14.43.02

scritto da Finn Andreen sul sito del Mises Istitute

Anche se il sostegno al libero mercato si è rafforzato negli ultimi decenni, il libertarismo può ancora essere considerato solo un movimento marginale. La maggior parte delle persone crede ancora che molti problemi sociali siano dovuti al “fallimento del mercato” e che quindi richiedano l’intervento dello Stato per essere “risolti“. Nonostante gli evidenti difetti del socialismo moderno – con la sua improbabile combinazione di uno stato sociale redistributivo e di un capitalismo clientelare globalista – e nonostante le solide basi filosofiche ed empiriche del libertarismo, il liberalismo di Ludwig von Mises è ancora lontano dal godere del sostegno della maggioranza che merita ampiamente.

Le ragioni sono molteplici. Naturalmente, i pregiudizi dei media e l’educazione pubblica impediscono la diffusione delle idee di libertà nella società e limitano la comprensione del libero mercato. Tuttavia, una ragione spesso trascurata, ma altrettanto importante, è il generale disinteresse per la causalità. Quando le cause reali e sottostanti ai problemi sociali ed economici sono sconosciute o mal comprese, non sorprende il sostegno del pubblico a soluzioni stataliste errate per questi problemi.

L’importanza delle cause

L’importanza delle cause per l’indagine umana è stata colta fin dall’antichità, cristallizzandosi con Aristotele e la sua teoria della causalità. Seguendo questa tradizione, Herbert Spencer considerava la scoperta delle leggi causali l’essenza della scienza; chi non tiene conto dell’importanza dell’identificazione delle cause, qualunque sia l’argomento trattato, rischia di trarre conclusioni errate.

Nel Crepuscolo degli idoli, Friedrich Nietzsche rimproverava alla società moderna di commettere ancora errori di causalità: “l’errore della falsa causalità“, “l’errore delle cause immaginarie” e “l’errore della confusione tra causa ed effetto“. Purtroppo, questi errori vengono commessi frequentemente in tutti i settori della vita economica e politica.

Nel campo delle relazioni internazionali, ad esempio, il disinteresse per la storia contemporanea ha portato a ignorare le vere cause di gravi eventi politici. I conflitti odierni avrebbero potuto essere evitati se le loro numerose e profonde cause fossero state prese in considerazione in modo sobrio e oggettivo dai responsabili delle decisioni. Quando George Santayana disse che “chi non ricorda il passato è condannato a ripeterlo” e quando George Orwell scrisse nel suo capolavoro 1984 che dominare il passato è la chiave per dominare il presente, entrambi avevano in mente l’importanza cruciale di conoscere le cause reali degli eventi politici.

Nietzsche considerava l’errore della confusione tra causa ed effetto come il più pericoloso; lo chiamava “perversione intrinseca della ragione“. Non era un’esagerazione, considerando l’impatto di questa inversione di causalità troppo comune. Ad esempio, questo errore si verifica quando lo Stato viene assolto dalle conseguenze nefaste delle sue azioni precedenti, autorizzando così lo Stato a legittimare politiche che “risolvono” problemi di cui lo stesso Stato era originariamente responsabile.

Esempi: recessioni, inflazione e disoccupazione

A titolo di esempio, si possono citare i cicli di boom-and-bust della tipica economia capitalista di Stato. La causa originaria di questo ciclo è lo Stato, attraverso la sua politica monetaria monopolistica. Come ha scritto Murray Rothbard, “il ciclo economico è generato dal governo: nello specifico, dall’espansione del credito bancario promossa e alimentata dall’espansione governativa delle riserve bancarie“.

Tuttavia, nei momenti difficili – poiché questa causa originaria delle recessioni non è generalmente riconosciuta – lo Stato stesso viene interpellato dalla società per “salvare” l’economia attraverso misure come i salvataggi o le riduzioni dei tassi di interesse (di cui beneficiano soprattutto le grandi banche e le industrie strategiche). Questo a sua volta pone le basi per il successivo boom artificiale, e il ciclo continua.

Il problema dell’alta inflazione e dell’alta disoccupazione può essere visto nello stesso modo. L’inflazione dei prezzi è causata dallo Stato quando aumenta l’offerta di moneta per pagare i suoi cronici deficit di bilancio, con l’ulteriore vantaggio di ridurre la dimensione relativa del suo enorme debito. Tuttavia, quando i prezzi aumentano nell’economia a causa di tali azioni, ci si aspetta che lo Stato stesso venga in soccorso, ad esempio imponendo artificialmente controlli sui prezzi o aumentando i tassi di interesse, rallentando così l’attività economica, a ulteriore discapito della società.

Anche l’alta disoccupazione è un fenomeno causato dallo Stato, ovviamente, quando impone leggi sul lavoro rigide e un’alta tassazione alle aziende, quando ridistribuisce “generosi” sussidi di disoccupazione e quando permette un’immigrazione non istruita per la quale non c’è domanda da parte del settore privato. Tuttavia, quando la disoccupazione diventa “troppo” alta a causa di queste azioni, ci si aspetta che sia lo Stato stesso a risolvere il problema, ad esempio fornendo incentivi fiscali alle aziende per l’assunzione di lavoratori poco qualificati o assumendo più dipendenti pubblici.

La fallacia del “Fallimento del Mercato”

Sembra controintuitivo credere che un agente responsabile dei problemi sociali debba anche essere quello che li risolve. L’unico motivo per cui questa logica errata continua a essere accettata è l’errore di causalità. Le vere cause dei problemi economici non sono ben comprese dal grande pubblico e vengono spesso confuse con le loro conseguenze. In economia, questo disinteresse per le connessioni causali ha probabilmente causato alle società danni pari a quelli dei conflitti internazionali menzionati in precedenza, dando libero sfogo a coloro che vedono pochi limiti alla regolamentazione della vita economica e sociale da parte dello Stato.

Lo stesso ragionamento è applicabile a un aspetto che di solito viene imputato al libero mercato: le “esternalità“, ovvero i costi “esterni” che talvolta vengono sostenuti da terzi. Il caso estremo è il concetto di “tragedia dei beni comuni“, spesso utilizzato per giustificare le numerose iniziativeverdi” dei globalisti per “combattere” il cambiamento climatico. A prescindere dal fatto che vi siano motivi apocalittici per sostenere politiche sociali top-down così estreme, il punto di vista libertario è che la vera causa di molte “esternalità” è generalmente la mancata definizione dei diritti di proprietà privata.

Poiché non si tiene conto della causalità, i problemi sociali ed economici, come quelli citati in precedenza, vengono generalmente attribuiti al “fallimento del mercato“, riducendo così la credibilità del libertarismo presso il grande pubblico. In effetti, il libertarismo è solitamente rifiutato dalla maggioranza come sistema politico ed economico perché i problemi sociali sono attribuiti erroneamente all’incapacità del libero mercato di fornire soluzioni. Raramente si ha la percezione che le vere cause di questi problemi siano gli interventi statalisti nel libero mercato.

I libertari hanno sempre riconosciuto l’importanza della causalità, come da titolo dell’opera magna di Mises, L’azione Umana. Carl Menger, il fondatore della Scuola Austriaca di Economia, ha esplicitamente affermato di aver “dedicato particolare attenzione all’indagine delle connessioni causali” come mezzo importante per comprendere i processi economici. È importante notare che questa non era solo la posizione della Scuola Austriaca dell’epoca, perché “la ricerca di queste leggi causali della realtà era un’impresa internazionale tra gli economisti nell’ultimo quarto del XIX secolo e fino alla Prima Guerra Mondiale“. Tuttavia, per diverse ragioni, questa attenzione alle connessioni causali nella ricerca economica si è poi persa.

Come si è cercato di dimostrare in questo articolo, è essenziale che la causalità, sia in economia che in politica, sia meglio compresa dal grande pubblico. Questo è fondamentale per arginare le incursioni autoritarie dei governi che si stanno verificando in tutti i settori della vita. Una migliore comprensione delle connessioni causali porterebbe a un aumento della popolarità del libertarismo, dimostrando che il mercato fallisce solo quando è costantemente interrotto dall’intervento dello Stato.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution