Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

La fretta del Pentagono di schierare armi con l’intelligenza artificiale

Screenshot 2023-12-10 alle 11.24.02
1.684 Visualizzazioni |

Scritto da Michael T. Klare tramite The Nation,

Mentre gli esperti mettono in guardia dal rischio di estinzione umana, il Dipartimento della Difesa va avanti a tutta velocità…

Washington promuove l’uso “responsabile” dell’intelligenza artificiale in guerra

Alti funzionari dei Dipartimenti di Stato e di Difesa sostengono che l’intelligenza artificiale può e deve essere utilizzata per far funzionare i futuri sistemi d’arma, purché ciò avvenga in modo “responsabile”.

“Non possiamo prevedere come si evolveranno le tecnologie dell’intelligenza artificiale o di cosa potrebbero essere capaci tra un anno o cinque anni”, ha affermato Bonnie Jenkins, sottosegretario di Stato per il controllo degli armamenti e la non proliferazione in una presentazione alle Nazioni Unite il 13 novembre. Tuttavia, ha osservato, gli Stati Uniti sono determinati a “mettere in atto le politiche necessarie e a sviluppare le capacità tecniche per consentire lo sviluppo e l’uso responsabile [dell’intelligenza artificiale da parte dei militari], indipendentemente dai progressi tecnologici”.

“L’umanità sta per varcare una soglia di profonda importanza quando la decisione sulla vita e sulla morte non sarà più presa dagli esseri umani ma sulla base di algoritmi preprogrammati. Ciò solleva questioni etiche fondamentali”, ha affermato Alexander Kmentt, capo negoziatore austriaco per il disarmo, il controllo degli armamenti e la non proliferazione, ha detto a  The Nation .

Per anni, l’Austria e un gran numero di paesi dell’America Latina hanno  cercato di imporre un divieto su tali armi  sotto l’egida della Convenzione su alcune armi convenzionali (CCW), un trattato delle Nazioni Unite del 1980 che mira a limitare o vietare le armi ritenute causa di sofferenze inutili ai combattenti o colpire indiscriminatamente i civili. Questi paesi, insieme al Comitato Internazionale della Croce Rossa e ad altre organizzazioni non governative, sostengono che le armi completamente autonome rientrano in questa categoria poiché si dimostreranno incapaci di distinguere tra combattenti e civili nel vivo della battaglia, come richiesto dal diritto internazionale. Sebbene la maggioranza dei partiti della CCW sembri condividere questo punto di vista e favorire controlli rigidi sulle armi autonome, le decisioni degli stati firmatari vengono prese per consenso e una manciata di paesi, tra cui Israele, Russia e Stati Uniti, hanno usato il loro potere di veto per bloccare l’adozione di qualsiasi misura del genere. Ciò, a sua volta, ha portato i sostenitori della regolamentazione a rivolgersi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite – dove le decisioni vengono prese a maggioranza – come arena per futuri progressi sulla questione.

Per i funzionari del Dipartimento della Difesa, tuttavia, la questione è in gran parte risolta: gli Stati Uniti procederanno con il rapido sviluppo e dispiegamento di numerosi tipi di sistemi d’arma autonomi abilitati all’intelligenza artificiale. Ciò è stato reso evidente il 28 agosto, con l’annuncio dell’iniziativa “Replicator” da parte del vice segretario alla Difesa Kathleen Hicks.

Rilevando che gli Stati Uniti devono prepararsi per una possibile guerra con l’esercito cinese, l’Esercito popolare di liberazione (PLA), in un futuro non troppo lontano, e che le forze statunitensi non possono eguagliare le scorte di armi del PLA. Hicks ha sostenuto che gli Stati Uniti devono essere pronti a superare la Cina dispiegando “una moltitudine di migliaia” di armi autonome .

In  un discorso successivo , pronunciato il 6 settembre, Hicks ha fornito maggiori dettagli: “Immaginate pod distribuiti di sistemi ADA2 semoventi a galla… pieni di sensori in abbondanza…. Immaginate flotte di sistemi ADA2 a terra che forniscono un nuovo supporto logistico, esplorando in anticipo per mantenere le truppe al sicuro…. Immaginate stormi di sistemi [aerei] ADA2, che volano a tutti i tipi di altitudini, svolgendo una serie di missioni, basandosi su ciò che abbiamo visto in Ucraina.”

Secondo le linee guida ufficiali, Hicks ha assicurato al suo pubblico che tutti questi sistemi “saranno sviluppati e messi in campo in linea con il nostro approccio responsabile ed etico all’intelligenza artificiale e ai sistemi autonomi”. Ma a parte quel breve cenno alla sicurezza, tutta l’enfasi nei suoi discorsi è stata posta sull’eliminazione degli ostacoli burocratici per accelerare lo sviluppo e l’impiego di armi autonome. “Se [questi colli di bottiglia] non vengono affrontati”,  ha dichiarato  il 28 agosto, “i nostri ingranaggi continueranno a funzionare troppo lentamente e i nostri motori di innovazione non funzioneranno ancora alla velocità e alla scala di cui abbiamo bisogno. E questo non lo possiamo sopportare”.

E così, i poteri costituiti, sia nella Silicon Valley che a Washington, hanno preso la decisione di procedere con lo sviluppo e l’utilizzo di versioni ancora più avanzate dell’intelligenza artificiale nonostante gli avvertimenti di scienziati e diplomatici che la sicurezza di questi programmi non può essere garantita e che il loro uso improprio potrebbe avere conseguenze catastrofiche. A meno che non venga compiuto uno sforzo maggiore per rallentare questi sforzi, potremmo scoprire quali potrebbero comportare tali conseguenze.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution