Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Che cos’è l’Economia Austriaca?

Screenshot 2023-12-02 alle 12.15.59

dal blog di Peter St. Onge

Ho ricevuto alcune domande sull’economia austriaca, che è il modello che utilizzo per capire il mondo. Poiché l’economia austriaca non è molto conosciuta, ho pensato di illustrare le sue differenze rispetto all’economia tradizionale.

In breve, economia austriaca significa economia senza tangenti governative. E si scopre che, una volta tolte le tangenti governative, si genera un modello economico diverso che mette la libertà in primo piano.

La conquista dell’Economia Tradizionale

Il campo dell’economia esiste da molto tempo, almeno dal XVI secolo, quando gli Scolastici Spagnoli elaborarono il modello “classico“.

Ma a partire dal 1800 il campo dell’economia è stato cooptato dai governi, a cominciare dalla Prussia. Essi videro l’economia come un utile propagandista che poteva aiutare a prendere il controllo dell’economia e a realizzare fantastici profitti per banchieri, industriali e chiunque altro avesse un buon budget per le lobby.

Gli economisti divennero ciò che Murray Rothbard definì la “guardia del corpo intellettuale” del regime. O, per dirla con James Buchanan, gli economisti diventano “puttane al seguito“.

Questa presa di potere è culminata nella “rivoluzione Keynesiana” degli anni Trenta. Dopo di che l’economia mainstream – università e tutto il resto – è diventata di fatto un’ala del governo.

L’economia austriaca non fa altro che tornare alla concezione classica pre-Keynesiana del funzionamento dell’economia.

Cos’è l’Economia Austriaca

L’economia austriaca deve il suo nome al fatto che alla fine del 1800 il mondo di lingua tedesca dominava il campo dell’economia, così come gran parte della scienza. Ma l’economia operava in modo molto diverso nelle due metà del mondo di lingua tedesca, la Prussia e l’Austria.

Mentre gli economisti prussiani erano finanziati dal governo, la situazione era diversa per i poveri austriaci, che non erano sul loro libro paga. Così passarono le loro giornate a fare quello che gli economisti avevano fatto per secoli: cercare di capire come funzionano le economie. Perché la gente compra, vende, scambia, interagisce, lavora, produce o distrugge.

Questo significava seguire l’evoluzione secolare dell’economia classica. Per questo motivo, mi unisco all’economista Pete Boettke nel considerare gli austriaci come la “vera” economia, quella che lui chiama “mainline“. In contrapposizione alle puttane al seguito nel campo dell’economia “mainstream“.

Prasseologia

Con queste premesse, cosa rende diverso l’approccio austriaco? L’approccio classico o austriaco consiste nell’utilizzare la logica per comprendere il comportamento umano. In Austria questo approccio è chiamato prasseologia, ovvero lo studio dell’azione umana.

Concretamente, la prasseologia utilizza 3 assiomi chiave – un assioma è una cosa ovviamente vera – dai quali si può dedurre logicamente tutta l’economia:

1. L’azione ha uno scopo:

Questo significa che le persone non sono palle da biliardo, ma fanno le cose per un motivo. Vale a dire, perché credono che migliorerà la loro vita, dando un profitto personale.

2. Gli esseri umani sono diversi:

Questo significa che le persone hanno capacità diverse e vogliono cose diverse. Ciò significa che è redditizio per le persone commerciare e interagire.

3. Il tempo libero è un bene:

Questo significa che le persone si impegnano a lavorare solo se è redditizio. Quindi, ad esempio, non esiste un lavoratore “oppresso” a meno che non sia stata usata la violenza.

Incredibilmente, questi 3 assiomi possono letteralmente spiegare la totalità dell’economia, senza bisogno di decine di libri di calcolo.

Inoltre, gli assiomi implicano che il modo per massimizzare la felicità delle persone è la libertà: che il governo non faccia assolutamente nulla oltre a proteggerle.

Dopo tutto, se l’azione si basa su ciò che l’attore pensa possa migliorare la sua vita, non c’è alcun ruolo per il governo al di là della protezione della sua capacità di scegliere liberamente. Nel frattempo, se le differenze umane motivano lo scambio e l’interazione, anche in questo caso il governo non ha alcun ruolo da svolgere se non quello di non intromettersi.

Rispetto al mainstream, che ignora la teoria a favore dei dati, il mantra è “lasciar parlare i dati“. Questo trasforma l’economia in nient’altro che una statistica: un flusso infinito di correlazioni. In teoria, lasciar parlare i dati sembra neutrale e scientifico. Come l’uso dei dati in fisica.

Ma questo ci riporta alle tangenti governative. Dopo tutto, chi raccoglie i dati e chi esegue le analisi statistiche?. I governi costituiscono la quasi totalità delle entrate delle università tra borse di studio, stanziamenti e prestiti agevolati agli studenti. Anzi, costituiscono la stragrande maggioranza delle entrate anche degli analisti non universitari, delle organizzazioni non profit che operano essenzialmente come ali del governo.

Questo significa che i dati non parlano. Perché i dati sono comprati.

Il risultato finale è che, nell’economia mainstream, ogni intervento governativo, ogni pianificatore centrale, è solo una questione di dati. Si fa una simulazione, si vede se i risultati sono positivi – se l’intervento migliora il mondo. Inevitabilmente ogni intervento governativo migliora il mondo, almeno sulla carta, visto chi paga l’analista.

Il risultato finale è che ogni programma governativo funziona perfettamente in teoria. E ogni intervento governativo fallisce miseramente nella pratica. Perché dai programmi di welfare alla politica industriale, dalla regolamentazione burocratica alla stessa Federal Reserve, i dati hanno detto quello che sono stati pagati per dire.

Ma notate l’importante implicazione per la politica governativa. Se tutti traggono profitto da ogni transazione (assioma dell’azione, assioma del tempo libero) e se ogni individuo è in grado di trovare le transazioni migliori (preferenze soggettive, assioma della differenza), significa che non c’è assolutamente alcun ruolo per il governo al di là della protezione della nostra capacità di scelta. Il governo è, nella migliore delle ipotesi, d’intralcio: Paghiamo il governo per distruggerci.

Implicazioni ideologiche dell’Economia Austriaca

L’intuizione chiave degli Austriaci, secondo cui l’intervento del governo è dannoso, può essere applicata praticamente a tutte le questioni economiche. In effetti, l’economista Murray Rothbard ha fatto proprio questo nel suo libro del 1995 Making Economic Sense, che illustra 117 fallacie comuni e che, a distanza di 30 anni, si legge ancora come se fosse stato scritto la settimana scorsa.

In termini di ideologia, a differenza dell’economia Keynesiana, in cui il governo ha sempre ragione – o anche dell’economia di Chicago, in cui le grandi imprese hanno sempre ragione – l’economia austriaca tende a implicare una visione del mondo libertaria. Una visione in cui il governo si toglie completamente di mezzo. Svolge al massimo un ruolo utile affinché gli individui possano cercare la propria felicità.

Non è che il libertarismo sia necessario per l’economia austriaca. È che una volta accettato che l’individuo sa cosa è meglio per lui, implica che nessun pianificatore centrale può gestire la tua vita meglio di te. Non importa quanti dottorati abbiano.

Implica che il modo migliore per aiutare le persone, il modo migliore per costruire una società, è la libertà.

Così, proprio come studiare fisica fa credere nella gravità, studiare economia austriaca fa credere nella libertà.

Conclusione

Concludo con una citazione di John Stuart Mill: “Il vero vantaggio che ha la verità è che può essere estinta una, due o molte volte, ma nel corso delle epoche si troveranno generalmente persone che la riscopriranno, finché la sua ricomparsa cade in un momento in cui, grazie a circostanze favorevoli, sfugge alla persecuzione fino a quando non si è fatta una testa tale da resistere a tutti i successivi tentativi di sopprimerla“.

L’economia austriaca, come la libertà stessa, sarà sempre svantaggiata perché non piace ai governi. Eppure il popolo vuole sempre la libertà, a volte con grande passione. E il popolo vuole sempre che la prosperità sia consegnata in modo che loro e i loro figli possano perseguire i loro sogni e diffondere la giustizia nel mondo.

Proteggere la libertà è una battaglia senza fine, ma per me è la battaglia più sublime che si possa intraprendere.

Risorse

Finalmente alcune buone risorse. Il mio preferito per iniziare è Rothbard.

Il libro che ho citato prima, Making Economic Sense, è un ottimo inizio. Oppure, se siete interessati al demone noto come Federal Reserve, iniziate con What has Government Done to our Money (Cosa ha fatto il governo al nostro denaro).

E se volete approfondire la teoria e la storia, date un’occhiata a Man, Economy and State di Rothbard o alla sua magistrale History of Economic Thought.

Rothbard è generalmente incentrato sull’oro – il Bitcoin non esisteva ancora. Ma se siete interessati al Bitcoin, il miglior economista austriaco è Saifedean Ammous.

Date un’occhiata ai suoi libri Bitcoin Standard, Fiat Standard e Principles of Economics.

dal blog di Peter St. Onge

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution