Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Non importa davvero chi ha creato Bitcoin o perché…

Screenshot 2023-11-15 alle 20.24.59
1.725 Visualizzazioni |

Scritto da Mark Jeftovic tramite BombThrower.com,

Anche se fosse la NSA, il PCC o il WEF…

Sono tante le voci secondo cui Bitcoin è stato creato dalla NSA (o dalla CIA, o dal PCC o dai sostenitori del WEF) almeno fino al 2010, o giù di lì.

Sono riemersi la scorsa settimana quando il dottor Mercola ha intervistato Catherine Austin Fitts. Da allora numerosi lettori mi hanno inoltrato alcune citazioni scelte del loro discorso (la trascrizione è qui), evidenziando il sospetto di Fitts che Bitcoin sia stato creato in modo non altruistico dalla NSA.

In esso c’è un riferimento alla teoria di Nic Carter secondo cui la NSA avrebbe creato Bitcoin:

“L’opinione comune è che Nakamoto sia il massimo altruista e abbia abbandonato il suo milione di Bitcoin per il bene dell’umanità. Nic Carter è una figura ben nota nella comunità delle criptovalute e non crede a questa storia ed è convinto che la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti sia responsabile della creazione di Bitcoin. Crede che Bitcoin sia stato scritto dai crittografi della NSA come un’arma biologica monetaria.”

Mercola fa riferimento a questo articolo di Cointelegraph in cui Nic Carter espone chiaramente che la sua teoria sull’origine del Bitcoin da parte della NSA è uno scenario di “fuga di laboratorio”:

“Io la chiamo ‘ipotesi di fuga di dati dal laboratorio Bitcoin.’ Penso che si trattasse di un progetto interno di ricerca e sviluppo chiuso, che un ricercatore pensava fosse troppo bello per lasciarlo sullo scaffale e scelse di pubblicarlo segretamente.

Molto in linea con il mito prometeico dietro la leggenda di Satoshi Nakamoto che risuona così profondamente in tutta la comunità – e se fosse vero, potrebbe spiegare proprio perché, lui/lei/loro è Satoshi – ha lasciato quei 1 milione di BTC esattamente dove erano seduti oggi. Nessuno vorrebbe subire la sorte di Prometeo, condannato a trascorrere l’eternità incatenato a una roccia, facendosi mangiare quotidianamente il fegato da un’aquila.

Eppure la discussione tra Fitts e Mercola, così come molti altri che sospettano qualcosa di nefasto dietro la misteriosa creazione di Bitcoin, sembra trarre una conclusione sbagliata  dalla  teoria di Carter – o respingerla a favore di una creazione intenzionale e deliberata, e presumibilmente, ciò che significherebbe (secondo Fitts),

“Dipende da come funziona la loro implementazione del controllo completo… Finché hanno la capacità di affermare il controllo completo e chiudere [cripto] o emarginarlo, è facile per [Mr. Global] per affermare il controllo. Fino ad allora, potranno continuare a prelevare denaro dai metalli preziosi e dagli asset reali e materiali, incoraggiando il commercio al dettaglio a dedicarsi alle criptovalute.”

Il presupposto è:  chiunque abbia creato Bitcoin, controlla Bitcoin.

La realtà è:

Bitcoin è fuori dal controllo di chiunque

E il motivo, molto semplicemente, è perché  Bitcoin è un software open source. Cosa significa “open source” e perché è importante per Bitcoin?
A differenza di qualcosa di closed source e proprietario, come Microsoft Windows – o l’intero stack del sistema operativo Microsoft, open source significa che le istruzioni che compongono il programma per il computer stesso sono pubblicate apertamente nella loro forma di codice sorgente non compilato.

Inoltre, chiunque utilizzi il software lo fa scaricando la copia open source del codice, compilandola localmente e quindi eseguendola.

Ciò significa che anche se la NSA, o il PCC o il WEF crearono e rilasciarono segretamente Bitcoin intendendolo come un cavallo di Troia per la schiavitù digitale (come lo saranno con le CBDC ) , allora saremmo tutti in grado di vederlo letteralmente nel codice sorgente,  che è proprio qui  – e nessuno lo eseguirebbe.

  • Non ci sarebbero sviluppatori Bitcoin che mantengono la base di codice (o se ci fosse, rimuoverebbero semplicemente il malware)
  • Nessuno scambierebbe energia, o denaro, con Bitcoin generato da un codice compromesso, e
  • I minatori di Bitcoin certamente  non  spenderebbero centinaia di milioni, o addirittura miliardi di dollari, per costruire enormi server farm per eseguire malware NSA.

In altre parole, non ci sarebbe alcuno slancio di mercato dietro il fenomeno noto come “Bitcoin” che sta investendo il mondo.

Alcuni altri potrebbero ammettere che Bitcoin è un movimento open source, senza trojan o malware nascosti, ma che in realtà è  una grande operazione psicologica  per acclimatare noi plebei a una società senza contanti che utilizza denaro digitale.

Le persone che ci credono potrebbero persino twittare al riguardo dal proprio  smartphone  mentre sono sedute in un bar sorseggiando un cappuccino appena comprato tramite ApplePay o toccando la loro carta di credito scheggiata (come quella Mastercard che già taglia le tue spese quando la tua quota di impronta di carbonio si è ridotta).

Non è necessario che Bitcoin  faccia il lavaggio del cervello alle persone affinché accettino una società senza contanti o anche le prossime CBDC – enormi fasce della popolazione si schiereranno per questo – e nella mia mente ciò si tradurrà in una sorta di apartheid  monetario .

Bitcoin sta emergendo, le CBDC sono totalitarie.

Le persone che pensano che Bitcoin sia una sorta di batticarne per ammorbidire la mentalità del pubblico nei confronti delle CBDC semplicemente non hanno prestato sufficiente attenzione a:

  1. La differenza tra Bitcoin e CBDC e
  2. La differenza tra Bitcoin e altre criptovalute

Tutto si riduce alla natura decentralizzata della blockchain, ai minatori (Proof-of-Work) e all’autocustodia delle proprie chiavi private rispetto al sistema bancario centralizzato, alle criptovalute centralizzate, alle shitcoin, merde decentralizzate e simili.

Vediamo questo manifestarsi anche nella politica legale negli Stati Uniti, poiché Bitcoin è l’unica risorsa digitale trattata come una merce mentre tutto il resto sembra essere designato come security (anche Ethereum, soprattutto dopo quell’errore non forzato di passare a Proof- of- Stake ).

Laddove le persone pensano erroneamente che Bitcoin stia aprendo la strada per inaugurare le CBDC, Bitcoin è in realtà l’anti-CBDC . È la Kryptonite della CBDC. Un sistema monetario emergente come risposta all’eccessiva centralizzazione di quello che mi piaceva chiamare globalismo in fase avanzata, ma ultimamente mi sono innamorato del termine di George Gilder:  socialismo di emergenza.

Ribadirò una citazione dalla mia recente recensione del classico di Ferdinand Lips, Gold Wars, sull’origine effettiva dei sistemi monetari:

Nel 1900, circa cinquanta paesi adottavano il gold standard comprese tutte le nazioni industrializzate. Il fatto interessante è che il moderno gold standard non è stato pianificato in una conferenza internazionale, né è stato inventato da qualche genio. È venuto da solo, naturalmente e in base all’esperienza.  

Il Regno Unito ha adottato il gold standard contro l’intenzione del suo governo.  Solo molto più tardi le leggi trasformarono un gold standard operativo in un gold standard ufficialmente sancito.

La stessa cosa sta accadendo oggi, con Bitcoin (sì, davvero).

Iper-Bitcoinizzazione vs Notgeld

Nei primi giorni del mio coinvolgimento in questo settore, anch’io respingevo le affermazioni secondo cui il sistema monetario globale era destinato all’“iper-Bitcoinizzazione”: semplicemente non pensavo che sarebbe mai accaduto perché i banchieri centrali semplicemente non lo avrebbero mai permesso.

Invece, vedevo Bitcoin  come una sorta di “Notgeld”  – un termine tedesco emerso durante l’iperinflazione di Weimar che si traduceva in “denaro di emergenza”. A quei tempi le città stampavano la propria documentazione. Nelle successive iperinflazioni, altre cose sarebbero emerse come “notgeld”: nello Zimbabwe si trattava di carte telefoniche prepagate e buoni benzina. Ogni iperinflazione ne aveva uno. Pensavo che Bitcoin fosse un notgeld emergente e  globale, ma non avrei mai pensato che sarebbe diventato qualcosa di “ufficiale”.

Poi sono successe due cose che mi hanno portato nel campo dell’iper-Bitcoinizzazione:

Il primo è stato quando il governo di coalizione liberale/socialista al potere del Canada ha utilizzato come arma il sistema bancario contro i  manifestanti #FreedomConvoy, probabilmente l’unico atto che ha derubato il maggior numero di cittadini a livello globale dopo il bail-in di Cipro del 2013.

L’altro è stato quando il governo degli Stati Uniti ha sequestrato le riserve estere di altri due governi. Non importa che quei governi fossero la Russia e i talebani, e probabilmente hanno messo sulla pillola arancione più di pochi stati nazionali.

Ciò che ho capito da allora, e cioè guardando i globalisti tentare – e fallire – di imporre una tecnocrazia permanente sotto Covid, è che ciò che accade alla fine non dipende dalle banche centrali, e non dipende nemmeno dai governi. Dipende dalle forze del mercato, nonostante tutta la pianificazione centrale e l’autoritarismo schierati contro di esso.

Ciò non impedirà loro di provarci, tuttavia. Ed è qui che entrano in gioco le CBDC.

Il denaro sostenuto dal debito diventa credito sociale sostenuto dalle quote di carbonio

Nell’ultimo numero della newsletter premium  (analizzando un discorso di Agustín Carstens al gruppo di lavoro della BRI sulle CBDC) ho detto:

In questo momento, quello che chiamiamo “il mondo fiat” utilizza il debito come denaro. Ciò non è più sostenibile, quindi ciò che pensiamo accadrà in futuro è un tentativo di cambiare ciò che identifichiamo genericamente come “denaro”, da qualcosa sostenuto dal debito, a punteggi di credito sociale, sostenuti dalle emissioni di carbonio  .

Quando ciò accadrà, Bitcoin non sarà una sorta di farmaco di passaggio per le CBDC perché ci sono incompatibilità fondamentali e ci sono altre criptovalute là fuori molto più adatte al compito – come Ethereum e Ripple, e che  in realtà  vogliono  lo strato di base globale per Valute digitali delle banche centrali  (non per niente si chiama WEFereum…)

Quindi, dove siamo diretti, c’è un’economia globale in cui il mondo dovrà adottare un asset al portatore digitale non statale e decentralizzato, oppure i flussi commerciali internazionali si fermeranno inesorabilmente mentre la fiducia si deteriora insieme all’avvio di ogni valuta fiat.

E un sistema di credito sociale in cui la maggioranza della popolazione (tutti coloro che fanno affidamento sullo Stato per il proprio sostentamento economico) vede la propria vita gamificata tramite i propri smartphone e la propria impronta di carbonio razionata della giustizia climatica.

Marmorizzati in tutto il mondo (finché durerà un tale sistema, perché alla fine non è possibile) ci saranno “stati della rete” ed enclavi di coloro che detengono la loro ricchezza e guadagnano il loro reddito al di fuori del sistema di credito sociale/CBDC.

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution