Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Escobar: Iran-Russia hanno creato una trappola occidentale in Palestina

Screenshot 2023-10-31 alle 14.52.44
3.080 Visualizzazioni |

L’unico paese che potrebbe distrarre l’Occidente dalla situazione in Ucraina è Israele. Ma gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cadendo in una trappola esistenziale se pensano che una vittoria nell’Asia occidentale sarà più facile di una vittoria europea…

Scritto da Pepe Escobar tramite The Cradle,

La partnership strategica Russia-Iran – con la Cina dietro le quinte – sta preparando un’elaborata trappola con sfumature Sun Tzu per l’egemone nell’Asia occidentale.

A parte Israele, non esiste alcuna entità sul pianeta in grado di spostare l’attenzione, in un lampo, dalla spettacolare debacle dell’Occidente in Ucraina.

I guerrafondai responsabili della politica estera degli Stati Uniti, non esattamente sostenitori bismarckiani, credono che se il Progetto Ucraina è irraggiungibile, il Progetto Soluzione Finale in Palestina potrebbe invece essere un gioco da ragazzi – la pulizia etnica.

Uno scenario più plausibile, tuttavia, è che Iran-Russia – e il nuovo “asse del male” Russia-Cina-Iran – abbiano tutto ciò che serve per trascinare l’egemone in un secondo pantano. Si tratta di usare le capriole scombussolate del nemico per sbilanciarlo e disorientarlo fino all’oblio.

Il pio desiderio della Casa Bianca secondo cui le guerre eterne in Ucraina e Israele sono inscritte nella stessa nobile spinta “democratica” ed essenziali per gli interessi nazionali degli Stati Uniti, si è già ritorta contro – anche tra l’opinione pubblica americana.

Ciò non impedisce che le grida e i sussurri lungo la Beltway rivelino che i neoconservatori statunitensi alleati di Israele stanno aumentando il ritmo per provocare l’Iran – attraverso delle false flag che porterebbero a un attacco americano. Questo scenario di Armageddon si adatta perfettamente  alla psicopatia biblica del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu .

I vassalli sarebbero costretti a obbedire docilmente. I capi di stato della NATO si sono precipitati a visitare Israele per dimostrare il loro sostegno incondizionato a Tel Aviv – tra cui Kyriakos Mitsotakis della Grecia, Giorgia Meloni dell’Italia, Rishi Sunak della Gran Bretagna, Olaf Scholz della Germania, l’inquilino senile della Casa Bianca, ed Emmanuel Macron della Francia.

Vendicare il “secolo di umiliazioni” arabo 

Finora, il movimento di resistenza libanese Hezbollah ha mostrato una straordinaria moderazione non abboccando ad alcuna esca. Hezbollah sostiene la resistenza palestinese nel suo insieme – e fino a qualche anno fa aveva seri problemi con Hamas, con cui si scontrava in Siria. Hamas, per inciso, anche se parzialmente finanziato dall’Iran, non è gestito dall’Iran. Per quanto Teheran sostenga la causa palestinese, i gruppi di resistenza palestinesi prendono le proprie decisioni.

La grande novità è che tutti questi problemi si stanno risolvendo. Sia Hamas che la Jihad islamica palestinese (PIJ) si sono recati in Libano per visitare di persona il segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah questa settimana. Ciò esprime unità di intenti – o ciò che l’Asse di Resistenza della regione chiama “Unità dei Fronti”.

Ancora più illuminante è stata  la visita di Hamas a Mosca  questa settimana, che è stata accolta con l’impotente furia israeliana. La delegazione di Hamas era guidata da un membro del Politburo, Abu Marzouk. Il vice ministro degli Esteri iraniano Ali Bagheri è venuto appositamente da Teheran e ha incontrato due dei principali vice del ministro degli Esteri russo Lavrov, Sergei Ryabkov e Mikhail Galuzin.

Ciò significa che Hamas, Iran e Russia stanno negoziando allo stesso tavolo.

Hamas ha invitato i milioni di palestinesi della diaspora, così come l’intero mondo arabo e tutti i paesi dell’Islam, a unirsi. Lentamente ma inesorabilmente si può individuare uno schema: il mondo arabo – e grandi fasce dell’Islam – potrebbero essere sul punto di unirsi in modo significativo per vendicare il proprio “secolo di umiliazioni” – proprio come fecero i cinesi dopo la seconda guerra mondiale con Mao Zedong e Deng? Xiaoping?

Pechino, attraverso la sua sofisticata diplomazia, lo sta certamente accennando agli attori chiave, anche prima che l’innovativo riavvicinamento Iran-Arabia mediato da Russia e Cina fosse raggiunto all’inizio di quest’anno.

Ciò di per sé non ostacolerà la perpetua ossessione neoconservatrice degli Stati Uniti di bombardare le infrastrutture critiche in Iran. Valendo meno di zero quando si tratta di scienza militare, questi neoconservatori ignorano come la ritorsione iraniana prenderebbe di mira – esattamente – ogni singola base americana in Iraq e Siria, con il Golfo Persico un caso aperto.

L’impareggiabile analista militare russo Andrei Martyanov  ha dimostrato  cosa potrebbe accadere alle costose vasche da bagno americane nel Mediterraneo orientale in caso di un attacco israeliano contro l’Iran.

Inoltre, ci sono almeno 1.000 soldati americani nel nord della Siria che rubano il petrolio del paese – e anche questo diventerebbe un obiettivo immediato.

Ali Fadavi, vice comandante in capo dell’IRGC, va al sodo: “Abbiamo tecnologie in campo militare di cui nessuno è a conoscenza, e gli americani ne verranno a conoscenza quando le useremo”.

Un esempio sono i missili ipersonici Fattah iraniani – cugini del Khinzal e del DF-27 – che viaggiano e sono in grado di raggiungere qualsiasi obiettivo in Israele in 400 secondi.

E aggiungeteci la sofisticata guerra elettronica russa (EW). Come confermato a Mosca sei mesi fa, quando si tratta di interconnessione militare, gli iraniani hanno detto ai russi seduti allo stesso tavolo: “qualunque cosa vi serva, chiedetela”. Lo stesso vale viceversa, perché il nemico comune è lo stesso.

Riguarda lo Stretto di Hormuz 

Il cuore della questione in ogni strategia russo-iraniana è lo Stretto di Hormuz, attraverso il quale transita almeno il 20% del petrolio mondiale (quasi 17 milioni di barili al giorno) più il 18% del gas naturale liquefatto (GNL), che ammonta a almeno 3,5 miliardi di metri cubi al giorno.

L’Iran riesce a bloccare in un lampo lo Stretto di Hormuz. Per cominciare, questa sarebbe una sorta di punizione di giustizia poetica per Israele che mira a divorare, illegalmente, tutto il gas naturale multimiliardario scoperto al largo di Gaza: questo è, per inciso, uno dei motivi assolutamente fondamentali della pulizia etnica della Palestina.

Eppure il vero affare sarà quello di abbattere la struttura di derivati ​​da 618mila miliardi di dollari progettata da Wall Street, come confermato da anni dagli analisti di Goldman Sachs e JP Morgan, così come dai trader indipendenti di energia del Golfo Persico.

Quindi, quando arriva il momento critico – e ben oltre la difesa della Palestina e in uno scenario di guerra totale – non solo Russia-Iran ma attori chiave del mondo arabo che stanno per diventare membri dei BRICS 11 – come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti – hanno quello che serve per far crollare il sistema finanziario americano ogni volta che lo desiderano.

Come sottolinea un Deep State della vecchia scuola, ora attivo nell’Europa centrale:

“Le nazioni islamiche hanno il vantaggio economico. Possono far saltare il sistema finanziario internazionale tagliando il petrolio. Non devono sparare un solo colpo. Iran e Arabia Saudita si alleano insieme. La crisi del 2008 ha richiesto 29mila miliardi di dollari per essere risolta, ma questa, se dovesse accadere, non potrebbe essere risolta nemmeno con 100mila miliardi di dollari di strumenti fiat”.

Come mi hanno detto i trader del Golfo Persico, uno scenario possibile è che l’OPEC inizi a sanzionare l’Europa, prima dal Kuwait e poi da un paese dell’OPEC all’altro e a tutti i paesi che trattano il mondo musulmano come nemici e carne da guerra.

Il primo ministro iracheno Mohammed Shia al-Sudani ha già avvertito che il petrolio verso i mercati occidentali potrebbe essere rimandato a causa di ciò che Israele sta perpetrando a Gaza. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha già chiesto, ufficialmente, un embargo totale di petrolio e gas da parte dei paesi islamici contro le nazioni – essenzialmente vassalli della NATO – che sostengono Israele.

Quindi i sionisti cristiani negli Stati Uniti, alleati con la risorsa neoconservatrice Netanyahu che minaccia di attaccare l’Iran, hanno il potenziale per abbattere l’intero sistema finanziario mondiale.

Per sempre guerra alla Siria, remixato  

Sotto l’attuale vulcano, il partenariato strategico Russia-Cina è stato estremamente cauto. Per il mondo esterno, la loro posizione ufficiale reciproca è quella di rifiutarsi di schierarsi con la Palestina o con Israele; chiedere un cessate il fuoco per motivi umanitari; chiedere una soluzione a due Stati; e rispettare il diritto internazionale. Tutte le loro iniziative alle Nazioni Unite sono state debitamente sabotate dall’egemone.

Allo stato attuale, Washington ha rifiutato il via libera all’invasione israeliana di terra di Gaza. La ragione principale è la priorità immediata degli Stati Uniti: guadagnare tempo per espandere la guerra alla Siria, “accusata” di essere il punto chiave di transito delle armi iraniane destinate a Hezbollah. Ciò equivale anche alla riapertura dello stesso vecchio fronte di guerra contro la Russia.

A Mosca non ci sono illusioni. L’apparato di intelligence sa bene che gli agenti del Mossad israeliano hanno fornito consulenza a Kiev mentre Tel Aviv forniva armi all’Ucraina sotto la forte pressione degli Stati Uniti. Ciò ha fatto infuriare i  siloviki e potrebbe aver costituito un errore fatale per Israele.

I neoconservatori, dal canto loro, non si fermano mai. Stanno avanzando una minaccia parallela: se Hezbollah attacca Israele con qualcos’altro oltre a pochi razzi – e questo semplicemente non accadrà – la base aerea russa di Hmeimim a Latakia verrà “eliminata” come “avvertimento” per l’Iran.

Il gioco diventa come i bambini che giocano nella sandbox. Dopo i seriali attacchi israeliani agli aeroporti civili di Damasco e Aleppo, Mosca non ha battuto ciglio prima di offrire le sue strutture di Hmeimim alla Siria – complete di autorizzazione per i voli cargo del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC) dell’Iran, secondo alcune fonti di intelligence russe. Netanyahu non nutrirà un desiderio di morte bombardando una base aerea russa A2/AD (anti-accesso/diniego di area).

Anche Mosca pensa a cosa potrebbero fare le costose vasche da bagno americane (nd. le navi) in ferro nel Mediterraneo orientale. La risposta è stata rapida: i MiG-31K pattugliano lo spazio aereo neutrale sul Mar Nero 24 ore su 24, 7 giorni su 7, equipaggiati con Khinzal ipersonici, che impiegherebbero solo sei minuti per visitare il Mediterraneo.

In mezzo a tutta questa follia intrisa di neoconservatori, con il Pentagono che dispiega una formidabile gamma di armi e risorse “non divulgate” nel Mediterraneo orientale, indipendentemente dal fatto che l’obiettivo sia Hezbollah, Siria, Iran, Russia o tutto quanto sopra, sia la Cina che la Corea del Nord – parte del nuovo “asse del male” inventato dagli americani – hanno fatto capire che non saranno semplici spettatori.

La Marina cinese sta a tutti gli effetti proteggendo l’Iran a distanza. Ancora più forte è stata la dichiarazione del premier Li Qiang – insolitamente schietto e raro nella diplomazia cinese:

“La Cina continuerà a sostenere fermamente l’Iran nella salvaguardia della sua sovranità nazionale, integrità territoriale e dignità nazionale, e si opporrà fermamente a qualsiasi forza esterna che interferisca negli affari interni dell’Iran”.

Non dimenticare mai che Cina e Iran sono legati da un partenariato strategico globale. Nel frattempo, il premier russo Mikhail Mishustin ha rafforzato il partenariato strategico Russia-Iran in un incontro con il primo vicepresidente iraniano Mohammad Mokhber.

Ricordatevi di quei mangiatori di riso provenienti dalla Corea 

Le milizie filo-iraniane lungo l’Asse della Resistenza stanno mantenendo un livello di confronto attentamente moderato contro Israele, vicino alla guerriglia “mordi e fuggi”. Non saranno ancora impegnati in attacchi massicci. Ma tutte le scommesse sono perdute se Israele invade Gaza. È chiaro che il mondo arabo, nonostante tutte le sue enormi contraddizioni interne, semplicemente non tollererà il massacro civile.

Senza mezzi termini, nell’attuale congiuntura incendiaria, l’egemone ha trovato l’umiliazione nel suo Progetto Ucraina. Credono erroneamente che la stessa vecchia Guerra Eterna riaccesa nell’Asia occidentale possa essere “modulata” a piacimento. E se due guerre si trasformano in un immenso albatros politico, come accadrà, cos’altro c’è di nuovo? Inizieranno semplicemente una nuova guerra nell’“Indo-Pacifico”.

Niente di tutto ciò inganna Russia-Iran e il loro gelido monitoraggio dell’egemone che si ribalta e si agita in ogni fase del percorso. È illuminante ricordare ciò che Malcolm X aveva già predetto nel 1964:

“Alcuni mangiatori di riso lo hanno cacciato dalla Corea. Sì, l’hanno cacciato dalla Corea. Mangiatori di riso con nient’altro che scarpe da ginnastica, un fucile e una ciotola di riso hanno preso lui, i suoi carri armati, il suo napalm e tutta l’azione che avrebbe dovuto avere, e lo hanno portato attraverso lo Yalu. Perché? Perché il giorno in cui poteva vincere sul campo è passato.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution