Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Una guerra più ampia porterà inevitabili tentativi di LEGGE MARZIALE in America

Screenshot 2023-10-29 alle 13.38.25

Di Brandon Smith da Alt-market.us

Non molto tempo fa, al culmine della paura scaturita per la pandemia globale, gli Stati Uniti hanno vissuto un cambiamento che molti sostenevano non sarebbe mai avvenuto. Per anni ho sentito persone dire che i controlli autoritari in America sono “teoria del complotto del cappello di carta stagnola” e sventura: tutta la preparazione, tutti i discorsi sull’organizzazione della comunità, tutte le armi, gli equipaggiamenti e l’addestramento sono stati inutili. Poi… l’agenda covid ha colpito come un treno merci.

I nostri diritti costituzionali non erano più scolpiti nella pietra, ma semplici linee guida che i funzionari governativi potevano piegare o infrangere in nome della “sicurezza sanitaria pubblica”. Le leggi non dovevano più essere sottoposte a una serie di controlli ed equilibri; i mandati potevano essere attuati come se le leggi non avessero un controllo pubblico e venivano applicate unilateralmente.

Si è parlato (soprattutto tra i democratici) di severe punizioni per chi avesse rifiutato gli inutili vaccini anti-Covid. Volevano passaporti vaccinali, volevano il carcere per coloro che si esprimevano pubblicamente contro i vax, volevano che venissero tolti i posti di lavoro alle persone, volevano che i loro figli venissero portati via, e c’erano persino piani per costruire centri di detenzione covid per segregare e rinchiudere i “negazionisti vax  . .”

È sconcertante, ma si è trattato di un dibattito serio negli Stati Uniti e tutto è stato innescato nell’arco di un anno. Quasi la metà del Paese era disposta ad abbandonare la Carta dei diritti a causa di un virus con un tasso di sopravvivenza del 99,8%. I teorici della cospirazione avevano sempre ragione; le nostre libertà poggiano sul filo del rasoio e prepararsi a sopravvivere e lottare per quelle libertà è perfettamente razionale.

Fortunatamente, l’agenda covid è fallita. Alla fine i mandati furono bloccati dagli Stati rossi e in molte aree rurali furono a malapena applicati. Il tentativo di Biden di ottenere il passaporto vaccinale è stato bloccato dalla Corte Suprema, ma da tempo credo che la Corte Suprema abbia preso questa decisione proprio a causa del livello di resistenza dell’opinione pubblica. Sapevano che se avessero insistito sulla questione, la guerra civile sarebbe stata sul tavolo.

L’autoritarismo medico è crollato perché conservatori e indipendenti non erano a bordo e non potevano essere costretti a conformarsi con la vergogna. Ma cosa succede quando c’è una crisi che spaventa i conservatori? Cosa succede quando la destra politica percepisce una vera minaccia? La libertà diventa allora insostenibile?

I virus spaventano i progressisti (la maggior parte delle cose spaventa i progressisti), ma cosa spaventa i conservatori?

Ebbene, non è una regola ferrea, ma in generale i conservatori sono i più preoccupati dalla minaccia di invasione. Chiedete a qualsiasi conservatore se fosse preoccupato per il covid o preoccupato per la crisi al confine meridionale durante la pandemia e la stragrande maggioranza di loro direbbe il confine senza esitazione. I conservatori temono l’infiltrazione e la cooptazione culturale, temono la costante e deliberata erosione della loro eredità americana e, per estensione, delle loro libertà da parte di impostori alieni. E temono la sicura guerra lampo degli Stati Uniti da parte del terrorismo organizzato nel caso in cui i confini rimanessero aperti.

La domanda è: sono disposti a placare le loro paure sacrificando proprio le libertà che vogliono proteggere?

Nel 2001, dopo l’11 settembre, il movimento conservatore era un animale molto diverso da quello di oggi. Questa era un’influenza pre-Ron Paul e pre-libertaria. I Neo-conservatori hanno dettato legge e hanno avuto un potere di vasta portata sulla percezione pubblica, rendendo la spinta per l’abolizione dei diritti costituzionali senza precedenti. La mentalità del Patriot Act era diffusa e la sete di guerra palpabile. In passato ho visto conservatori allontanarsi dalla Carta dei Diritti in nome della lotta contro una possibile invasione. Lo ricordo vividamente.

Oggi, gli elementi in gioco non sono gli stessi del 2001. Chiunque sostenga il contrario probabilmente era un bambino durante l’era dell’11 settembre o ha una comprensione distorta dei cambiamenti avvenuti tra i conservatori di quei giorni. Il movimento di Ron Paul è cambiato molto in meglio, ma soprattutto all’interno del collegio elettorale conservatore. Le persone normali hanno cambiato idea su cosa significhi barattare la libertà con la sicurezza. Il GOP? È un sogno irrealizzabile pensare che potremmo mai cambiare completamente il GOP (nd. partito repubblicano). Almeno il covid ha dimostrato che abbiamo alleati a livello statale e locale.

Il vero problema è che la vecchia guardia dei Neoconservatori che continua a influenzare il percorso del Partito Repubblicano. Queste sono persone che si alleano felicemente con i democratici dietro le quinte, hanno stretti legami con le élite dell’establishment e la loro lealtà è nelle mani dei globalisti. Se i globalisti vogliono la guerra, allora i neoconservatori vogliono la guerra e faranno di tutto per ottenerla, compreso crearla. Funziona così.

E questa volta penso che otterranno ciò che vogliono. L’evento ucraino non è riuscito ad indurre gli americani a sostenere l’intervento diretto (la maggioranza degli americani non sostiene nemmeno i finanziamenti per l’Ucraina), ma Israele è un’altra questione. Ci sono implicazioni molto antiche e tribali che attraggono gli animi dei conservatori quando si tratta dei conflitti in Medio Oriente. Ci sono fattori religiosi, sì, ma sospetto che questo sia esagerato dai critici che pensano che siano gli evangelici a condurre lo spettacolo. Questa non è la realtà.

Il mandato cristiano non ha neanche lontanamente la stessa influenza che aveva nel 2001. In effetti, le chiese sono diventate così deboli che ora vengono sopraffatte dall’infiltrazione LGBT e dall’attivismo trans. Ciò non sarebbe mai stato tollerato 20 anni fa: allora avrebbero ricoperto di catrame e piume tali attivisti. Se oggi si permette che questo genere di cose accada proprio nei nostri cortili, allora si può essere dannatamente sicuri che la religione non è la forza trainante della guerra all’estero.

No, quando si parla di Israele e delle implicazioni della guerra, la preoccupazione è ancora una volta radicata nella cancellazione culturale. Ad essere onesti, non è un delirio paranoico. La cultura occidentale viene infatti sistematicamente smantellata e l’immigrazione di massa fa parte di tale agenda. È anche vero che l’ideologia islamica è del tutto incompatibile con le credenze occidentali, compreso il concetto di individualismo. I sistemi musulmani sono di natura autoritaria, questo è ciò che è la legge della Sharia.

Quindi, quando i conservatori vedono il potenziale per la caduta di Israele, lo associano alla caduta dell’Occidente, e cercheranno di fermarlo, se possibile. Al di là di Israele c’è la preoccupazione che un’invasione di estremisti musulmani sia già ben avviata negli Stati Uniti con le politiche di frontiera aperta che stanno diventando la norma sotto Joe Biden. Ed è qui che viene tesa la trappola…

La legge marziale negli Stati Uniti funzionerebbe solo se la maggioranza dei conservatori la sostenesse. Questo è un fatto. Senza il nostro sostegno la legge marziale fallirà, proprio come sono falliti i mandati covid. Tieni presente che Biden e i suoi amici globalisti hanno utilizzato ogni tattica possibile per rendere inevitabile la legge marziale. L’instabilità economica e la stagflazione hanno creato un picco nella criminalità violenta e un aumento delle rapine. L’immigrazione clandestina di massa sta indebolendo i sistemi di welfare statali e sta creando una tendenza alla diluizione culturale. Le frontiere aperte hanno consentito l’ingresso negli Stati Uniti di un gran numero di possibili stranieri ostili.

Nel mezzo della guerra il desiderio di controllare l’informazione e il discorso pubblico sarà al suo apice. Tuttavia, come abbiamo visto durante il covid e la guerra in Ucraina, non si sono dimostrati efficaci nel raggiungere questo obiettivo. Finché esiste Internet, non importa quale tipo di algoritmi applichi la Big Tech per soffocare la verità, la verità trova comunque un modo. Ciò significa che l’establishment dovrà perseguire misure estreme che potrebbero essere raggiunte solo in un ambiente di legge marziale. Vedo che questa situazione andrà in due direzioni se l’attuale tendenza geopolitica continua…

Opzione A:   in Medio Oriente scoppia una guerra su più fronti che include nazioni come Iran, Siria, Libano, Giordania e Yemen. Israele si trova di fronte a un grave fallimento. Gli Stati Uniti vengono trascinati nella guerra, oppure Israele usa il suo arsenale nucleare per distruggere le risorse (comprese le popolazioni) delle nazioni nemiche, portando al possibile coinvolgimento di Cina e Russia, e quindi gli Stati Uniti sono ancora trascinati nella guerra.

Rivolte e attacchi terroristici diventano un evento regolare negli Stati Uniti, non solo avviati da infiltrati estremisti musulmani ma anche da persone di sinistra che si sono attaccate alla causa.

Viene avviata una bozza che i conservatori sostengono nella speranza che possa aiutare a sedare le rivolte. La leva affonderà milioni di zennial deboli e molli (comprese le donne) in un pantano sanguinoso al quale non avranno la capacità di adattarsi. Le proteste e le rivolte diventano la norma, spingendo i conservatori a sostenere un’applicazione ancora più rigorosa.

Infine, viene annunciata la legge marziale, ma i soldati utilizzati sul suolo americano per “proteggerci” dalle rivolte e dai terroristi saranno principalmente cittadini stranieri – Ai migranti illegali viene data facile possibilità di colpire i cittadini se si arruolano nell’esercito e mettono lo stivale sui dissidenti, cosa che faranno volentieri perché non hanno alcun attaccamento culturale all’America o agli americani. A questo punto la Costituzione essenzialmente morirà.

Opzione B:   la guerra si espande e Israele si trova ad affrontare una distruzione imminente. Biden impegna le forze navali statunitensi nella lotta insieme alle truppe di terra, principalmente forze speciali. Quindi chiede il pieno dispiegamento delle forze di terra americane nella regione, ma in questo scenario la maggioranza dei conservatori non sostiene l’azione, così come non ha sostenuto il dispiegamento in Ucraina.

Biden cerca di attuare una bozza per forzare lo slancio. I conservatori si rifiutano di conformarsi o di permettere che i loro figli vengano mandati a morire in un conflitto straniero. Su questo punto i conservatori e la sinistra sono effettivamente d’accordo, anche se per ragioni completamente diverse. Il paese viene quindi colpito da una serie infinita di attacchi terroristici, ognuno presentato come una ragione per cui l’opinione pubblica deve sostenere la guerra. Ogni attacco viene accolto dagli attivisti di sinistra come un atto di “decolonizzazione”.

I conservatori vedono questo stratagemma per quello che è e continuano a rifiutarsi di sostenere la guerra, assumendo una posizione “America First”. Perché combattere all’estero quando è l’America ad essere sotto pressione?

Biden tenta ancora la legge marziale. Offre la cittadinanza automatica agli immigrati clandestini se prestano servizio militare e utilizza alcune di queste truppe come presenza di occupazione in patria. La sinistra non vuole combattere in Medio Oriente, ma preferisce che ai migranti venga data facile cittadinanza e potere. Difendono il provvedimento, pensano che se i migranti riempiranno i ranghi dell’esercito forse non verranno arruolati.

I conservatori si ribellano e l’America entra nella balcanizzazione o nella guerra civile, o in entrambe. I patrioti sono accusati di aiutare i nemici degli Stati Uniti e sono anche etichettati come terroristi. Da questo momento in poi, tutto potrebbe succedere.

Credo che il fattore scatenante israeliano possa essere più grande del covid in termini di potenziale disastro globale e tirannia globale che potrebbe verificarsi. Se l’escalation continua e si trasforma in un conflitto multiregionale, le possibilità che la guerra ritorni in America sono alte. Non solo in termini di terrorismo, ma anche in termini di disordini civili e di guerra alle nostre porte. Se sosteniamo la guerra, la legge marziale è una certezza. Se non supportiamo la guerra, si tenterà la legge marziale, ma almeno ci sono scenari in cui potrebbe fallire.

Direi che l’unica cosa che salverà l’America in questa fase è la crescita del movimento America First. Quando parliamo di America First, ciò include non solo la sicurezza americana ma anche le libertà americane. Non c’è alcuna ragione per cui non possiamo averle entrambi. Se i conservatori (e gli indipendenti) verranno coinvolti nella Terza Guerra Mondiale, sarà la fine.

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution