Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Crollo della popolazione nel Regno Unito? “Buono per il pianeta”, spiega la consigliera del WEF Sarah Harper.

Screenshot 2023-08-21 alle 16.47.12
1.179 Visualizzazioni |

Ricordi come lo spopolamento è stato definito una  teoria del complotto ?

di IGOR CHUDOV dal sito di dailysceptic

Le cose sono cambiate, e il ‘collasso della popolazione’ che non si può più negare, ora ci fa bene!

Il  Telegraph  ha scelto il messaggero perfetto  per comunicare il nuovo modo in cui dovremmo pensare al declino della popolazione. Un  consulente WEF di alto livello ci dice:

la popolazione britannica crolla “bene per il pianeta” mentre

il numero di neonati raggiunge il minimo da 20 anni

La professoressa di Oxford  Sarah Harper  è una persona molto importante. L’articolo del Telegraph che elenca le sue referenze ha dimenticato di menzionare  che fa parte del Global Agenda Council on Ageing Societies of the World Economic Forum.

Il professor Harper è entusiasta del recente calo della fertilità:

Il professor Harper ha detto al  Telegraph :

“Penso che sia una buona cosa che i paesi del mondo ad alto reddito e ad alto consumo stiano riducendo il numero di figli. Sono abbastanza ottimista al riguardo.

L’accademico ha affermato che il calo della fertilità nei paesi ricchi aiuterebbe ad affrontare il “consumo generale eccessivo che abbiamo al momento”, che ha un impatto negativo sul pianeta.

Ancora più importante, il calo delle nascite comporterà riduzioni delle emissioni di CO2 delle nazioni ricche, sottolinea il prof. Harper:

La ricerca ha scoperto che le nazioni ricche tendono ad avere un’impronta di carbonio molto maggiore rispetto ai paesi più poveri, poiché le persone ricche possono permettersi di acquistare più beni, viaggiare di più e svolgere altre attività che generano emissioni.

Le emissioni di carbonio dei paesi ad alto reddito sono state 29 volte superiori a quelle dei paesi a basso reddito su base pro capite nel 2020, mostrano i dati della Banca mondiale.

Diminuzione della popolazione o sostituzione della popolazione?

Ecco la parte strana:

Se la leadership del World Economic Forum volesse ridurre le emissioni dei paesi ricchi, potrei capire perché sperano che la riduzione della popolazione porti a un calo della produzione economica. A parte le implicazioni morali, è un semplice calcolo che meno persone significano meno auto sulla strada, meno cibo consumato e così via.

Tuttavia, sta succedendo qualcosa di completamente diverso! Mentre la popolazione nativa (nata in loco) non si riproduce più ai livelli necessari per mantenere la popolazione esistente, la nuova immigrazione si riprende. E rappresenta una quota sempre maggiore di nascite!

Mentre il numero di nascite in Gran Bretagna sta diminuendo, la quota di bambini nati da genitori immigrati dall’estero ha raggiunto un livello record.

Quasi un bambino su tre nato lo scorso anno è stato partorito da madri nate al di fuori del Regno Unito . Il numero di nascite di donne nate al di fuori del Regno Unito è aumentato di 3.600 unità su base annua, rappresentando il 30,3% di tutte le nascite. Il picco precedente era stato del 29,3% nel 2020.

Includendo il padre, più di un bambino su tre nato l’anno scorso aveva almeno un genitore nato all’estero. A Londra, la cifra era di due terzi.

Questo sviluppo è  incoerente  con la volontà di ridurre la popolazione dei paesi ad alto consumo. Sembra controproducente celebrare  la riduzione delle nascite  e contemporaneamente  amplificare gli arrivi di nuovi immigrati  che lavorano sodo per vivere bene, consumano molto, hanno molti figli e realizzano il “sogno britannico”.

Per favore, non fraintendermi sottolineando l’incoerenza di cui sopra come ostilità nei confronti degli immigrati: sono immigrato negli Stati Uniti, ho lavorato duramente per avere una buona vita e mi sento benedetto con una bella famiglia e due figli grandi. Sono immensamente grato per l’opportunità di vivere in questa meravigliosa terra di libertà e sono sicuro che la maggior parte degli altri immigrati voglia vivere bene e lavorare sodo, proprio come ho fatto io.

Tuttavia, anche se sono ugualmente comprensivo nei confronti degli immigrati, così come lo sono nei confronti dei nativi, non riesco a scrollarmi di dosso la sensazione che il Prof Harper e il WEF abbiano un’incoerenza tra gli obiettivi dichiarati e le azioni che non riesco a spiegarmi facilmente.

Questa incoerenza non è qualcosa che riesco a capire del tutto: i nuovi immigrati vogliono consumare tanto quanto i residenti nativi. Perché incoraggiare l’immigrazione dai paesi poveri ai paesi ricchi se l’obiettivo è una riduzione del carbonio e di altre emissioni che si verificherebbero a causa del calo della popolazione dei paesi ricchi?

Aiutami a capire questo enigma! Ci stiamo perdendo qualcosa? Cosa vogliono veramente?

di IGOR CHUDOV dal sito di dailysceptic

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution