Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

“Alcuni lotti dei vaccini Pfizer dati all’UE erano placebo”. Lo affermano gli scienziati.

Schermata 2023-07-02 alle 13.50.25
439 Visualizzazioni |

Gli scienziati tedeschi hanno scoperto prove incredibili che dimostrano come una parte importante dei lotti del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 distribuito nell’Unione europea era in realtà placebo, e che l’autorità di regolamentazione tedesca lo sapevano ma non li ha mai sottoposti a test di controllo.

Scritto da Robert Kogon tramite DailySceptic.org,

Gli scienziati, il dottor Gerald Dyker, professore di chimica organica all’Università della Ruhr di Bochum, e il dottor Jörg Matysik, professore di chimica analitica all’Università di Lipsia, fanno parte di un gruppo di cinque scienziati di lingua tedesca che hanno sollevato pubblicamente dubbi, nell’ultimo anno e mezzo, sulla qualità e la sicurezza del vaccino BioNTech.

Recentemente sono apparsi nel programma online Punkt.Preradovic della giornalista tedesca Milena Preradovic per discutere della variabilità dei lotti. Il loro punto di partenza è stato il recente studio danese che mostra un’enorme quantità di eventi avversi associati a diversi lotti del vaccino Pfizer-BioNTech, o BNT162b2 secondo il suo nome in codice scientifico. La figura sottostante, ripresa  dallo studio danese,  illustra questa variazione.

Si evince che i lotti utilizzati in Danimarca, rappresentati dai punti nel grafico, si suddividono essenzialmente in tre gruppi.

I “lotti verdi” raggruppati attorno alla linea verde hanno un livello moderato o moderatamente alto di eventi avversi associati ai vaccini. Nella discussione con Preradovic, Gerald Dyker fa l’esempio del punto verde più a destra.

Come spiega, rappresenta il lotto più utilizzato in Danimarca, con poco più di 800.000 dosi somministrate. Queste 800.000 dosi sono associate a circa 2.000 sospetti eventi avversi, il che fornisce un tasso di segnalazione di un sospetto evento avverso ogni circa 400 dosi. Come afferma Dyker, “Non è una piccola quantità se la confrontiamo con ciò che sappiamo dai vaccini antinfluenzali”. Secondo i calcoli di Dyker, i lotti verdi rappresentano oltre il 60% del campione danese.

Ci sono poi i “lotti blu” raggruppati attorno alla linea blu, che sono ovviamente associati a un livello straordinariamente alto di eventi avversi. Come osserva Dyker, in Danimarca non sono state somministrate più di 80.000 dosi dei lotti blu, suggerendo che questi lotti particolarmente cattivi potrebbero forse essere stati ritirati silenziosamente dal mercato dalle autorità sanitarie pubbliche.

Tuttavia, a questi lotti erano associati fino a 8.000 eventi avversi sospetti. Ottomila dosi su 80.000 darebbero un tasso di segnalazione di un sospetto evento avverso ogni 10 dosi – e Dyker osserva che alcuni dei lotti blu sono effettivamente associati a un tasso di segnalazione pari a un sospetto evento avverso ogni sei  dosi  !

Secondo i calcoli di Dyker, i lotti blu rappresentano meno del 5% del numero totale di dosi incluse nello studio danese. Tuttavia, sono associati a quasi il 50% dei 579 decessi registrati nel campione.

Infine, abbiamo i “lotti gialli” raggruppati attorno alla linea gialla, che, come si può vedere sopra, esce a malapena dall’asse x.

Secondo i calcoli di Dyker, i lotti gialli rappresentano circa il 30% del totale.

Dyker osserva che includono lotti comprendenti circa 200.000 dosi somministrate che sono associate letteralmente a  zero  eventi avversi sospetti.

Come dice Dyker, gli osservatori “malintenzionati” potrebbero subito notare che “questo è il risultato che avrebbero i placebo”.

E gli osservatori malintenzionati potrebbero avere ragione.

Infatti, Dyker e Matysik hanno confrontato i numeri di lotto contenuti nello studio danese con le informazioni pubblicamente disponibili sui lotti approvati per il rilascio, e hanno fatto la sorprendente scoperta che quasi nessuno dei lotti innocui, a differenza dei “lotti molto cattivi e non così cattivi”, sembrano essere stati sottoposti a qualsiasi test di controllo della qualità. All’insaputa della maggior parte degli osservatori, compresa l’agenzia di regolamentazione tedesca, il Paul Ehrlich Institute (PEI) che è, in linea di principio, responsabile del controllo di qualità di tutta la fornitura di vaccini Pfizer-BioNTech nell’UE. (L’istituto prende il nome dall’immunologo tedesco e vincitore del premio Nobel Paul Ehrlich, non ovviamente, dall’omonimo professore di biologia di Stanford.)

Ciò riflette il fatto che l’ effettivo produttore  del vaccino, nonché titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio nell’UE, è la società tedesca BioNTech, non il suo più noto partner americano Pfizer.

Dyker e Matysik hanno scoperto che il PEI (agenzia tedesca di controllo e regolamentazione) aveva testato e approvato per il rilascio tutti  i peggiori lotti “blu”, la stragrande maggioranza dei non così cattivi, lotti “verdi”, ma  quasi nessuno degli innocui lotti “gialli” – come se il PEI sapesse in anticipo che questi lotti non presentavano problemi.

Questo è mostrato nella diapositiva sottostante dalla presentazione di Dyker durante l’intervista a Punkt.Preradovic. Il titolo recita: “Quali lotti dello studio danese sono stati testati e approvati dal Paul Ehrlich Institute per il rilascio?”

Nella colonna PEI di ciascuna delle tabelle, “ja” significa, ovviamente, che il lotto è stato testato, “nein” significa che non lo è stato. Si noti che è stato testato solo il primo lotto nella tabella “gialla”.

La didascalia sotto quella tabella recita: “Il PEI generalmente non considerava necessari i test degli innocui ‘lotti gialli”.

Come ha affermato Dyker, con notevole moderazione, “questo sosterrebbe il sospetto iniziale che forse siano in realtà di fronte a qualcosa di simile ai placebo”.

O, insomma, parafrasando le conclusioni degli scienziati tedeschi sulla variabilità dei lotti Pfizer-BioNTech, sembrerebbe che il buono fosse cattivo, il cattivo fosse pessimo e l’ottimo fosse soluzione salina.

Scritto da Robert Kogon tramite DailySceptic.org

(L’intervista completa di Punkt.Preradovic con Gerald Dyker e Jörg Matysik è disponibile  qui  in tedesco. Una versione completa dell’intervista è disponibile anche sulla pagina web di Punkt.Preradovic.)

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution