Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il dibattito della NATO sull’intervento militare diretto in Ucraina mostra la sua disperazione

macronparisukr
2.896 Visualizzazioni |

Scritto da Andrew Korybko

Il Presidente francese Macron ha ospitato lunedì a Parigi oltre 20 leader europei per discutere le prossime mosse in Ucrainacompresa la possibilità di un intervento convenzionale della NATO, che non ha escluso per ragioni di “ambiguità strategica”, pur non avendo raggiunto un consenso in merito.

Anche il suo omologo polacco Duda ha confermato che questo argomento è stato la parte più accesa delle loro discussioni. Il fatto stesso che questo scenario venga ufficialmente preso in considerazione dimostra quanto la NATO sia diventata disperata.

La vittoria della Russia ad Avdeevka, che è stata il risultato naturale della sua vittoria nella “gara logistica“/”guerra di logoramento” con la NATO, ha spinto i responsabili politici a riflettere su cosa fare nel caso in cui la Russia riuscisse a sfondare la Linea di Contatto (LOC) e iniziasse ad attraversare il resto dell’Ucraina. In precedenza non avevano considerato questa possibilità seria, fino a quando la controffensiva fallita della scorsa estate non ha messo in luce la debolezza del loro complesso militare-industriale e della loro pianificazione tattico-strategica.

Reuters

Si tratta ora di uno scenario credibile che sta rilanciando le speculazioni su un intervento a guida polacca volto a tracciare una linea rossa per fermare qualsiasi potenziale svolta russa prima che si spinga troppo oltre.

Questo preserverebbe la “sfera di influenza (economica)” del G7 in Ucraina, impedendo al contempo il collasso dell’ex Repubblica sovietica e scongiurando così un altro disastro di politica estera di tipo afghano per l’Occidente.

Il problema, tuttavia, è che anche la Polonia non vuole essere coinvolta in questa situazione per poi essere lasciata a bocca asciutta.

Sebbene la Polonia si sia completamente subordinata alla Germania dopo il ritorno al potere del Primo Ministro Tusk , sostenuto da Berlino, alla fine dello scorso anno, e preveda di ritagliarsi una propria “sfera di influenza” nell’Ucraina occidentale, ciò non significa che voglia guidare un intervento occidentale in quel Paese.

Il rischio che la terza guerra mondiale scoppi con la Russia a causa di un errore di calcolo è troppo alto e la Polonia potrebbe temere che la NATO non attivi l’articolo 5 in caso di scontro con la Russia all’interno dell’Ucraina per evitare che ciò accada.

Queste preoccupazioni potrebbero spiegare il motivo per cui non c’è stato alcun consenso durante la riunione di lunedì su questo tema, poiché gli altri membri saggiamente non vogliono correre il rischio di catalizzare uno scenario apocalittico, ergo il motivo per cui l’Occidente potrebbe tramare una falsa bandiera in Polonia per incolpare Russia e Bielorussia.

Il Presidente Lukashenko ha messo in guardia da questa eventualità alla fine di febbraio e, se dovesse verificarsi, potrebbe servire da detonatore per spingere la Polonia a guidare un intervento occidentale in Ucraina senza il pieno appoggio della NATO.

Tuttavia, servirebbe comunque a tracciare una linea rossa nella sabbia che potrebbe fermare l’avanzata della Russia, dato che la NATO potrebbe in seguito intensificare l’escalation con la promessa di attivare l’articolo 5 se gli scontri dovessero continuare.

In questo caso, la Polonia si troverebbe a dover pagare i costi finanziari e fisici di questo intervento de facto della NATO, rappresentando così una forma amorale di “condivisione degli oneri” che ricadrebbe esclusivamente sui suoi contribuenti invece che su quelli del resto del blocco.

Le proteste dei contadini che stanno scuotendo il Paese in questo momento potrebbero sfociare in una vera e propria ribellione se ciò accadesse, poiché altri potrebbero unirsi a loro, cosa che i liberali-globalisti al potere preferirebbero non accadesse perché temono di rischiare di perdere il potere.

Ecco perché sono riluttanti a guidare un intervento occidentale in Ucraina, poiché c’è un’alta probabilità che si ritorca contro di loro in particolare e contro gli interessi nazionali della Polonia in generale, nonostante sia a vantaggio dell’egemonia occidentale nel suo complesso. Qualunque cosa accada, il risultato dell’incontro di Parigi e i dettagli che sono stati rivelati sulle loro discussioni è che la NATO sta pianificando un possibile sfondamento russo attraverso la LOC nel corso dell’anno , ma non è ancora sicura di come reagire se ciò dovesse accadere.

La Polonia potrebbe essere spinta a prevenire volontariamente o dopo essere stata manipolata dalla falsa bandiera che il Presidente Lukashenko ha avvertito la scorsa settimana, con la seconda opzione che potrebbe essere utilizzata subito dopo qualsiasi svolta.

Se ciò dovesse accadere prima che le esercitazioni della NATO “Steadfast Defender 2024” si concludano a giugno, le forze del blocco che si stanno attualmente addestrando in Polonia per le più grandi esercitazioni continentali dai tempi della vecchia Guerra Fredda potrebbero svolgere un ruolo di supporto cruciale o eventualmente unirsi anch’esse.

Tuttavia, se dopo la fine dei giochi di guerra dovesse verificarsi una svolta nell’ambito dell’offensiva russa che , secondo Zelensky , sarebbe prevista già a maggio, la Polonia non potrebbe contare su un sostegno altrettanto consistente da parte della NATO e sarebbe probabilmente costretta a procedere da sola (almeno all’inizio) con solo vaghe promesse.

Un’altra possibilità è che le esercitazioni vengano estese, in tutto o in parte, anche attraverso lo stazionamento semipermanente di altre forze NATO , come quelle tedesche, fino alla fine dell’offensiva.

Questo potrebbe dare alla Polonia una rassicurazione sufficiente per fare un atto di fede e tuffarsi a capofitto in Ucraina, con l’aspettativa che il resto della NATO la segua, anche se volutamente in ritardo, per evitare la Terza Guerra Mondiale.

Resta da vedere cosa succederà, ma come ha detto lo stesso Macron, “faremo tutto il necessario affinché la Russia non possa vincere la guerra” e questo significa quindi che la NATO interverrà sicuramente in qualche misura se la Russia sfonderà la LOC.

Il blocco non può permettersi un altro disastro simile a quello afghano, tanto meno sul suolo europeo nel conflitto più importante dal punto di vista geostrategico dalla Seconda Guerra Mondiale, ed è per questo che non rimarrà in disparte mentre l’Ucraina crolla.

Scritto da Andrew Korybko

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution