Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il conflitto Israele-Hamas minaccia la sicurezza energetica dell’UE

Screenshot 2023-11-09 alle 22.43.36
1.557 Visualizzazioni |

scritto Francesco Sassi su Oilprice.com

Il conflitto in corso tra Israele e Hamas, che uccide centinaia di civili al giorno e minaccia infrastrutture critiche di ogni tipo nelle vicinanze della Striscia di Gaza, ha raggiunto una nuova svolta, con l’accerchiamento totale di Gaza City da parte dell’esercito israeliano. Tuttavia, le implicazioni di questa guerra asimmetrica sono in gran parte fraintese. Giorno dopo giorno, il quadro energetico del Medio Oriente diventa più oscuro, rischiando di sconvolgere la sicurezza energetica globale in modi che i mercati non sono in grado di prevedere, a cominciare dal traballante sistema energetico egiziano. Troppo concentrati sulla decrittazione della volatilità giornaliera sul TTF o sull’Henry Hub dopo 21 mesi dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, gli analisti stanno trascurando le conseguenze politiche e geopolitiche a breve e lungo termine degli squilibri di mercato nel mezzo di una crisi energetica globale ancora in corso. Il segretario di Stato americano Antony Blinken non è riuscito a convincere il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a sospendere l’assalto dell’esercito israeliano a Gaza e a consentire l’assistenza umanitaria tanto necessaria (nd se non per 4 ore al giorno), e questo ci ricorda chiaramente che Netanyahu e il suo gabinetto di guerra stanno cercando di esercitare la massima pressione su Hamas, nonostante le conseguenze disastrose per i civili. Ciò significa che Israele è pronta per una lunga battaglia.

Le conseguenze degli orrori del 7 ottobre hanno portato ad un’insolita spaccatura pubblica tra Stati Uniti e Israele. Dalla Cina all’Unione Europea , tutte le grandi potenze hanno voce in capitolo in questa crisi, anche se il dialogo è stato chiaramente messo da parte dal perseguimento di obiettivi massimalisti da parte di Netanyahu, inclusa la possibilità che i palestinesi possano essere costretti a lasciare la Striscia di Gaza e trasferirsi nel desernto del Sinai. Secondo alcuni alti funzionari israeliani, questo rappresenta una “opportunità unica e rara” per stabilire un nuovo quadro di sicurezza sul confine meridionale di Israele, lasciando all’Egitto il problema di dover gestire milioni di rifugiati.

Si tratta di un evento che il regime di El-Sisi sta cercando di scongiurare in ogni modo possibile . A poche settimane dalle prossime elezioni presidenziali, l’economia egiziana è nel caos. Il paese è già alle prese con problemi derivanti da una crisi debitoria sempre più profonda e ha un disperato bisogno di fonti di finanziamento, oltre a questo, sta affrontando una serie di svalutazioni valutarie e un’inflazione record. Nessun avversario credibile è pronto a sfidare il potere di El-Sisi. Eppure la guerra tra Israele e Hamas sta ravvivando il dissenso interno tra ampi settori della società egiziana che sono rimasti in silenzio dopo quasi 10 anni di governo con il pugno di ferro. In questo momento, le conseguenze della guerra tra Israele e Hamas stanno mettendo in grave pericolo la sicurezza energetica dell’Egitto, il paese più popolato del mondo arabo.

Il giacimento di gas offshore Tamar di Israele, che fornisce quasi il 40% della produzione del paese, è stato chiuso per prevenire possibili ritorsioni da parte di Hamas. La produzione di gas dai giacimenti Leviathan e Karish è stata dirottata per soddisfare prevalentemente il fabbisogno interno di Israele, mentre solo una frazione di questo viene ora esportata in Egitto. Proprio lo scorso agosto, i due governi hanno concordato di rafforzare la cooperazione nel settore del gas e di approvvigionarsi di nuovo gas da Tamar per “ rafforzare le relazioni diplomatiche tra Israele ed Egitto ”, garantendo maggiori entrate per Israele e assicurando al paese arabo un flusso stabile di gas dal vicino del Golfo per gli anni a venire.

Vale la pena sottolineare che all’epoca, sebbene nessuno si aspettasse di dover combattere la più grande guerra degli ultimi decenni nel giro di pochi mesi, alti funzionari governativi criticarono l’accordo perché “avrebbe potuto mettere in pericolo la sicurezza energetica di Israele”. In ogni caso, l’intesa energetica Israele-Egitto è anche il minimo comune denominatore per il successo del protocollo d’intesa trilaterale firmato tra l’UE e i due per aumentare la cooperazione regionale e incrementare le esportazioni verso i paesi europei, con l’obiettivo di diversificarsi lontano dalla Russia.

Il Cairo è diventato sempre più dipendente dal gas israeliano per alimentare il proprio sistema energetico, soprattutto durante i periodi di picco di carico. Anche se il Paese dispone di vaste riserve, dall’inizio dell’estate scorsa i blackout e le carenze sono aumentati. Ora, il governo egiziano indica la riduzione delle importazioni di gas da Israele come la causa delle continue interruzioni di corrente, trasformando indirettamente l’instabilità della rete egiziana in un caso geopolitico.

Costretto a fare affidamento su fonti interne, l’Egitto ha di fatto bloccato le esportazioni di GNL di alto valore dai due terminali mediterranei di Idku e Damietta, lasciando le petroliere vuote e dirottandole verso altri porti. Nel 2023, circa tre quarti dei carichi egiziani sono stati diretti verso i terminal dell’UE e della Turchia, sollevando questi mercati da una certa pressione avvertita a causa delle limitazioni dell’offerta russa. L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, la cui società è uno dei principali attori dell’offshore egiziano, che gestisce il colosso Zohr ma anche l’impianto GNL di Damietta, è ottimista sulla ripresa delle esportazioni del Paese nelle prossime settimane.

Tuttavia, le prospettive per l’industria energetica egiziana sono tutt’altro che stabili. A causa della carenza di gas, le interruzioni di corrente sono aumentate, mentre le società petrolchimiche e di fertilizzanti hanno ridotto le scorte a loro disposizione. L’importanza di una riduzione a lungo termine della produzione di fertilizzanti, la seconda industria più grande per le esportazioni del paese, potrebbe portare ulteriore disagio economico e svalutazione alla sterlina egiziana, mandando allo stesso modo onde d’urto sui mercati alimentari e minacciando i mezzi di sussistenza di milioni di persone .

La sicurezza energetica dell’Egitto è in una situazione così disastrosa che è persino ricorso all’importazione di un carico di combustibili misti, compreso il GNL. La nave cisterna ha navigato verso il porto SUMED, dove dal 2015 si trova la FSRU denominata BW LNG e noleggiata dalla società statale EGAS. Presto la nave sarà diretta in Italia , lasciando l’Egitto senza la possibilità di importare GNL. BW LNG ricorda i secoli bui del settore energetico egiziano, ovvero gli anni successivi alla Rivoluzione del Paese e al suo effetto devastante sull’industria energetica, incapace di far fronte al consumo interno. In effetti, gli alti prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari sono stati le cause profonde dell’instabilità cronica del paese nella prima metà dell’ultimo decennio, che ha portato alla presa del potere di El-Sisi.

Oggi, la notizia che un importante esportatore di GNL nel bacino del Mediterraneo si trasforma in un importatore sarebbe sufficiente a suscitare timori in un mercato che sta già affrontando molti vincoli di approvvigionamento. Sullo sfondo delle crescenti tensioni in Medio Oriente, all’inizio di questo mese i prezzi del TTF sul mese iniziale hanno raggiunto il massimo degli ultimi nove mesi. Tuttavia, gli osservatori del mercato restano fiduciosi che i leader arabi, compreso Hezbollah, manterranno un approccio pragmatico al conflitto ed eviteranno un’escalation.

Tuttavia, una crisi energetica interna che si sovrappone alle elezioni presidenziali egiziane, una facciata democratica senza una reale opposizione, potrebbe innescare una serie di conseguenze politiche imprevedibili. Attualmente, l’intera regione MENA è un calderone, a cominciare dalla democrazia tunisina in pericolo e dalla spaccatura in corso in Libia , sia appena a sud dei confini dell’UE che forse si estende ad altri paesi come il Libano e l’Iraq.

Il crollo dell’interdipendenza energetica UE-Russia ha creato un panorama energetico opaco. In questo scenario, il commercio energetico riflette, più di ogni altra cosa, il sentimento politico nella regione MENA, e i politici europei non dovrebbero farsi illusioni e riconoscere che la sicurezza energetica continentale non si basa esclusivamente sulla stabilità dei fondamentali del mercato, ma anche sulle realtà geopolitiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution