Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

George Soros paga gli studenti che protestano proteste contro Israele

2017-gala-jazz-lincoln-center-9771135_80ace3
1.078 Visualizzazioni |

Da Isabel Vincent

George Soros e i suoi pagano gli agitatori che alimentano l’esplosione delle proteste radicali contro Israele nei college di tutto il Paese.

Le proteste, iniziate quando gli studenti hanno occupato il prato del campus di Morningside Heights della Columbia University la scorsa settimana, si sono diffuse a livello nazionale.

Tendopoli sono state allestite in università come Harvard, Yale, Berkeley in California, Ohio State University ed Emory in Georgia – tutte organizzate da sezioni degli Studenti per la Giustizia in Palestina (SJP), finanziati da Soros – e in alcune di esse gli studenti si sono scontrati con la polizia.

George Soros paga gli agitatori che alimentano l’esplosione delle proteste radicali anti-Israele nei college di tutto il Paese.

L’organizzazione madre SJP è stata finanziata da una rete di organizzazioni non profit finanziate, tra gli altri, da Soros, il miliardario investitore di sinistra.

In tre college, le proteste sono state incoraggiate da radicali pagati che sono “borsisti” di un gruppo finanziato da Soros chiamato US Campaign for Palestinian Rights (USCPR).

L’USCPR fornisce fino a 7.800 dollari per i suoi borsisti comunitari e tra i 2.880 e i 3.660 dollari per i suoi “borsisti” universitari, in cambio di otto ore alla settimana per organizzare “campagne guidate da organizzazioni palestinesi”.

Sono addestrati a “sollevarsi, a fare la rivoluzione”.

Il gruppo radicale ha ricevuto almeno 300.000 dollari dalla Open Society Foundations di Soros dal 2017 e ha ricevuto anche 355.000 dollari dal Rockefeller Brothers Fund dal 2019.

George Soros e i magnati di Wall Street hanno finanziato gruppi radicali anti-Israele dietro le proteste del campus della Columbia University.Rikki Schlott
L’Università del Texas-Austin è uno dei campus in cui questa settimana sono esplose le proteste anti-israeliane, imitando l’occupazione del prato della Columbia University.AP

Ha tre “compagni” che sono stati figure importanti nel movimento di protesta a livello nazionale.

Nidaa Lafi, ex presidente degli Studenti per la Giustizia in Palestina dell’Università del Texas, è stata vista mercoledì in un accampamento della UT Dallas mentre teneva un discorso per chiedere la fine della guerra a Gaza.

Lafi, ex stagista legislativo della defunta deputata democratica Eddie Bernice Johnson, si è laureato l’anno scorso in economia globale e ora studia legge alla Southern Methodist University di Dallas.

Lafi è stato visto mercoledì all’Università del Texas-Austin mentre guidava una protesta contro Israele. Notizie in tempo reale Alamy.
GAZA TEACH IN STARTING NOW. A woman in a hijab holds a microphone and stands with a ring of people, some wearing keffiyehs, on a tarp in front of her.
Nidaa Lafi è tornata mercoledì nel campus dell’Università del Texas, a Dallas, per guidare un “teach-in” durante l’occupazione del prato dell’università da parte degli Studenti per la Giustizia in Palestina. È pagata come “borsista” da un gruppo sostenuto da George Soros.

A gennaio, è stata arrestata per aver bloccato il percorso del corteo del presidente Biden dopo il suo arrivo a Dallas per il funerale di Johnson, il suo ex capo.

A Yale, il collega dell’USCPR Craig Birckhead-Morton è stato arrestato lunedì e accusato di violazione di domicilio di primo grado quando la sezione di SJP, Yalies4Palestine, ha occupato la Beinecke Plaza della scuola, come riporta lo Yale Daily News.

Birckhead-Morton – anche lei ex stagista di un democratico, il rappresentante del Maryland John Sarbanes – è uscita dalla custodia per rivolgersi a un sit-in che ha bloccato il traffico a New Haven.

A Yale, Craig Birckhead-Morton (cerchiato) viene pagato fino a 3.360 dollari per il suo lavoro di incoraggiamento alle proteste. Lunedì è stato arrestato per violazione di domicilio e accusato di violazione di primo grado.

Il più importante tra i borsisti è Malak Afaneh di Berkeley, co-presidente del Berkeley Law Students for Justice in Palestine.

Questa settimana ha preso parte a una protesta anti-Israele nel campus, dopo essere salita alla ribalta per aver dirottato una cena a casa del preside della facoltà di legge per gridare slogan anti-Israele e aver accusato la moglie del preside di averla aggredita quando lei ha chiesto ai radicali di andarsene.

La manifestante seriale Malak Afaneh è pagata dalla Campagna statunitense per i diritti dei palestinesi come “fellow”. Ha parlato ripetutamente a un accampamento di studenti dell’Università della California, Berkeley, dove è studentessa di legge.
Malak Afaneh, studente di legge dell’UC Berkeley, parla a una folla di manifestanti pro-palestinesi durante una protesta nel campus dell’UC Berkeley a Berkeley, California, lunedì 22 aprile 2024.

Il denaro di Soros e dei suoi accoliti è stato fondamentale per le proteste della Colombia che hanno dato il via alle manifestazioni nazionali.

Tre gruppi hanno allestito la tendopoli sul prato della Columbia mercoledì scorso: Students for Justice in Palestine (SJP), Jewish Voice for Peace (JVP) e Within Our Lifetime.

Al “Gaza Solidarity Encampment”, gli studenti dormono in tende apparentemente ordinate da Amazon e godono di pizza a domicilio, caffè da Dunkin’, panini gratuiti da 12,50 dollari da Pret a Manger, patatine organiche e polli da rosticceria da 10 dollari.

Afaneh ha postato questo video dopo aver dirottato una cena a cui era stata invitata dal preside della facoltà di legge e aver gridato slogan anti-Israele – poi ha affermato di essere la vittima.TikTok/@realsairarao

Un’analisi del Post mostra che tutti e tre hanno ricevuto denaro da gruppi legati a Soros. Anche il Rockefeller Brothers Fund ha dato denaro al JVP.

Il fondo è presieduto da Joseph Pierson e comprende nel suo consiglio di amministrazione David Rockefeller Jr, membro di quarta generazione della dinastia petrolifera. L’organizzazione no-profit eroga fondi per lo “sviluppo sostenibile” e la “costruzione della pace”.

E un ex banchiere di Wall Street, Felice Gelman, un banchiere d’investimento in pensione che ha dedicato la sua fortuna a Wall Street a cause pro-palestinesi, ha finanziato tutti e tre i gruppi.

L’accampamento offre panini gratuiti da Pret a Manger, del valore di 12 dollari, e polli da rosticceria a 10 dollari. L’accampamento è stato finanziato dall’investitore miliardario George Soros.NYPJ

Sia SJP che JVP sono stati espulsi dalla Columbia University a novembre per “retorica minacciosa e intimidazione”. JVP ha incolpato Israele per l’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, che ha causato la morte di 1.200 israeliani.

“L’apartheid e l’occupazione israeliana – e la complicità degli Stati Uniti in questa oppressione – sono la fonte di tutta questa violenza”, ha dichiarato il JVP in una dichiarazione sul suo sito web.

SJP ha definito l’attacco terroristico a Israele “una vittoria storica”.

Per gli assetati manifestanti anti-israeliani accampati alla Columbia è stato offerto anche un caffè gratuito da Dunkin’. Dietro le quinte, i gruppi che organizzano l’accampamento hanno ricevuto denaro da Soros e da un altro ex banchiere di Wall Street.NYPJ

Un’analisi del Post mostra come il denaro di Soros e Gelman sia arrivato agli studenti attraverso una rete di organizzazioni non profit che aiutano a nascondere i loro contributi.

Soros ha donato miliardi alla Open Society Foundations, che ora è controllata da suo figlio Alexander, la cui compagna è Huma Abedin, la principale collaboratrice di Hillary Clinton e moglie separata del pervertito Anthony Weiner.

A sua volta, Open Society ha dato più di 20 milioni di dollari alla Tides Foundation, uno “sponsor fiscale” progressista senza scopo di lucro che poi invia il denaro a gruppi più piccoli.

George Soros, l’investitore miliardario, è l’ultima fonte di denaro per JVP e SJP, due dei gruppi accampati sul prato della Columbia. Il denaro arriva attraverso una serie di intermediari.Andrew Toth

Questi gruppi includono A Jewish Voice for Peace, che tra il 2017 e il 2022 ha ricevuto 650.000 dollari dalla Open Society di Soros. Tra i suoi consiglieri figurano l’accademico Noam Chomsky e la scrittrice femminista di sinistra Naomi Klein.

Il JVP è stato una parte importante delle proteste alla Columbia e uno dei suoi membri è stato espulso dall’università per aver invitato il leader di un gruppo terroristico proibito, Khaled, all’incontro Zoom “Resistance 101”.

Soros ha anche donato 132.000 dollari alla WESPAC, chiamata per esteso Westchester People’s Action Coalition Foundation.

George Soros and Alexander Soros in the back of a car
La Open Society Foundations di Soros è ora controllata dal figlio Alexander. È stata l’ultima fonte di fondi per tutti e tre i gruppi che si sono accampati sul prato della Columbia.

L’organizzazione no-profit con sede a White Plains è stata fondata nel 1974 per promuovere i diritti civili e la guerra del Vietnam, ma oggi è uno dei principali finanziatori di gruppi anti-Israele, tra cui Within Our Lifetime e Students for Justice in Palestine.

SJP ha ricevuto finanziamenti anche dalla Sparkplug Foundation, un’organizzazione no-profit con sede a New York gestita da Gelman e da suo marito, Yoram Gelman.

Secondo i documenti pubblici, nel 2022 la coppia ha versato una donazione di 20.000 dollari al gruppo attraverso il WESPAC.

Huma Abedin and Alexander Soros in a restaurant.
La compagna di Alexander Soros è Huma Abedin. L’assistente di Hillary Clinton si è separata dal marito Anthony Weiner dopo che quest’ultimo è stato sorpreso a fare sesso con una minorenne.X/@humaabedin

Gelman ha fatto parte del comitato WESPAC per la giustizia e la pace in Medio Oriente nel 2009, quando è stata invitata a Gaza dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione, secondo il sito web del gruppo .

Il gruppo delle Nazioni Unite è stato criticato per il suo sostegno ad Hamas.

Gelman fa parte del consiglio di amministrazione del Bard Lifetime Learning Institute, un’emanazione del famigerato college progressista, e del Jenin Freedom Theatre, situato nel campo profughi di Jenin in Cisgiordania.

David Rockefeller Jr., nella foto con la figlia Ariana, è un rampollo di quarta generazione della fortuna della Standard Oil. Ha presieduto il Rockefeller Brothers Fund, che sostiene le cause progressiste, fino al 2022. Ora è presieduto da Joseph Pierson. Paul Bruinooge/PatrickMcMullan.c
Felice Gelman
Felice Gelman, ex banchiere d’investimento di Wall Street, ha donato a Students for Justice in Palestine 20.000 dollari attraverso Sparkplug, la sua fondazione di famiglia.Bard LLI

Il presidente del WESPAC, Howard Horowitz, ex ebreo ortodosso, è membro della sezione newyorkese del JVP, che afferma di lavorare per “la difesa e l’educazione pubblica dei diritti umani dei palestinesi”.

Horowitz ha dichiarato di aver abbracciato la causa palestinese dopo aver vissuto in Israele, secondo quanto riportato dall’Israel Times.

Il WESPAC ha anche dato soldi a Within Our Lifetime, fondata dall’onnipresente manifestante anti-israeliano Nerdeen Kiswani.

Howard Horowitz
Howard Horowitz, ex ebreo ortodosso di New York, è da tempo il leader del WESPAC, che finanzia gruppi radicali anti-Israele, tra cui Students for Justice in Palestine.914Wired/ YouTube

Within our Lifetime sfrutta una scappatoia della legge per evitare di dichiarare quanto riceve dai donatori, non essendo una 501(c)(3) no-profit, il che significa che non si sa come Kiswani ne abbia beneficiato.

Tuttavia, il WESPAC è nominato come sponsor fiscale di Within Our Lifetime.

Dopo che il Post ha pubblicato la nostra storia, un portavoce della Open Society Foundations ha dichiarato: “Per la cronaca, Open Society Foundations ha una lunga storia di lotta all’antisemitismo, all’islamofobia e a tutte le forme di razzismo e odio.

“Open Society ha finanziato un ampio spettro di gruppi statunitensi che hanno sostenuto i diritti dei palestinesi e degli israeliani e la risoluzione pacifica del conflitto in Israele e nei TPO.

“Questo finanziamento è una questione di pubblico dominio, divulgata sul nostro sito web, pienamente conforme alle leggi degli Stati Uniti, e fa parte del nostro impegno a continuare il dibattito aperto che, in ultima analisi, è l’unica speranza per la pace nella regione.

“Le Open Society Foundations sostengono con orgoglio il diritto di tutti i cittadini a protestare pacificamente – un principio fondamentale della nostra democrazia”.

Nessuno degli altri gruppi ha risposto alle richieste di commento del Post.

Da Isabel Vincent

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution