Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Assange ottiene una tregua temporanea mentre la Corte cerca “garanzie” sull’estradizione

RUEDA_DE_PRENSA_CONJUNTA_ENTRE_CANCILLER_RICARDO_PATIÑO_Y_JULIAN_ASSANGE_-_14953880621
2.135 Visualizzazioni |

Di ZeroHedge

L’attesa sentenza di martedì dell’Alta Corte di Londra è andata in gran parte a favore di Julian Assange, al quale è stato concesso il permesso di continuare ad appellarsi alla sua estradizione negli Stati Uniti, dove dovrebbe affrontare accuse di spionaggio e altre accuse correlate per aver pubblicato segreti di Stato. Tuttavia, non si tratta ancora di una “vittoria” per Assange e il suo team, ma piuttosto di un ulteriore ritardo.

Il tribunale ha stabilito che il fondatore di WikiLeaks non sarà estradato immediatamente e ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno ancora la possibilità di fornire “garanzie soddisfacenti” in merito ai motivi del ricorso. Ciò che è accaduto martedì equivale a una lieve estensione della possibilità di Assange di impugnare la richiesta di estradizione, e rappresenta una tregua temporanea, che prolunga ulteriormente l’intero processo.

Ma questa è la parte che non si prospetta positiva per Assange, come spiega WikiLeaks:“La corte ha concesso al governo degli Stati Uniti 3 settimane per fornire garanzie soddisfacenti: Che il signor Assange sia autorizzato ad appellarsi al Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti; che non sia pregiudicato al processo a causa della sua nazionalità; e che non venga imposta la pena di morte”.

Via Reuters

Il 20 maggio è prevista un’udienza per verificare se le “assicurazioni” degli Stati Uniti sono soddisfacenti. Un corrispondente di Al Jazeera ha spiegato la decisione come segue:

Alla fine si è trattato di una decisione molto sfumata. I giudici non hanno respinto i motivi per un’udienza d’appello, ma li hanno sostanzialmente confermati.

In pratica hanno detto: “Sì, capiamo che ci sono le basi per un appello, ma rimandiamo la decisione al 20 maggio”, quando hanno convocato una seconda udienza.

Secondo la dichiarazione del giudice, “avevamo l’obbligo esplicito per legge di non ordinare l’estradizione del richiedente se poteva essere condannato a morte per il reato in questione o se poteva essere accusato di un reato per l’estradizione rivelato dagli stessi fatti per i quali poteva essere inflitta una condanna a morte”.

La dichiarazione recita inoltre: “Se verranno fornite garanzie, daremo alle parti l’opportunità di presentare ulteriori osservazioni prima di prendere una decisione definitiva sulla richiesta di autorizzazione all’appello”.

Stella Assange, sua moglie, ha avvertito che se il tribunale si pronuncerà a sfavore di Assange, egli potrebbe trovarsi su un aereo per il suolo statunitense pochi giorni dopo. Verrebbe prelevato dal carcere di massima sicurezza di Belmarsh per essere processato negli Stati Uniti con accuse di spionaggio e pubblicazione di segreti di Stato, dove lo attende una condanna a 175 anni di carcere, probabilmente in una prigione federale di massima sicurezza.

WikiLeaks ha esortato tutti gli americani a fare pressione sull’amministrazione Biden affinché abbandoni il processo contro Assange, chiamando i rappresentanti della Camera dei Deputati e dicendo loro di sostenere la proposta di legge H.Res.934. La proposta di legge, introdotta dal deputato Paul Gosar (R-AZ), chiede che la Casa Bianca di Biden interrompa il procedimento contro Assange.

Il disegno di legge recita: “Questa risoluzione esprime il senso della Camera dei Rappresentanti che le regolari attività giornalistiche, incluso l’ottenimento e la pubblicazione di informazioni, sono protette dal Primo Emendamento e che il governo federale dovrebbe far cadere tutte le accuse contro Julian Assange e i tentativi di estradarlo”.

Il caporedattore di WikiLeaks, Kristinn Hrafnsson, ha commentato il significato dell’incriminazione e della possibile estradizione di Assange per il futuro della libertà di stampa: “Non si può sottovalutare l’effetto che avrà”, ha detto, “se un cittadino australiano che pubblica in Europa può rischiare il carcere negli Stati Uniti, significa che in futuro nessun giornalista sarà più al sicuro”.

Tuttavia, come abbiamo descritto la settimana scorsa, l’amministrazione Biden potrebbe cercare un modo per porre fine a questo dramma legale durato 14 anni. Secondo quanto riportato mercoledì scorso dal WSJ, “il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta valutando se permettere a Julian Assange di dichiararsi colpevole di un’accusa ridotta di cattiva gestione di informazioni riservate, secondo persone che hanno familiarità con la questione, aprendo la possibilità di un accordo che porrebbe fine a una lunga saga legale innescata da una delle più grandi fughe di notizie riservate nella storia americana”.

Un patteggiamento significa che l’intera crisi per lui e la sua famiglia potrebbe finalmente giungere a una fine accettabile e pacifica dopo tutti questi anni. Ma il team legale di Assange non ha dato alcuna conferma a quanto riportato dal WSJ.

Di ZeroHedge

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution