Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Escobar: lo Yemen è pronto a creare una nuova coalizione imperiale

Screenshot 2023-12-25 alle 18.32.36
584 Visualizzazioni |

Scritto da Pepe Escobar,

Nessuno ha mai perso soldi scommettendo sulla capacità dell’Impero del Caos, delle Menzogne ​​e del Saccheggio di costruire una “coalizione di volenterosi” ogni volta che si trovava di fronte a un dilemma geopolitico.

In ogni caso, debitamente coperto dal regnante con “ordine internazionale basato su regole”, “volentieri” si applica ai vassalli sedotti dal bastone o dalla carota a seguire alla lettera i capricci dell’Impero.

Ecco uno spunto per l’ultimo capitolo: Coalition Genocide Prosperity, la cui denominazione ufficiale – eroica – marchio di fabbrica dei maghi delle pubbliche relazioni del Pentagono, è “Operazione Prosperity Guardian”, presumibilmente impegnata a “garantire la libertà di navigazione nel Mar Rosso”.

Traduzione: questa è Washington che dichiara guerra ad Ansarullah nello Yemen. Un ulteriore cacciatorpediniere statunitense è già stato inviato nel Mar Rosso.

Ansarullah mantiene le sue posizioni e non si lascia affatto intimidire. L’esercito Houthi ha già sottolineato che qualsiasi attacco alle risorse yemenite o ai siti di lancio dei missili Ansarullah colorerebbe letteralmente di rosso l’intero Mar Rosso .

L’esercito Houthi non solo ha riaffermato di avere “armi per affondare le vostre portaerei e i vostri cacciatorpedinieri”, ma ha lanciato uno straordinario appello sia ai sunniti che agli sciiti in Bahrein affinché si ribellino e rovescino il loro re, Hamad al-Khalifa.

Lunedì, ancor prima dell’inizio dell’operazione, la portaerei Eisenhower si trovava a circa 280 km dalle latitudini più vicine controllate da Ansarullah. Gli Houthi dispongono di missili balistici antinave Zoheir e Khalij-e-Fars con una gittata compresa tra 300 e 500 km.

Muhammad al-Bukhaiti, membro del Consiglio politico supremo di Ansarullah, si è sentito obbligato a ribadire l’ovvio: “Anche se l’America riuscisse a mobilitare il mondo intero, le nostre operazioni nel Mar Rosso non si fermeranno finché non finirà il massacro di Gaza. Non rinunceremo alla responsabilità di difenderci dagli  Moustazafeen  (gli oppressi) della Terra”.

È meglio che il mondo si prepari: la “portaerei affondata” potrebbe diventare il nuovo 11 settembre.

Le spedizioni nel Mar Rosso restano aperte

Il venditore ambulante d’armi Lloyd “Raytheon” Austin, nella sua attuale posizione di porta girevole come capo del Pentagono, sta visitando l’Asia occidentale – principalmente Israele, Qatar e Bahrein – per promuovere questa nuova “iniziativa internazionale” per il  pattugliamento del Mar Rosso, il Bab di Mandeb (che collega il Mar Arabico al Mar Rosso) e il Golfo di Aden.

Come ha osservato al-Bukhaiti, la strategia di Ansarullah è quella di prendere di mira qualsiasi nave che naviga nel Mar Rosso collegata a compagnie israeliane o che rifornisce Israele – qualcosa che per gli yemeniti dimostri la loro complicità con  il genocidio di Gaza . Ciò finirà solo quando finirà il genocidio.

Con una sola mossa – un blocco marittimo di fatto – Ansarullah ha dimostrato che il  Re è Nudo: lo Yemen ha fatto di più per difendere la causa palestinese nella pratica rispetto alla maggior parte dei principali attori regionali messi insieme. Per inciso, Netanyahu ha ordinato a tutti loro in pubblico di stare zitti. E lo hanno fatto.

È abbastanza istruttivo seguire ancora una volta il denaro. Israele è stato colpito molto duramente. Il porto di Eilat è praticamente chiuso e le sue entrate sono diminuite dell’80%.

Ad esempio, il gigante marittimo taiwanese Yang-Ming Marine Transport Corporation aveva originariamente pianificato di reindirizzare il suo carico diretto in Israele verso il porto di Ashdod. Quindi ha interrotto qualsiasi spedizione verso qualsiasi destinazione israeliana.

Non c’è da meravigliarsi che Yoram Sebba, presidente della Camera di navigazione israeliana, si sia rivelato perplesso dalle tattiche “complesse” di Ansarullah e dai criteri “non rivelati” che hanno imposto una “totale incertezza”. Nella rete yemenita sono finiti anche l’Arabia Saudita, l’Egitto e la Giordania.

È fondamentale tenere presente che Ansarullah blocca solo le navi dirette in Israele. La maggior parte della navigazione marittima nel Mar Rosso rimane aperta.

Quindi la decisione del colosso marittimo Maersk di non utilizzare il Mar Rosso, insieme ad altri colossi marittimi globali, potrebbe spingere troppo oltre i limiti, come nel chiedere quasi l’entrata in  servizio di una pattuglia guidata dagli Stati Uniti .

Inserisci CTF 153

Finora, da un lato abbiamo lo Yemen che praticamente domina il Mar Rosso. Dall’altro lato, troviamo il  tandem Emirati Arabi Uniti-Arabia Saudita-Giordania, sotto forma di un corridoio terrestre – alternativo – istituito dal porto di Jebel Ali nel Golfo Persico attraverso l’Arabia Saudita fino alla Giordania e poi a Israele.

Il corridoio utilizza la tecnologia logistica di  Trucknet: in pratica si tratta di connettività via terra basata su camion, che riduce i tempi di trasporto da 14 giorni attraverso il Mar Rosso a un massimo di 4 giorni su strada, 300 camion al giorno, tutti i giorni.

Naturalmente è presente la Giordania, che gestisce il trasbordo dagli Emirati Arabi Uniti e dall’Arabia Saudita .

Il quadro generale di tutto questo è il piano One Israel, promosso con entusiasmo da Netanyahu, il cui obiettivo principale è il collegamento con la penisola arabica e soprattutto con la metropoli tecnologica NEOM da costruire teoricamente entro il 2039 nella provincia nordoccidentale di Tabuk in Arabia Saudita, a nord del Mar Rosso, a est dell’Egitto attraverso il Golfo di Aqaba e a sud della Giordania.

NEOM è il progetto di MbS per modernizzare il paese, che è destinato a includere città AI gestite da Israele.

Questo è ciò su cui Riad  scommette davvero, molto più che sullo sviluppo di relazioni più strette con l’Iran nel quadro dei BRICS+. O a preoccuparsi del futuro della Palestina.

Sul  previsto blocco navale dello Yemen, però, i sauditi sono stati molto più cauti. Anche se Tel Aviv ha chiesto direttamente alla Casa Bianca di fare qualcosa, qualsiasi cosa, Riyadh ha “consigliato” a Washington di esercitare una certa moderazione.

Tuttavia, poiché poche cose contano di più per gli psicopatici neoconservatori straussiani che attualmente dirigono la politica statunitense se non quella di proteggere gli interessi commerciali nel Mar Rosso della sua portaerei in Asia occidentale, la decisione di creare una “coalizione” era quasi inevitabile.

Entra nell’ultima – in realtà la quarta – incarnazione della  Combined Maritime Force  (CMF): una coalizione multinazionale di 39 nazioni fondata nel 2002 e guidata dalla Quinta Flotta statunitense in Bahrein.

La task force esiste già: si tratta della CTF 153, che si concentra sulla “sicurezza marittima internazionale e sugli sforzi di rafforzamento delle capacità nel Mar Rosso, Bab al-Mandeb e Golfo di Aden”. Questa è la base per la prosperità del genocidio della coalizione.

I membri della CTF 153 includono, oltre ai  soliti sospetti Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Canada, europei come Norvegia, Italia, Paesi Bassi e Spagna, la superpotenza Seychelles e Bahrein (l’elemento della Quinta Flotta).

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, soprattutto, non ne sono membri. Sanno, dopo una guerra durata sette anni, quando facevano parte di un’altra “coalizione” (gli Stati Uniti in un certo senso “guidavano da dietro”) cosa significa combattere Ansarullah.

Tutti a bordo della rotta del Mare del Nord

Se la situazione nel Mar Rosso dovesse diventare davvero rossa, il cessate il fuoco tra Riyadh e Sanaa verrà immediatamente infranto. La Casa Bianca e il Deep State americano semplicemente non vogliono un accordo di pace. Vogliono che l’Arabia Saudita sia in guerra con lo Yemen.

Il Mar Rosso diventato rosso manderà in tilt anche la crisi energetica globale. Dopotutto almeno quattro milioni di barili di petrolio e il 12% del totale del commercio marittimo globale verso l’Occidente transitano ogni giorno attraverso il Bab al-Mandeb.

Quindi, ancora una volta abbiamo la conferma evidente che l’Impero del Caos, delle Menzogne ​​e del Saccheggio chiede il cessate il fuoco solo quando sta perdendo gravemente: vedi il caso dell’Ucraina.

Tuttavia, nessun cessate il fuoco a Gaza  – sostenuto dalla stragrande maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite – corre il rischio di metastatizzare in un’espansione della guerra nell’Asia occidentale.

Ciò potrebbe rientrare nella goffa logica imperiale di incendiare l’Asia occidentale per disturbare la spinta commerciale della Cina verso la BRI e l’ingresso di Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti nei  BRICS ampliati il  ​​mese prossimo. Allo stesso tempo, e in sintonia con l’assenza di una vera pianificazione strategica a Washington, ciò non prende in considerazione una serie di conseguenze spaventose e non intenzionali.

Quindi, secondo l’ottica imperiale, l’unica strada da percorrere è un’ulteriore militarizzazione – dal Mediterraneo al Canale di Suez, al Golfo di Aqaba, al Mar Rosso, al Golfo di Aden, al Mar Arabico e al Golfo Persico. Ciò si inserisce perfettamente nel quadro della Guerra dei Corridoi Economici .

Dovrebbe essere scolpito nella pietra un assioma: Washington preferisce scommettere su una possibile, profonda recessione globale piuttosto che consentire semplicemente un cessate il fuoco umanitario a Gaza. La recessione potrebbe innescare un collasso economico diffuso dell’Occidente collettivo e un’ascesa ancora più rapida del multipolarismo.

Per offrire il tanto necessario sollievo a tanta follia: quasi casualmente, il presidente Putin ha recentemente osservato che la  rotta del Mare del Nord  sta ora diventando un corridoio commerciale marittimo più efficiente del Canale di Suez.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution