Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

I punti salienti del discorso di Putin al Forum economico di San Pietroburgo

Schermata 2023-06-18 alle 10.09.18
174 Visualizzazioni |

Il 16 giugno, il presidente russo Vladimir Putin è intervenuto alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Il capo dello stato ha toccato diversi temi che andiamo a riassumere in questo articolo con i virgolettati e citazioni originali del presidente russo. Le citazioni principali del discorso del capo di stato sono state estratte dall’agenzia di stampa russa Izvestia.

Sull’economia russa

Secondo il presidente, il secondo trimestre del 2022 è stato il periodo più difficile per l’economia russa “dove l’intera vita economica veniva ridisegnata”.

“Naturalmente, il mio intervento, dice Putin, sarà principalmente dedicato allo sviluppo della Russia, ai nostri piani in vari settori. Ma parto dal fatto che per voi [ospiti stranieri] gli argomenti saranno di un certo interesse. Quello che stiamo facendo nella nostra economia, secondo me, può essere applicato in altri paesi, e questo non farà che aumentare le opportunità di interazione.

Parlando da questo Forum un anno fa, ho delineato la mia visione delle sfide che la Russia e il mondo intero stanno affrontando. Permettetemi di ricordarvi che è stato il secondo trimestre dello scorso anno a diventare il più difficile per la nostra economia, per le imprese domestiche. Quando le circostanze, il consueto ordine commerciale, gli insediamenti, la logistica stavano rapidamente cambiando. Quando di fatto, l’intero tessuto aziendale e la vita economica veniva ridipinta. Oggi, cari colleghi, signore e signori, amici, possiamo affermare con sicurezza: la strategia scelta dalla Russia a livello commerciale, ha funzionato.

Un anno fa, l’umore, anche nei nostri ambienti di lavoro, era molto diffidente. In tali circostanze, era importante dare un punto d’appoggio all’azienda. Riaffermare l’inviolabilità dei nostri principi.

L’anno scorso, ci è stato profetizzato che, sotto la pressione delle sanzioni, la Russia sarebbe tornata a un’economia chiusa. Ma noi, come sapete, abbiamo scelto la strada dell’espansione della libertà di impresa, e le azioni hanno dimostrato che abbiamo fatto assolutamente la cosa giusta. Nonostante tutte le difficoltà dell’ultimo anno, non abbiamo intrapreso la strada dell’autoisolamento.

Sui successi economici della Russia

“Abbiamo mantenuto una politica monetaria responsabile. Questo ci ha permesso di raggiungere livelli record di disoccupazione. Non è mai stato così basso nella nostra storia. Continueremo a costruire la nostra politica macroeconomica tenendo conto della situazione reale e concentrandoci sull’obiettivo di abbassamento dell’inflazione.”

Le banche nazionali mantengono un’elevata attività di investimento, la loro base di capitale di riserva ha superato la prova di forza. Per fare un confronto: nel 2022 il volume dei prestiti alle persone giuridiche è aumentato del 14,3% e per i cittadini del 9,5%. Il tasso di crescita dei prestiti in ambito professionale e alle persone giuridiche quest’anno è già stato del 17,1%, e alle persone fisiche una crescita del 12,9%.

Si richiama l’attenzione sulla dinamica dei ricavi non oil e gas. A maggio il tasso era più 28,5%. Ancora una volta, voglio sottolineare che stiamo parlando di entrate di bilancio, che non sono legate all’esportazione di petrolio e gas. Ciò significa che il settore reale si sta sviluppando e sta guadagnando slancio.

Continuiamo a indicizzare il salario minimo e ad aumentare il suo divario dal livello di sussistenza. Dal 1° gennaio 2024 effettueremo un’altra indicizzazione del 18,5%. L’aumento totale del salario minimo avrà un impatto positivo sui redditi di quasi 5 milioni di persone. Ed entro il 2030, il salario minimo dovrebbe quasi raddoppiare in termini nominali.

Venerdì 16 giugno Vladimir Putin partecipa tradizionalmente alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. In precedenza, il Cremlino ha affermato che il presidente, nell’ambito del suo discorso, fornirà anche una valutazione dettagliata dello stato dell’economia russa. Le citazioni principali del discorso del capo di stato sono nel materiale tradizionale di Izvestia.

Sulle sfide dell’economia

Naturalmente, il mio intervento sarà principalmente dedicato allo sviluppo della Russia, ai nostri piani in vari settori. Ma parto dal fatto che per voi [ospiti stranieri] è anche di un certo interesse. Quello che stiamo facendo nella nostra economia, secondo me, può essere applicato in altri paesi, e questo non farà che aumentare le opportunità di interazione.

Parlando da questa tribuna un anno fa, ho delineato la mia visione delle sfide che la Russia e il mondo intero stanno affrontando. Permettetemi di ricordarvi che è stato il secondo trimestre dello scorso anno a diventare il più difficile per la nostra economia, per le imprese domestiche. Quando le circostanze, il consueto ordine commerciale, gli insediamenti, la logistica stavano rapidamente cambiando, quando, di fatto, l’intero tessuto della vita aziendale ed economica veniva ridipinto, oggi, cari colleghi, signore e signori, amici, possiamo affermare con sicurezza: il strategia scelta allora sia dallo stato che dalla Russia commerciale, ha funzionato.

Un anno fa, l’umore, anche nei nostri ambienti di lavoro, era molto diffidente. In tali circostanze, era importante dare un punto d’appoggio all’azienda. Riaffermare l’inviolabilità dei nostri principi.

L’anno scorso, ci è stato profetizzato che, sotto la pressione delle sanzioni, la Russia sarebbe tornata a un’economia di controllo amministrativo chiusa. Ma noi, come sapete, abbiamo scelto la strada dell’espansione della libertà di impresa, e la pratica ha dimostrato che abbiamo fatto assolutamente la cosa giusta, e la vita lo ha dimostrato. Nonostante tutte le difficoltà dell’ultimo anno, non abbiamo intrapreso la strada dell’autoisolamento.

Sui successi economici della Russia

Abbiamo mantenuto una politica monetaria responsabile. Questo ci ha permesso di raggiungere livelli record di disoccupazione. Non è mai stato così basso nella nostra storia. La pratica ha dimostrato che non abbiamo raggiunto questa stabilità macroeconomica invano. Continueremo a costruire la nostra politica macroeconomica tenendo conto della situazione reale e concentrandoci sull’obiettivo di inflazione.

Le banche nazionali mantengono un’elevata attività di investimento, la loro base di capitale ha superato la prova di forza. Per fare un confronto: nel 2022 il volume dei prestiti alle persone giuridiche è aumentato del 14,3% e per i cittadini del 9,5%. Il tasso di crescita dei prestiti ai cosiddetti avvocati, come si dice in ambito professionale, alle persone giuridiche quest’anno è già stato del 17,1%, e ai “fisici”, cioè alle persone fisiche – una crescita del 12,9%.

Si richiama l’attenzione sulla dinamica dei ricavi non oil e gas. A maggio il tasso era più 28,5%. Ancora una volta, voglio sottolineare che stiamo parlando di entrate di bilancio, che non sono legate all’esportazione di petrolio e gas. Ciò significa che il settore reale si sta sviluppando e sta guadagnando slancio.

Sulle multinazionali straniere che hanno lasciato la Russia.

“Se all’inizio i nostri cittadini erano molto preoccupati per la partenza di partner stranieri, ora occupano attivamente le aree libere nei centri commerciali.

Non chiudiamo la porta a nessuno. Non abbiamo paura della concorrenza. Ma manterremo sempre in primo piano gli interessi degli affari russi. A proposito, consideriamo anche quelli che sono rimasti come produttori nazionali e li tratteremo come nostri.

Nei mercati internazionali non ci sono solo partner e amici, ma anche coloro che sono abituati a fare super profitti dai loro monopoli. Tali partecipanti al mercato non hanno bisogno di concorrenti, quindi mettono i bastoni tra le ruote, cercando di frenare nuovi centri di sviluppo.”

Sulla transizione verso un’economia sovrana

“Non si tratta solo di compensare il calo del Pil o sostituire le aziende che se ne sono andate. Ho già detto che i cambiamenti nel mondo sono di natura cardinale, il che significa che abbiamo bisogno di una politica economica proattiva. In sostanza, abbiamo bisogno di una transizione verso un livello di sviluppo qualitativamente nuovo: una transizione verso un’economia sovrana.

Naturalmente, la sovranità tecnologica non prevede la produzione autonoma di tutti gli elementi essenziali. Questo è impossibile, ma non ci sforziamo per questo. È necessario garantire una produzione indipendente nelle aree critiche.

Un indicatore della correttezza dei nostri approcci è il tasso di inflazione. Frenare la crescita dei prezzi oggi non è solo opera della Banca di Russia, ma anche opera del governo per stimolare la domanda. Voglio prestare particolare attenzione a questo. Molto è stato detto oggi sulla formazione di un’economia dal lato dell’offerta, ma dove c’è offerta deve esserci domanda. Ciò significa che l’espansione del potenziale economico della Federazione Russa dovrebbe essere direttamente correlata alla crescita del benessere dei suoi cittadini.

Sul Nuovo Ordine Mondiale

Ci siamo posti alcuni compiti relativi alla denazificazione di questi territori e alla loro smilitarizzazione. Ma per quanto riguarda la smilitarizzazione, presto l’Ucraina smetterà del tutto di utilizzare le sue attrezzature e inizierà a utilizzare le attrezzature di altri paesi. Non guadagnerai così tanto

Da qualche parte gli ucraini riescono a raggiungere la prima linea, da qualche parte falliscono ma non è questo il punto. Il problema è che non hanno raggiunto i loro obiettivi in ​​​​nessuna delle sezioni. Questo è ciò che è importante.

A proposito dei nazisti in Ucraina

Ho avuto molti amici ebrei fin dall’infanzia. Dicono: “Zelensky non è ebreo, questa è una vergogna per il popolo ebraico”. E questo non è uno scherzo, non è una parodia. Dopotutto, i neonazisti, gli ultimi Hitler, sono stati eretti sul podio in Ucraina.

Guardi cosa dice la gente comune di Israele su Internet. Guarda, capirai immediatamente tutto. E ti sarà subito chiaro che il compito di denazificazione [dell’Ucraina] è uno di quelli chiave.

Sul tetto del prezzo del petrolio e del gas

Qualsiasi restrizione non di mercato nel commercio mondiale è controproducente, dannosa per tutto il commercio mondiale e, quindi, danneggia coloro che avviano processi di questo tipo.

Sai, abbiamo anche adottato decisioni a livello normativo che limitano il lavoro delle nostre aziende con coloro che impongono restrizione sui nostri beni, anche nel settore energetico. Ciò ha un effetto corrispondente sui mercati mondiali e costruisce indicatori di prezzo. E alla fine, insieme a coloro che pensano in modo sensato e mostrano vera preoccupazione per la salute dell’economia globale e dei mercati energetici globali (intendo, prima di tutto, i nostri partner nell’OPEC +), prendiamo decisioni così comuni che riducono al minimo per la comunità economica mondiale e i mercati energetici mondiali, quelle conseguenze negative che sono possibili quando si prendono decisioni politicamente motivate nel campo dell’economia.

Sulla pressione delle sanzioni

Non si tratta dei mezzi per condurre la lotta armata, si tratta dello sviluppo del nostro paese. Il mondo, come ho detto, sta attraversando profonde trasformazioni. Dopotutto, abbiamo iniziato a riorganizzarci in nuovi mercati non ieri, ma molto prima dell’inizio dei tragici eventi in Ucraina. E perché? Perché i mercati finanziari globali stanno cambiando.

Quando sento: “diventerai dipendente dalla Cina” e tu? Sei dentro da molto tempo. L’Indonesia è un mercato enorme e sta crescendo rapidamente. In America Latina ci sono enormi opportunità come in Africa. Sì, ci sono molti problemi, ma le economie sono tutte in crescita. Pertanto, coloro che introducono queste restrizioni iniziano a soffrirne. Questo non può farci piacere, ma non porterà a circostanze che fermeranno lo sviluppo del nostro Paese.

Faremo in modo che altri paesi non seguano stupidamente gli interessi di qualche paese moderno. Gli Stati Uniti hanno “creato” l’inflazione riversando enormi quantità di dollari nell’economia. Non l’abbiamo fatto noi, l’hanno fatto loro prima degli eventi in Ucraina. Ora stanno cercando di nascondere i propri errori, incolpando di tutto la Russia. Non funzionerà.

Sull’abbandono del dollaro e sugli abusi delle autorità statunitensi

Non abbiamo mai avuto e non abbiamo l’obiettivo di dedollarizzare l’economia russa o di influenzare la dedollarizzazione dell’economia mondiale.

L’influenza di una particolare valuta sull’economia mondiale è direttamente correlata al potenziale economico del paese che è l’emittente di questa valuta. L’economia statunitense è una delle economie mondiali. È vero, ora è inferiore all’economia cinese in termini di parità di potere d’acquisto, ma è comunque una grande economia. Questo è un ovvio merito del popolo americano: talentuoso, abile. Nessuno lo nega. È solo che l’attuale leadership politica abusa della fiducia degli americani.

Usando il dollaro come strumento di lotta armata, e non c’è altro modo per dirlo, sollevano dubbi sull’affidabilità della valuta americana come strumento di regolamento nel commercio mondiale e come mezzo per accumulare riserve.

Sul ruolo della NATO nel conflitto in Ucraina

La NATO, ovviamente, è coinvolta nella guerra in Ucraina. Stiamo parlando della fornitura di attrezzature pesanti e ora si stanno prendendo in considerazione opzioni per la fornitura di aeromobili. Ho appena detto che ci sono tentativi di sfondamento da parte delle forze ucraine supportate da carri armati. I carri armati sono in fiamme, diversi carri armati sono stati distrutti, compresi i Leopardi. Anche gli F-16 bruceranno, senza dubbio.

Ma se si trovano fuori dall’Ucraina e vengono usati contro di noi, dovremo vedere come possono essere colpiti. Questo è un serio pericolo di coinvolgere la NATO nel conflitto.

Ma nonostante tutto e qualunque cosa accada, trattiamo i nostri partner stranieri con rispetto. Non abbiamo mai chiuso la porta [per i negoziati con l’Occidente], sono loro che l’hanno chiusa .

A proposito di attacchi al territorio russo

Questo è un tentativo di provocarci. Il tentativo di infliggere danni al Cremlino, gli attacchi alla regione di Belgorod sono tutti tentativi di provocare una risposta. Ma se abbiamo distrutto cinque carri armati Patriot vicino a Kiev, perché dovremmo distruggere qualsiasi edificio nel centro di Kiev? Non ci sono tali restrizioni. Non lo facciamo per una serie di motivi.

Sulla possibilità di utilizzare armi nucleari

L’uso di armi nucleari è certamente teoricamente possibile. Da parte della Russia, se viene creata una minaccia alla nostra indipendenza, integrità territoriale e sovranità. Ma noi, in primo luogo, non abbiamo tale necessità e, in secondo luogo, il fatto stesso di ragionare su questo argomento aumenta la probabilità di abbassare la soglia per l’uso di tali armi.

Poi noi abbiamo molte più armi di questo tipo rispetto ai paesi occidentali. Ne sono consapevoli e ci esortano costantemente ad avviare negoziati per ridurlo. Fanculo loro, come dice la gente. Questo è il nostro vantaggio competitivo.

articolo completo qui

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution