Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

“Vogliono sottrarre sempre più poteri agli Stati nazionali e trasferirli a Bruxelles per creare gli Stati Uniti d’Europa sopra le teste dei suoi cittadini”

Schermata 2023-06-28 alle 15.28.09
143 Visualizzazioni |

Le nazioni più piccole temono per la fine della sovranità, mentre l’UE corre per centralizzare i poteri lontano dagli stati nazionali…

Tramite Remix Notizie,

Entro quest’anno Germania e Francia sono determinate a riformare i diritti nazionali, compreso il diritto di veto dell’UE. Il dibattito ha suscitato scalpore negli ultimi mesi e nelle ultime settimane dopo che il provvedimento è stato rimesso in agenda.

Francia e Germania sono convinte che una riforma istituzionale su larga scala dell’Unione europea, inclusa l’abolizione del veto sui  voti del Consiglio europeo , possa essere raggiunta quest’anno, hanno  detto a  Euractiv il ministro francese per gli affari europei Laurence Boone e il ministro di Stato tedesco Anna Lührmann.

“Questa è una delle opzioni che vogliamo esplorare per mantenere la nostra posizione di attore globale con la politica estera e di sicurezza comune dell’UE”, ha affermato Lührmann.

Ha aggiunto che “sarebbe un segnale importante in altri settori politici se dovessimo passare al voto a maggioranza qualificata già quest’anno” ed ha espresso fiducia che ciò accadrà.

I due ministri hanno affermato che entrambi i Paesi ritengono importante abolire il voto all’unanimità nel Consiglio europeo in settori come la politica estera e la fiscalità prima di ulteriori allargamenti dell’Unione europea. Ciò potrebbe significare, ad esempio, che Bruxelles potrebbe attuare un’aliquota fiscale unica in tutta l’UE o addirittura di coinvolgersi più profondamente nella guerra, entrambe mosse che l’Ungheria ha rifiutato e in alcuni casi ha persino utilizzato il suo veto per fermarla.

Parigi e Berlino affermano che l’abolizione del veto è un cambiamento possibile senza modificare i trattati dell’UE, un punto fortemente contestato da una serie di partiti europei, in quanto darebbe non solo un enorme potere a Bruxelles ma anche agli Stati più grandi, come Germania e Francia . Ciò consentirebbe successivamente all’UE di attuare una politica di immigrazione liberale, regole verdi e vari altri obiettivi progressisti senza alcun ostacolo da parte dell’Ungheria e di altre nazioni più piccole e conservatrici.

L’introduzione del voto a maggioranza qualificata eliminerebbe il veto sulle questioni di politica estera, il che significherebbe che solo 15 dei 27 Stati membri — che rappresentano il 65 per cento della popolazione dell’UE — dovrebbero accettare di prendere decisioni di politica estera e di difesa particolarmente importanti che interessano l’UE nel suo insieme.

Laurence Boone ha detto a Euractiv che questo sarebbe “un passo importante verso una maggiore integrazione ed efficienza”.

Tuttavia, la natura di un tale sistema favorirebbe i paesi con una popolazione più numerosa, come la Francia o la Germania, mentre gli stati più piccoli, come l’Ungheria, perderebbero l’opportunità di avere voce in capitolo nel processo decisionale dell’UE.

Abolire il principio dell’unanimità – nei settori in cui esiste ancora – per i voti al Consiglio europeo equivarrebbe a togliere la sovranità alla Polonia e agli altri Stati minori. Ryszard Legutko, un membro del Parlamento europeo del partito Diritto e giustizia (PiS) al governo in Polonia, ne aveva già parlato. Tuttavia, anche il presidente polacco Andrzej Duda è stato un aspro critico della proposta. Ha affermato che “sarebbe sbagliato per qualsiasi Stato membro ricattare gli altri, compresi i paesi candidati all’adesione all’UE, bloccando l’ulteriore allargamento della comunità se le sue richieste egemoniche non vengono soddisfatte”.

Il presidente polacco ha osservato che il principio fondante dell’UE è la fratellanza e la cooperazione per garantire la pace e lo sviluppo economico. Perché ciò sia possibile, Duda ha affermato: “Tutti i paesi devono avere voce in capitolo sulle questioni chiave che riguardano lo sviluppo della Comunità in modo che sentano che esiste giustizia all’interno della Comunità e che nessun paese imponga la propria volontà a spese degli altri utilizzando mezzi istituzionali”.

Herbert Kickl, presidente del Partito della libertà austriaco (FPÖ),  attualmente il partito più popolare in Austria , ritiene che l’obiettivo di Bruxelles sia quello di creare un superstato centralista in cui gli Stati membri perdano sempre più importanza e autodeterminazione

“Vogliono sottrarre sempre più poteri agli Stati nazionali e trasferirli a Bruxelles per creare gli Stati Uniti d’Europa sopra le teste dei suoi cittadini”, ha affermato Kickl.

Tramite Remix Notizie,

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution