Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Un’altra sciocca idea progressista: Un nuovo accordo verde per l’edilizia residenziale pubblica

secuityparis
2.130 Visualizzazioni |

Prodotto da Mike Shedlock via MishTalk.com

Le assurdità progressiste sono incessanti. Il mio spasso del giorno è che AOC e Bernie Sanders si sono uniti per un nuovo accordo sulle case ecologiche. Vi spiego a che punto siamo e cosa c’è in ballo.

Common Dreams presenta un’altra idea economicamente folle arrivata in considerazione AOC, Sanders Renew Fight for Green New Deal for Public Housing.

Sostenuti da decine di gruppi progressisti e dai democratici del Congresso, giovedì la rappresentante degli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez e il senatore Bernie Sanders hanno reintrodotto una legislazione volta ad affrontare sia la crisi degli alloggi a prezzi accessibili che l’emergenza climatica.

Il democratico di New York e l’indipendente del Vermont sono alla guida della rinnovata lotta per il Green New Deal for Public Housing Act, che investirebbe fino a 234 miliardi di dollari nell’arco di un decennio per “sottoporre le nostre case popolari a interventi di riscaldamento, elettrificazione e ammodernamento, in modo che possano fungere da modello di efficienza, sostenibilità e resilienza per il resto della nazione”.

Alla coppia si uniscono altri 55 democratici della Camera e i senatori Richard Blumenthal (D-Conn), Cory Booker (D-N.J.), Ed Markey (D-Mass), Jeff Merkley (D-Ore), Alex Padilla (D-C). Richard Blumenthal (D-Conn.), Cory Booker (D-N.J.), Ed Markey (D-Mass.), Jeff Merkley (D-Ore.), Alex Padilla (D-Calif.), Elizabeth Warren (D-Mass.) e Peter Welch (D-Vt.).

Markey, che con Ocasio-Cortez ha guidato la battaglia più ampia per un Green New Deal, ha detto che “nei cinque anni dalla sua introduzione, la difesa del Green New Deal ha catapultato la giustizia ambientale in cima all’agenda nazionale, ha contribuito a ottenere vittorie storiche e ha tracciato una rotta per un futuro migliore”.

Riassunto del Green Housing Deal

  • Espandere i programmi federali per fornire ai residenti un lavoro significativo che li porti a investire nelle loro comunità, a possedere e gestire imprese, a raggiungere l’indipendenza finanziaria e a partecipare alla gestione degli alloggi pubblici;

  • Espandere i consigli dei residenti in modo che i residenti degli alloggi pubblici abbiano un posto a tavola per le decisioni importanti che riguardano le loro case; e

  • Ripristinare l’arretrato di capitale dell’edilizia pubblica e abrogare l’emendamento Faircloth, che limita la costruzione di nuovi alloggi pubblici.

  • La legge creerebbe anche due programmi di sovvenzioni per l’adeguamento energetico profondo, lo sviluppo della forza lavoro nelle comunità, i miglioramenti dell’efficienza energetica, l’elettrificazione degli edifici e la qualità dell’acqua, la generazione di energia rinnovabile nelle comunità, il riciclaggio, la resilienza e la sostenibilità, l’adattamento al clima e la risposta ai disastri di emergenza.

Quanto costerebbe?

Secondo l’AOC, la proposta di legge investirebbe fino a 234 miliardi di dollari nell’arco di un decennio per “rendere più confortevoli, elettrificare e modernizzare i nostri alloggi pubblici”.

Il vero obiettivo è che tutti hanno diritto a un alloggio a prezzi accessibili.

Non illudetevi, l’intera politica costerebbe molti trilioni di dollari, di cui 234 miliardi non sono nemmeno un acconto.

Una volta che si emettono garanzie con il coinvolgimento del governo, i costi salgono a dismisura.

Anche la maggior parte dei Democratici lo riconosce. Il disegno di legge è talmente idiota che ha raccolto il sostegno di soli 7 sostenitori del Senato e 42 della Camera.

Emendamento Faircloth

La vera minaccia non è che la follia di cui sopra passi in un colpo solo, ma che inizi con l’abrogazione dell’Emendamento Faircloth, che limita la costruzione di nuovi alloggi pubblici.

L’emendamento Faircloth è una disposizione del Quality Housing and Work Responsibility Act del 1998. L’emendamento modificava l’Housing Act del 1937, che autorizzava l’assistenza finanziaria federale per aiutare gli Stati e le autorità abitative a fornire alloggi alle persone a basso reddito. L’emendamento dice che “un’agenzia di edilizia residenziale pubblica non può utilizzare gli importi assegnati all’agenzia dal Fondo di capitale o dal Fondo operativo per la costruzione di unità abitative pubbliche, se tale costruzione comporta un aumento netto del numero di unità abitative pubbliche possedute, assistite o gestite dall’agenzia di edilizia residenziale pubblica al 1° ottobre 1999, comprese le unità abitative pubbliche demolite nell’ambito di uno sforzo di rivitalizzazione“. In altre parole, l’emendamento impedisce alle autorità abitative di mantenere un numero di unità abitative pubbliche superiore a quello del 1999.

L’emendamento prende il nome dal suo sponsor, il senatore repubblicano Lauch Faircloth, un allevatore di successo della Carolina del Sud che ha ricoperto un solo mandato al Senato, dal 1993 al 1999.

L’emendamento Faircloth e il resto del Quality Housing and Work Responsibility Act sono stati promulgati nel quadro di un più ampio movimento per la riforma del welfare, promosso dai repubblicani del Congresso e cofirmato dalla Casa Bianca di Clinton negli anni Novanta. Il movimento si basava sulla convinzione che i programmi di assistenza pubblica fossero dannosi per la capacità delle persone di raggiungere l’indipendenza economica e che gli stessi beneficiari del welfare fossero eccessivamente dipendenti dal governo o veri e propri abusatori del denaro dei contribuenti. La maggior parte dei legislatori vedeva i complessi di edilizia pubblica come luoghi infestati dal crimine e malsani che tenevano le persone intrappolate nella povertà. L’ex senatore repubblicano Bob Dole, in corsa contro Clinton nel 1996, disse che l’edilizia pubblica era “uno degli ultimi bastioni del socialismo nel mondo” e ne chiese l’eliminazione.

“Era essenzialmente visto come un programma fallito”, afferma Susan J. Popkin, direttrice dell’iniziativa HOST (Housing Opportunities and Services Together) dell’Urban Institute e autrice di una serie di libri sull’edilizia pubblica a Chicago e in tutto il Paese.

Dagli anni ’80, la restrizione dei finanziamenti federali ha avuto un impatto sull’edilizia pubblica molto più forte dell’emendamento Faircloth. La National Low Income Housing Coalition stima che gli Stati Uniti perdano circa 10.000 unità abitative pubbliche all’anno per la demolizione o la dismissione a causa dei problemi di manutenzione accumulati.

Come ha sostenuto Jenny Schuetz in un recente post sul sito web della Brookings Institution, l’emendamento Faircloth è solo un ostacolo cartaceo all’espansione dell’edilizia residenziale pubblica. Altri ostacoli includono la disponibilità di regole di zonizzazione del territorio che impediscono lo sviluppo di nuovi alloggi in molte aree e la relativa inefficacia delle autorità abitative esistenti come sviluppatori immobiliari.

Ma la sfida più grande all’espansione dell’edilizia pubblica è la mancanza di fondi federali. Il Green New Deal for Public Housing, una proposta introdotta al Congresso nel 2019 da Ocasio-Cortez e dal senatore Bernie Sanders, chiede che il governo federale spenda 180 miliardi di dollari per riparare e riadattare tutte le unità abitative pubbliche esistenti negli Stati Uniti. Ripristinare le 200.000 unità abitative pubbliche che sono andate perdute richiederebbe miliardi di spesa federale e una brusca inversione di tendenza rispetto all’abbandono degli alloggi di proprietà pubblica, anche senza abrogare l’emendamento Faircloth. Dal punto di vista politico, tuttavia, l’abrogazione dell’emendamento potrebbe avere un forte valore simbolico. Come ha scritto Ross Barkan sul New York Times, “l’abrogazione sarebbe un segnale vitale del fatto che l’America è tornata a espandere l’edilizia pubblica”.

Ricerca dell’Istituto Urbano

L’emendamento Faircloth è uno dei migliori emendamenti della storia. Grazie al senatore Lauch Faircloth!

Tuttavia, l’emendamento è in qualche modo simbolico.

Secondo una ricerca dell’Urban Institute, nel 2016 c’erano 2.156.625 persone che vivevano in 1.067.387 unità abitative pubbliche e Popkin afferma che gli Stati Uniti hanno circa 200.000 unità abitative pubbliche in meno rispetto alla metà degli anni Novanta. Molte autorità abitative hanno necessità di manutenzione e riabilitazione non finanziate, tra cui la New York City Housing Authority, che ha bisogno di spendere una cifra stimata di 45,2 miliardi di dollari nei prossimi vent’anni solo per mantenere abitabili le unità esistenti.

L’Autorità per gli alloggi di Filadelfia ha un limite di 20.133 unità, ma ne possiede solo 14.000 circa. L’Autorità per gli alloggi di Chicago ha un limite di 35.453 unità, ma ne gestisce meno di 21.000. L’Autorità per gli alloggi della città di Atlanta possiede 3.500 unità su 11.965 consentite.

Il problema è il governo

Non abbiamo bisogno che il governo torni a occuparsi di alloggi pubblici. I costi dei programmi governativi aumentano a dismisura.

New York, con la sua dannata legislazione sul controllo degli affitti, deve spendere 45,2 miliardi di dollari nei prossimi vent’anni solo per mantenere abitabili le unità esistenti.

Lasciamo che New York e Chicago risolvano i loro problemi da sole. I governi federali e statali sono il problema, non la soluzione a qualsiasi presunta crisi immobiliare.

Prodotto da Mike Shedlock via MishTalk.com

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution