Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

I medici statunitensi hanno ricevuto miliardi di mazzette dall’industria farmaceutica

image_80(428)
3.114 Visualizzazioni |

Autore Megan Redshaw via The Epoch Times

Secondo una nuova analisi, i medici statunitensi hanno ricevuto più di 12 miliardi di dollari di pagamenti dall’industria farmaceutica e dei dispositivi medici in un periodo di 10 anni.

Una lettera di ricerca pubblicata il 28 marzo sul Journal of the American Medical Association ha rilevato che l’industria ha effettuato oltre 85 milioni di pagamenti a più di 820.300 (57%) medici idonei in 39 specialità dal 2013 al 2022. Quasi il 94% dei pagamenti era legato a uno o più prodotti medici commercializzati.

I ricercatori hanno esaminato i dati del database Open Payments per determinare quali pagamenti sono stati effettuati in diverse specialità e i prodotti medici associati ai maggiori pagamenti totali. I dati includevano solo i pagamenti ricevuti per consulenze.

Il database Open Payments è un programma federale di trasparenza istituito nel 2013 per la preoccupazione che le relazioni finanziarie tra medici e industria influenzassero indebitamente il processo decisionale e i costi dell’assistenza sanitaria.

L’analisi ha rilevato che i pagamenti variano notevolmente tra le varie specialità e tra i medici della stessa specialità . Ad esempio, l’importo medio pagato al top 0,1% dei medici variava da 194.933 dollari per gli ospedalisti a 4,8 milioni di dollari per i chirurghi ortopedici, mentre i pagamenti per i medici mediani variavano da zero a 2.339 dollari.

I medici ortopedici hanno ricevuto la somma maggiore di pagamenti, 1,4 miliardi di dollari, seguiti da neurologi e psichiatri, 1,3 miliardi di dollari, cardiologi, 1,3 miliardi di dollari, ed ematologi/oncologi, 825,8 milioni di dollari. Quasi il 55% dei pediatri e il 63% dei medici di malattie infettive hanno ricevuto pagamenti dall’industria, mentre i medici che praticano la medicina preventiva hanno ricevuto la somma minore.

Dal 2013 al 2022, le aziende farmaceutiche hanno pagato 12 miliardi di dollari ai medici statunitensi. È una cifra da capogiro. È così che si compra il silenzio, si influenzano le menti dei medici e, in ultima analisi, si influenzano i modelli di cura/prescrizione dei pazienti”, ha dichiarato all’Epoch Times il dottor Manni Mohyuddin, oncologo, ematologo e professore assistente presso l’Huntsman Cancer Institute.

Il Dr. Mohyuddin ha sottolineato che il pagamento medio ricevuto è basso, ma alcuni medici hanno ricevuto una quantità significativa di denaro e hanno influenza sulla stesura di linee guida, sulla presidenza di comitati, su studi clinici, sull’influenza dei pareri e altro ancora.

I principali farmaci e dispositivi associati ai pagamenti

I tre farmaci più pagati sono stati Xarelto (176,3 milioni di dollari), Eliquis (102,6 milioni di dollari) e Humira (100,2 milioni di dollari).

Xarelto,sviluppato congiuntamente da Janssen Pharmaceuticals di Johnson & Johnson e Bayer, viene utilizzato per prevenire e trattare i coaguli di sangue. Janssen ha anche creato il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, che causava disturbi rari e talvolta fatali della coagulazione del sangue.

Eliquis è un anticoagulante multimiliardario prodotto da Bristol-Myers Squibb e Pfizer. Nel 2023 il farmaco rappresentava il 12% delle entrate totali di Pfizer, secondo solo al suo vaccino COVID-19 della Comirnaty. Anche il vaccino COVID-19 di Pfizer è stato collegato a disturbi della coagulazione del sangue.

Humira è un farmaco immunosoppressivo prodotto da AbbVie per il trattamento di artrite, psoriasi a placche, spondilite anchilosante, malattia di Crohn e colite ulcerosa. Ai primi tre posti troviamo i farmaci per il diabete di tipo 2 Invokana, Jardiance e Farxiga.

Secondo l’analisi, i tre dispositivi medici associati al maggior numero di pagamenti sono stati il sistema chirurgico daVinci, 307,5 milioni di dollari, la SmartRobotics Mako, 50,1 milioni di dollari, e il CoreValve Evolut, 44,8 milioni di dollari.

Procedure altamente mirate e lucrative

“Il nostro documento è un’analisi modesta. Non spiega il problema dei conflitti di interesse finanziari. Ma si tratta di un sacco di soldi. Ed è altamente mirato a procedure lucrative”, ha scritto il coautore ed elettrofisiologo cardiaco Dr. John Mandrola in un post su Substack.

Il Dr. Mandrola ritiene che la forte influenza dell’industria sia visibile nell’approvazione di numerosi dispositivi medici da parte della Food and Drug Adminsitration degli Stati Uniti, nonostante “prove poco credibili”.

“La cardiologia è un campo tecnico. Utilizziamo dispositivi. L’innovazione richiede una certa collaborazione. L’innovazione ha migliorato la cardiologia. Ma l’influenza dell’industria è troppo forte”, ha affermato. Il Dr. Mandrola ritiene che i pagamenti riportati nel loro articolo non siano solo per le collaborazioni medico-industriali, ma anche per il marketing e la buona volontà, che aiutano a stabilire modelli di pratica tra i medici.

L’industria è orientata al profitto e se i pagamenti diretti ai medici non funzionassero, l’industria non spenderebbe miliardi per farlo, ha aggiunto.

I pagamenti possono creare conflitti di interesse

Il dottor Andrew Foy, coautore e cardiologo, ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail che l’analisi mostra una forte relazione tra medici e industria, ma ci sono anche altri indicatori di questa relazione. Per esempio, non è raro che le pubblicità dell’industria siano presenti nelle homepage delle principali riviste mediche o che una conferenza o un incontro medico bombardino i medici con pubblicità dell’industria.

Quando mi capita di assistere a queste conferenze, ho l’impressione che l’industria non solo sia la benvenuta a questi eventi, ma che l’evento sia costruito intorno all’industria e al suo coinvolgimento“, ha detto il Dr. Foy.

“Non c’è alcun tentativo di nascondere queste relazioni. Il motivo principale, almeno secondo me, è che molti medici, forse addirittura la maggioranza, ritengono che la collaborazione medico-industria sia un beneficio netto per i pazienti e la società”.

Il Dr. Foy ha detto che non condivide necessariamente questo punto di vista, ma non crede che ci siano prove forti e oggettive a sostegno di una parte o dell’altra per quanto riguarda i benefici o i danni complessivi del rapporto tra medici e industria.

“In questo momento la professione sembra interessata solo alla trasparenza. ‘Finché tutti sono trasparenti, allora tutto va bene’. Come se qualcuno non potesse essere trasparente sui propri conflitti e allo stesso tempo altamente parziale”, ha detto.

Il Dr. Foy ha detto di temere che i conflitti di interesse direttamente collegati ai pagamenti dell’industria medica possano portare a raccomandazioni o linee guida troppo entusiastiche da parte delle organizzazioni mediche per l’uso di nuovi prodotti, anche se non sono stati sufficientemente testati o se le prove non sono abbastanza forti da raccomandarli rispetto a un vecchio standard o, in alcuni casi, a nulla.

Inoltre, il Dr. Foy ha affermato che un “problema importante” con i pagamenti medico-industriali è che “hanno un modo di inclinare la simpatia dei medici verso l’industria” e i “progressi medici” dell’industria, incoraggiando i medici ad adottare più volentieri nuovi prodotti per il bene del “progresso dell’industria”, anche se non hanno un conflitto di interessi diretto con quel particolare prodotto.

In un certo senso, diventano cheerleader dell’industria e più aperti all’adozione di nuovi prodotti semplicemente grazie a questo attaccamento, ha dichiarato il Dr. Foy a The Epoch Times.

“Credo che il nostro documento fornisca alcuni numeri, che alcuni potrebbero trovare scioccanti, e speriamo che rinnovi l’interesse a discutere dei pagamenti tra medici e industria e dei conflitti di interesse e forse faciliti ulteriori ricerche”, ha aggiunto.

Autore Megan Redshaw via The Epoch Time

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution