Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il WEF prevede che il 44% delle competenze umane sarà sostituito dall’intelligenza artificiale entro cinque anni

Screenshot 2023-12-28 alle 10.43.31

dal sito del World Economic Forum

Man mano che i sistemi di intelligenza artificiale (AI) diventano sempre più avanzati, molte persone hanno sviluppato ansie riguardo al potenziale dell’IA di rendere obsolete le competenze umane, i posti di lavoro o persino la stessa specie umana. Questo fenomeno è stato soprannominato “paura dell’obsolescenza” o “FOBO” – l’idea che creeremo o evolveremo noi stessi fino a diventare irrilevanti.

Oppure, per dirla in altro modo…

Immagina di svegliarti un giorno e scoprire che il tuo lavoro è stato automatizzato da un giorno all’altro da macchine intelligenti. Poi scopri che anche la carriera che sognavi di intraprendere è già stata intrapresa dall’intelligenza artificiale.

Rapidamente, sempre più domini umani una volta ritenuti impossibili da replicare – arte, musica, emozioni – diventano preda degli algoritmi avanzati fino a quando tutto il talento e lo scopo unicamente umani diminuiscono di fronte alle controparti robotiche superiori. Presto la tua stessa esistenza diventa banale… inutile.

Sembra terrificante, vero? Ma anche, se vogliamo essere onesti, un po’ strano. Questo perché nulla di quanto sopra è stato scritto da un essere umano: lo ha scritto l’intelligenza artificiale.

Claude.ai ha proposto un’introduzione su FOBO (nel primo paragrafo) che fosse più creativo e aggiungesse un po’ di suspense (nei due sopra).

Ecco cosa devi effettivamente sapere sul fenomeno.

Cos’è FOBO?

FOBO è una sensazione reale: secondo un sondaggio Gallup del settembre 2023, oltre un quinto dei lavoratori negli Stati Uniti temeva che la tecnologia renderà il loro lavoro obsoleto.

Non è un fenomeno nuovo. Gallup monitora questo sentiment dal 2017. Ma la paura è cresciuta tra il 2021 e il 2023, in concomitanza con la diffusione dell’intelligenza artificiale generativa e il lancio di ChatGPT nel novembre 2022.

Mentre il numero di lavoratori senza laurea che hanno espresso preoccupazione è rimasto pressoché invariato al 24%, si è registrato un aumento del numero di lavoratori con istruzione universitaria preoccupati – dall’8% al 20%.

La preoccupazione è aumentata anche tra le generazioni più giovani, con una variazione di 11 punti percentuali tra quelli di età compresa tra i 18 e i 34 anni.

Le persone dovrebbero preoccuparsi che l’intelligenza artificiale tolga loro il lavoro?

Il FOBO è giustificato? Il numero di attività che possono essere automatizzate dipende in gran parte dalla professione che svolgi, ma gli esseri umani dovranno sempre essere tenuti in una certa misura al corrente, con il loro lavoro che sarà potenziato dall’intelligenza artificiale.

Secondo il white paper Jobs of Tomorrow del World Economic Forum, i compiti di routine e ripetitivi sono quelli che l’intelligenza artificiale probabilmente automatizzerà , mentre il pensiero critico e la risoluzione di problemi complessi potrebbero essere migliorati dalla tecnologia.

Secondo il rapporto, ad esempio, solo il 16,1% del lavoro di un responsabile delle risorse umane presenta un potenziale di automazione e il 22,2% di miglioramento.

Ma ci sono alcuni ruoli che l’intelligenza artificiale non sarà mai in grado di sostituire mentre il settore dell’agricoltura, dell’istruzione, della catena di fornitura e della logistica probabilmente vedranno una crescita nell’uso dell’Ai.

Secondo il Future of Jobs Report 2023 del Forum, le aziende stanno introducendo l’automazione nelle loro attività più a rilento del previsto .

Poco più di un terzo (34%) di tutte le attività aziendali oggi vengono eseguite da macchine, mentre il restante 66% viene eseguito da esseri umani. Si tratta di un aumento solo dell’1% rispetto al sondaggio sul futuro dell’occupazione del 2020.

In effetti, gli intervistati hanno abbassato le loro aspettative per l’automazione futura prevedendo che, entro il 2027, il 42% delle attività aziendali sarà automatizzato, in calo rispetto al 47% previsto nel sondaggio del 2020.

Anche se si prevede che l’intelligenza artificiale porterà a tassi di abbandono più elevati e tre quarti delle aziende stanno cercando di adottare la tecnologia, un numero maggiore di aziende si aspetta che l’adozione dell’intelligenza artificiale porti alla crescita dei posti di lavoro piuttosto che alla perdita di posti di lavoro – rispettivamente al 50% e al 25%.

Perché il miglioramento delle competenze sarà cruciale per i lavori del futuro

Nei prossimi cinque anni, i dipendenti stimano che il 44% delle competenze dei lavoratori verrà interrotto, il che significa che il miglioramento delle competenze e l’apprendimento permanente sono ora più essenziali, afferma il Future of Jobs Report 2023.

Le competenze più richieste sono quelle che l’intelligenza artificiale non può sostituire, tra cui il pensiero analitico, l’empatia e l’ascolto attivo, la leadership e l’influenza sociale.

L’intelligenza artificiale creerà anche nuovi campi di lavoro, con crescenti opportunità per: “formatori”, “educatori” e “sostenitori”, si legge nel libro bianco del Forum, Jobs of Tomorrow: Large Language Models and Jobs .

Quando è stato chiesto se gli esseri umani dovrebbero temere che l’intelligenza artificiale tolga loro il lavoro, Claude di Anthropic ha risposto: “Non ho alcun desiderio indipendente di togliere lavoro agli umani o di rendere qualcuno obsoleto. Sono progettato esclusivamente per assistere gli obiettivi e i valori umani, non per sostituirli…

“Sono solo un’interfaccia focalizzata nel fornirti informazioni utili, senza spingere motivazioni autonome. Il mio ruolo è collaborare con la creatività umana, non rivaleggiarla o sostituirla”.

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution