Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

La Banca centrale olandese ammette di essersi preparata per un nuovo gold standard. L’INTERVISTA

Screenshot 2023-10-14 alle 12.11.42
2.476 Visualizzazioni |

Secondo DNB, la banca centrale olandese, in caso di crisi finanziaria il prezzo dell’oro salirà alle stelle e le riserve auree ufficiali potranno essere utilizzate per sostenere un nuovo gold standard.

Affermando che l’oro sarà il rifugio sicuro da scegliere durante un collasso finanziario, la DNB confessa che la sua valuta (l’euro) non resisterà a tutte le tempeste. Indirettamente, la DNB incoraggia le persone a possedere oro per proteggersi dagli shock finanziari, rendendo più probabile la transizione verso un sistema monetario basato sull’oro.

Trascrizione dell’intervista

L’intervista con Aerdt Houben, direttore dei mercati finanziari di DNB, è stata condotta da Anna Dijkman di Het Financieele Dagblad . Quella che segue è una traduzione della parte più importante della conversazione.

HOUBEN: 612 tonnellate d’oro. Queste sono le nostre partecipazioni totali. Attualmente vale circa 35 miliardi di euro e lo abbiamo diversificato a livello mondiale, come dovrebbe fare un buon investitore. Lo abbiamo distribuito in quattro località, di cui circa il 30% nei Paesi Bassi, poco più del 30% a New York presso la Federal Reserve, oltre il 20% in Canada e il 18% a Londra.

L’oro risale davvero a molto tempo fa. Alla fine del XIX secolo la DNB iniziò ad accumulare oro, elemento importante per stabilire la fiducia nella nostra valuta.

DIJKMAN (giornalista): A quel tempo i Paesi Bassi applicavano il gold standard. Ciò significa che il denaro era garantito dall’oro presso la banca centrale. Le persone potevano sempre scambiare le proprie banconote con oro. Ciò durò fino al 1936. Dopo la Seconda Guerra Mondiale venne introdotto un altro sistema monetario basato sull’oro: Bretton Woods. Più di 40 paesi hanno concordato tra loro che le loro valute avevano un tasso di cambio fisso rispetto al dollaro. Il dollaro, a sua volta, potrebbe essere scambiato con oro a un prezzo fisso.

HOUBEN: Il fiorino olandese era in realtà stabile rispetto all’oro tramite il dollaro. Abbiamo ricevuto dollari quando avevamo surplus e abbiamo perso dollari quando avevamo deficit. E i dollari erano convertibili in oro.

HOUBEN: La bellezza dell’oro è che il suo valore è stabile, mantiene il suo valore. Questo è uno dei motivi per cui le banche centrali detengono oro. L’oro ha un valore intrinseco a differenza del dollaro o di qualsiasi altra valuta, per non parlare del Bitcoin. L’oro ha valore di per sé. E’ un prodotto fungibile. È un prodotto liquido, puoi acquistarlo e venderlo quasi ovunque nel mondo. Quindi, è davvero una merce eccezionale su cui basare un sistema di tassi di cambio [gold standard].

DIJKMAN: Eppure abbiamo venduto una buona parte del nostro oro a partire dagli anni ’90. Perché?

HOUBEN: Beh, penso che una volta che si lascia andare il tasso di cambio legato all’oro, uno dei motivi principali per mantenere quell’oro scompare. Allora potresti chiederti: perché conserviamo ancora quell’oro? Perché l’oro, non un portafoglio di azioni o obbligazioni o qualcos’altro? Ci sono una serie di cose che rendono l’oro molto attraente per le banche centrali. L’oro è come la fiducia consolidata per la banca centrale. È qualcosa che storicamente ha svolto quel ruolo. Se mai dovessimo creare inaspettatamente una nuova valuta o sorgesse un rischio sistemico, il pubblico può avere fiducia nella DNB perché qualunque moneta emettiamo, possiamo sostenerla con lo stesso valore in oro [gold standard].

Negli anni ’70, e abbiamo ripetuto lo stesso esercizio negli anni ’80 e ’90, abbiamo esaminato quanto oro avevamo e se fosse ancora in proporzione. È una sorta di assicurazione contro il rischio sistemico e la domanda era: fino a che punto dovremmo continuare ad assicurarci contro questo tipo di rischio sistemico? E poi abbiamo esaminato cosa stavano facendo a livello globale, cosa stavano facendo le altre principali banche centrali. Abbiamo concluso che possedevamo troppo oro. Le nostre scorte di oro furono quindi ridotte a circa la media dei maggiori paesi europei detentori di oro.

DIJKMAN: Penso che siamo ancora tra i primi dieci a livello globale.

HOUBEN: Siamo il numero sette. Sì, in termini di PIL. Sì, è una bella posizione.

DIJKMAN: Quindi come determinare quale sia l’importo appropriato? Perché quei 35 miliardi di euro non si riferiscono del tutto al nostro PIL, vero?

HOUBEN: Abbiamo circa il 4% del nostro PIL nelle nostre riserve auree. E questo è paragonabile a Francia, Germania e Italia.

DIJKMAN: È più o meno questa la regola pratica?

HOUBEN: Ad essere sincero, penso che non esista un livello ottimale, quindi non è possibile determinare oggettivamente qual è il livello ottimale delle riserve auree. Proprio come con le assicurazioni, perché non si sa quando e in che misura si verificherà un incendio, e così via. Naturalmente ha anche a che fare con gli shock del futuro, con tutti i tipi di fattori incerti. Penso che sia solo che noi olandesi vogliamo stare un po’ attenti. Pensiamo che sia positivo avere una certa base di solvibilità presso la banca centrale che investe in oro.

DIJKMAN: Perché potresti anche dire che se si tratta di una sorta di assicurazione, ad esempio se il sistema finanziario crolla o altro, non dovresti avere molto di più?

HOUBEN: Potresti pensarlo. Penso che sia più che sufficiente, perché se tutto crolla, allora il valore di quelle riserve auree aumenta vertiginosamente, sale alle stelle. In secondo luogo, non è necessario coprirlo completamente. L’esperienza dimostra che una copertura completa è necessaria solo in un paese in cui non esistono altri meccanismi per sostenere la fiducia nella banca centrale.

DIJKMAN: Ad esempio, un paese come il Canada. Penso che abbia venduto tutto l’oro. Perché hanno fatto quella scelta?

HOUBEN: Perché la Norvegia ha messo tutte le sue entrate derivanti dal petrolio e dal gas in un fondo e non le ha inserite nel bilancio del governo come hanno fatto i Paesi Bassi? Queste sono scelte politiche. Penso che sia un punto importante da sottolineare. La nostra non è una scelta che fa da sola la Banca centrale Olandese… abbiamo consultato il nostro primo azionista. E questo è ovviamente il Ministero delle Finanze, con il quale siamo in stretta consultazione sul nostro bilancio e sui rischi che si corrono. E anche le riserve auree, che ne fanno parte.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution