Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

La grande diga Etiope che fa gola ai miner di Bitcoin (soprattutto a quelli cinesi!)

Grand2520Renaissance2520-2520Webuild_DJI_008_edited
1.376 Visualizzazioni |

Articolo estratto da Bitcoin Magazine

Il governo etiope sta per avviare una partnership con aziende cinesi per creare una nuova e potente infrastruttura per l’estrazione di Bitcoin nel Paese, alimentata dall’energia prodotta da un’imponente diga idroelettrica.

ea2dbd0e-0158-44e5-8c61-dc9311e1b06e_5472x3648

Giovedì 14 febbraio, gli attori coinvolti nel progetto hanno annunciato una partnership tra Ethiopian Investment Holdings, una società di investimento di proprietà statale, e Data Center Service PLC, filiale di West Data Group, con sede a Hong Kong.

Kal Kassa, amministratore delegato di Hashlabs Mining per l’Etiopia, ha inizialmente dichiarato su Twitter che “la partnership sarà finalizzata a un progetto di data mining in Etiopia per un valore di 250 milioni di dollari”, ma in seguito ha cancellato l’annuncio e lo ha sostituito con uno simile che non includeva un importo esatto in dollari.

Indipendentemente dagli impegni specifici in denaro, l’obiettivo di questa partnership è chiaro: la creazione di un centro dati e di altre infrastrutture critiche per potenziare il mining di Bitcoin in Etiopia.

Poiché l’estrazione di Bitcoin è stata in gran parte vietata in Cina, West Data Group ha lavorato attivamente per avviare nuove operazioni all’estero, in centri di estrazione già noti come il Kazakistan e gli Stati Uniti, oltre che in diverse altre nazioni africane.

Il denaro degli investimenti cinesi è già affluito in vari Paesi africani grazie alla Belt and Road Initiative, ma l’Etiopia ha un paio di vantaggi distinti che la rendono ancora più attraente: innanzitutto, è entrata a far parte dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica) nel gennaio 2024, diventando così l’ultimo membro di questa alleanza economica di Paesi emergenti. Questa relazione diplomatica aggiuntiva renderà senza dubbio più agevole lo svolgimento di importanti affari internazionali.

Il secondo grande vantaggio a favore dell’Etiopia è la Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD), un enorme progetto di costruzione di una diga sul fiume Nilo per rivoluzionare la produzione di energia in Etiopia.

La diga è in costruzione da oltre un decennio; ha finalmente iniziato a riempirsi d’acqua nel 2020 e genera energia idroelettrica dal 2022. Ma il suo funzionamento attuale è solo una frazione del suo pieno potenziale, ammesso che il progetto si concluda senza intoppi.

Per questo motivo, i minatori cinesi di Bitcoin si sono riversati in Etiopia nel 2024, tanto che 19 delle 21 società di mining di Bitcoin che hanno raggiunto accordi con la società elettrica statale etiope hanno sede in Cina.

Diverse caratteristiche della diga hanno ulteriormente addolcito l’affare: non solo la costruzione della diga è già stata oggetto di ingenti investimenti cinesi, ma l’altitudine e il clima costante creano le condizioni ideali per le operazioni di mining durante tutto l’anno. Questa è la situazione attuale, ma questa nuova importante partnership infrastrutturale è appena iniziata. Si può solo immaginare quanto lontano possa andare da qui.

Non mancano le preoccupazioni riguardo la vitalità a lungo termine del sito come hotspot globale per il mining di Bitcoin.

Innanzitutto, la GERD è stata una questione molto controversa tra l’Etiopia e il governo egiziano.

Il fiume Nilo ha due affluenti principali, il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro. Sebbene il Nilo Bianco sia uno dei fiumi più lunghi del mondo, estendendosi per oltre 2.000 miglia dal Lago Vittoria fino al punto di confluenza con la sua controparte in Sudan, il Nilo Azzurro, molto più breve, che scorre dagli altopiani etiopi, fornisce circa l’85% dell’acqua quando i due affluenti si incontrano.

Il governo egiziano teme da tempo che la diga possa tagliare la maggior parte dell’acqua del suo Paese, a meno che l’Etiopia non si faccia scrupoli a non riempire la diga troppo velocemente.

Tuttavia, finché la diga non sarà piena, sarà in grado di generare solo una frazione degli obiettivi energetici previsti.

I colloqui tra i due governi si sono ripetutamente interrotti negli ultimi anni e non esiste formalmente alcun accordo per risolvere la controversia. Il governo etiope ha comunque affermato che procederà con le normali operazioni di costruzione e gestione, indipendentemente dal raggiungimento di un accordo.

Gli Stati Uniti hanno mediato molti dei colloqui tra questi due governi e sono generalmente considerati favorevoli alla posizione dell’Egitto; considerando la rivalità tra Stati Uniti e Cina, non mancano le opportunità per entrambe le parti di tentare di influenzare i progressi e le operazioni della diga.

Tuttavia, nonostante questi possibili intoppi, la GERD allo stato attuale è sostanzialmente operativa e molti minatori di Bitcoin si sono già insediati nella regione africana.

Reuters ha riferito che il 90% dell’elettricità dell’Etiopia proviene da fonti idroelettriche e che la diga finita produrrà circa la stessa elettricità che l’intero Paese genera oggi.

Nuo Xu, fondatore della China Digital Mining Association, ha dichiarato che “l’Etiopia diventerà una delle destinazioni più popolari per i minatori cinesi” e sta già organizzando una visita al sito da parte di rappresentanti di altre aziende minerarie.

Per quanto riguarda l’effettiva infrastruttura che verrà costruita grazie a questa partnership multinazionale, i dettagli sono stati particolarmente scarsi, soprattutto se si considera che Kal Kassa ha rivisto le sue affermazioni per minimizzare l’importo specifico di 250 milioni di dollari investiti.

Bloomberg sostiene che la maggior parte delle discussioni governative sul progetto utilizza vari eufemismi come “calcolo ad alte prestazioni” e “data mining” per riferirsi al mining di Bitcoin, con il progetto ufficialmente designato come centro dati.

“L’Etiopia è fortemente regolamentata”, ha dichiarato Nemo Semret, CEO del miner etiope QRB Labs, che è coinvolto in attività di lobby a favore del Bitcoin. “Introdurre un nuovo settore come questo è stata una grande sfida, e abbiamo lavorato negli ultimi due anni per ottenere tutte le autorizzazioni necessarie dal governo”.

In altre parole, sembra che il governo sia ancora un po’ restio ad appoggiare direttamente il Bitcoin e le industrie che lo sostengono. Ciononostante, le sue azioni hanno sostenuto molto i minatori di Bitcoin.

Sebbene la maggior parte della costruzione di miniere e infrastrutture in Etiopia sia stata un affare prettamente cinese, il vasto potenziale del progetto è già stato riconosciuto a livello mondiale. Marathon Digital, il più grande minatore di Bitcoin del Nord America, ha espressamente richiamato l ‘attenzione sul sito.

Charlie Schumacher, vicepresidente delle comunicazioni aziendali di Marathon, ha dichiarato pubblicamente che “stiamo guardando all’Africa. Crediamo che il mining di Bitcoin sia, tra le altre cose, una soluzione tecnologica per il settore energetico e l’Africa potrebbe essere un ottimo posto per dimostrare questa tesi”. Ha poi aggiunto che “i minatori di bitcoin possono incentivare la costruzione di più energia in tutto il continente, fungendo da primo cliente per i nuovi progetti energetici”.

In altre parole, i leader del settore in tutto il mondo hanno identificato questo progetto come un potente primo passo. Anche se il governo etiope rende difficile a Marathon o ad altre società minerarie statunitensi l’acquisto di questo hub di investimento cinese, ci sono innumerevoli opportunità per ricreare il progetto.

Molti etiopi oggi non hanno accesso all’elettricità e il mining di Bitcoin sta incentivando la produzione di energia elettrica con centinaia di milioni di dollari. Mancano forse altri luoghi che potrebbero beneficiare di simili incentivi? Certamente no.

Il Bitcoin ha il potere di essere un motore per il progresso in tutto il mondo, spingendo la generazione di elettricità e le opportunità di lavoro con esso. E come ulteriore vantaggio, è tutto rinnovabile. C’è da stupirsi se in tutto il mondo si guarda al Bitcoin come a un nuovo modello per portare l’indipendenza economica ovunque?

Articolo estratto da Bitcoin Magazine

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution