Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Gingrich: Prendere sul serio la guerra nucleare

642587_5__80
942 Visualizzazioni |

Articolo di Newt Gingrich via RealClear Wire

È fondamentale che gli americani prendano sul serio la guerra nucleare.

Negli ultimi tre decenni e mezzo, dal crollo dell’Unione Sovietica, gli americani si sono rilassati e comportati come se fossero sostanzialmente al sicuro da eventi nucleari.

Quando il Presidente Bill Clinton ed io abbiamo creato la Commissione Hart-Rudman nel 1998, speravamo di dover attuare un profondo ripensamento delle strategie di sicurezza americane. La Commissione è stata brillantemente guidata dal generale Charles Boyd e ha prodotto un rapporto straordinario.

Abbiamo avvertito che la minaccia più grave per gli Stati Uniti era un attacco nucleare in una città americana, probabilmente da parte di un gruppo terroristico.

Abbiamo creato un Dipartimento della Sicurezza Nazionale in grado di gestire tre eventi nucleari simultanei. Si sarebbe trattato di un dipartimento con la disciplina e l’addestramento che associamo alle organizzazioni militari o ai vigili del fuoco di prima classe.

A dimostrazione di quanto poco la gente abbia compreso il pericolo delle armi nucleari, il dipartimento è degenerato in un pasticcio burocratico di enorme incompetenza. Oggi non è in grado di gestire civili disarmati al confine. Probabilmente sarebbe totalmente incapace di gestire uno (figuriamoci tre) eventi nucleari simultanei.

Eppure, la guerra nucleare sta diventando sempre più possibile. Quando si trattava dell’Unione Sovietica, era concepibile che una strategia di distruzione reciproca potesse sostenere un equilibrio di deterrenza per tenere a bada la guerra nucleare.

Nessuno dei due Paesi avrebbe lanciato un’arma nucleare, perché c’era la certezza virtuale dell’annientamento. Per molti versi, la distruzione reciproca assicurata assomiglia alla risposta di Abraham Lincoln a una sfida a duello. Lincoln scelse i fucili a un metro di distanza e l’altro si tirò indietro.

Ora, però, ci sono Paesi che si stanno dotando di armi nucleari e che potrebbero infischiarsene della nostra ritorsione.

È possibile che la dittatura teocratica iraniana accetti lo scambio di Teheran con Tel Aviv come un vantaggio netto per motivi ideologici.

Non abbiamo alcuna comprensione dei valori e dei processi di pensiero di Kim Jung Un e della sua leadership (compresa sua sorella, che si suppone sia più dura di lui).

Di fronte ai crescenti risultati economici, tecnologici e di qualità della vita della Corea del Sud, è possibile che il regime nordcoreano sia disposto a rischiare un attacco nucleare come unico elemento di vantaggio.

Il Pakistan è instabile e il suo avversario di sempre, l’India, è in costante crescita. Questo potrebbe portare a un conflitto nucleare se il Pakistan si sentisse minacciato dalle dimensioni dell’India o se l’India rispondesse aggressivamente a una minaccia pakistana percepita.

In definitiva, un conflitto nucleare potrebbe verificarsi nella regione per pura incomprensione.

La dittatura russa è una pericolosa combinazione di formazione sovietica (Vladimir Putin era un ufficiale del KGB ed è ancora profondamente fedele allo spirito dell’Unione Sovietica) e di nazionalismo della Grande Russia.

Inoltre, la profondità della corruzione di Putin e dei suoi alleati – e l’intensità e la ferocia della sua risposta agli oppositori interni – creano un ambiente psicologico in cui l’uso delle armi nucleari come alternativa alla sconfitta diventa sempre più possibile.

Lo stesso Putin ha suggerito l’uso di armi nucleari tattiche e di recente un suo stretto alleato ha suggerito l’uso di armi nucleari su Londra e Washington se la Russia fosse stata costretta a restituire il territorio ucraino.

Infine, il più razionale e stabile dei nostri avversari con capacità nucleari è la Cina comunista (già questo dovrebbe dirci quanto il mondo stia diventando instabile).

È possibile che con una popolazione in calo, un’economia in rapida decadenza e un crescente senso di frustrazione e isolamento globale, il Segretario Generale Xi Jinping decida di rischiare di invadere Taiwan o di provocare una crisi nel Mar Cinese Meridionale.

Il conflitto potrebbe andare fuori controllo con notevole rapidità.

Di fronte a questa realtà, dobbiamo rivedere il classico studio di Herman Kahn “Pensare all’impensabile”. Per capire quanto sarebbe pericoloso un attacco nucleare, è utile tornare indietro di 70 anni al sorprendente romanzo di Philip Wylie “Tomorrow”. 

È la storia di un attacco nucleare a una singola città e del potere di un’arma nucleare di distruggere la vita e la civiltà. Questo è stato il libro che mi ha convinto, da studente delle superiori, che dovevamo fare praticamente tutto per evitare la guerra nucleare – e sopravvivere se fosse arrivata.

Di recente ho riletto il romanzo di Stephen Hunter del 1989 “Il giorno prima di mezzanotte”, in cui un nazionalista russo, molto simile a Putin, si impadronisce di un silo ICBM americano nel tentativo di scatenare una guerra nucleare.

Se prendessimo sul serio la guerra nucleare, faremmo immediatamente tre cose:

In primo luogo, costruiremmo un sistema di difesa missilistica di qualità israeliana a tutti i livelli.

I missili verrebbero eliminati quando lasciano i loro silos, durante il loro viaggio nello spazio, fino al rientro e infine in un punto di difesa.

Il Presidente Ronald Reagan propose un’Iniziativa di Difesa Strategica nel 1983. Fu ridicolizzata come Guerre Stellari. I suoi eredi tecnologici hanno salvato decine di migliaia di vite israeliane. Una versione globale potrebbe salvare centinaia di milioni di vite.

In secondo luogo, dovremmo sviluppare un sistema di sopravvivenza nazionale in grado di rispondere a tre o più eventi nucleari – con ospedali, sicurezza, lavoratori edili e quant’altro necessario per ridurre al minimo la perdita di vite umane.

Ciò comporterebbe la costituzione di scorte di medicinali di sopravvivenza alle radiazioni, cibo, acqua, ecc.

In terzo luogo, avremmo un programma d’emergenza per rafforzare il nostro intero sistema contro un potenziale attacco a impulsi elettromagnetici. Come ha scritto Bill Forstchen nel suo straordinario libro “Un secondo dopo”, un attacco EMP sarebbe devastante e distruggerebbe la civiltà.

Siamo stati sorpresi a Pearl Harbor. Siamo stati sorpresi l’11 settembre 2001. Non possiamo permetterci di essere sorpresi da un attacco nucleare.

Per ulteriori commenti di Newt Gingrich, visitare il sito Gingrich360.com. Inoltre, abbonatevi al podcast Newt’s World.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution