Consulente economico fiscale

Seguimi su:

Saldo e stralcio con banche ed Agenzia delle Entrate, come funziona?

A prescindere dalle fasi storiche nelle quali si trova un paese può capitare, ai suoi cittadini e aziende, di avere debiti insostenibili con banche o con l’Agenzia delle Entrate, il saldo e stralcio ti permette di liberarti da essi, in questo articolo scopriamo come. 

La situazione di dissesto economico di aziende e cittadini si accentua maggiormente nei periodi di crisi economica. 

Ti basta poco per trovarti in difficoltà e non riuscire a pagare una rata di un finanziamento, un mutuo oppure delle tasse. 

In questo articolo vediamo quindi che cos’è un saldo e stralcio. 

Ti faccio un esempio: ipotizziamo che tu abbia un finanziamento o un mutuo.

Hai sempre pagato regolarmente le rate, ma ora ti trovi in difficoltà e non riesci più a far fronte alle rate. 

Nonostante questa situazione hai dalla tua un salvagente che può aiutarti a non affogare nei debiti, questa soluzione si chiama saldo e stralcio.

Che cos’è un saldo e stralcio?

È una procedura che ti permette di trovare un accordo con il creditore, nel nostro esempio la banca, in passato è stato possibile fare questa procedura anche nei confronti dello stato.

Con il saldo e stralcio  trovi un accordo pagando meno dell’importo effettivo che avresti dovuto versare. 

Se ad esempio hai un debito residuo che è di 50.000 € e riesci a trovare un accordo per 15.000 € il tuo debito nei confronti del creditore sarà di 15.000 € 

La procedura con la quale ti accordi per ridurre il debito da 50.000 € a 15.000 € il chiamata proprio saldo e stralcio. 

Devi sapere che questa procedura conviene a tutti, sia al creditore che al debitore. 

  • Il debitore paga meno rispetto al debito originario e estingue tutto il debito. 
  • Il creditore incassa una parte certa in tempi brevi invece di rischiare lunghe cause nelle quali è probabile che prenda molti meno soldi. 

In altre parole, pochi maledetti e subito!

Se hai debiti con l’Agenzia delle Entrate, banche o altri istituti finanziari e vuoi liberarti dai debiti, clicca qui e prenota ora una consulenza con un professionista specializzato nella procedura di saldo e stralcio.

La procedura di saldo e stralcio richiede tempo e trattative affinché possa essere portata avanti, tale procedura è anche un modo per guadagnare tempo. 

Il debito può essere chiuso con il pagamento del 50% del debito, o con poco più o poco meno a seconda della tua situazione personale o aziendale.

Va da sé che se il debitore è un nullatenente, non ha nulla da perdere e quindi il saldo e stralcio può essere molto molto basso. 

Diversamente se si ha uno stipendio oppure una partita iva o una società lo stralcio può essere fatto ma il valore al quale potrà essere chiusa la trattativa varierà in base ai ricavi e alle garanzie in gioco. 

Il saldo e stralcio può essere fatto anche con l’Agenzia delle Entrate. In questo specifico caso però la misura del saldo e stralcio è stabilita direttamente dalla legge. 

In pratica, non puoi fare tu una trattativa con l’Agenzia delle Entrate. 

Per prenotare ora una consulenza con un professionista specializzato in procedure di saldo e stralcio clicca qui.

Qualche anno fa, ad esempio, la legge ha introdotto il saldo e stralcio delle cartelle, ossia una riduzione delle somme dovute al fisco per i contribuenti in grave e comprovata difficoltà economica e solo per debiti riguardanti un preciso arco temporale.

La procedura era possibile nel caso di ISEE riferito al proprio nucleo familiare non superiore a 20.000 €. Rispettando queste condizioni ti basta pagare il 15/20% del debito per poterlo considerare estinto. 

Per attuare questo saldo e stralcio bisogna però attendere che ci siano queste aperture, oppure attivare la legge sul sovraindebitamento che ti spiegherò in un altro articolo.

Con questa legge si possono arrivare a stralciare i debiti con banche e Agenzia delle Entrate.

Infine, ma non per importanza voglio parlarti del saldo e stralcio immobiliare.

Cos’è lo stralcio immobiliare?

Si definisce “saldo e stralcio immobiliare” la procedura che consente al debitore di liberarsi di un debito scongiurando il pignoramento del proprio immobile. In pratica, il saldo e stralcio immobiliare consente di pagare per evitare l’esecuzione forzata sulla propria abitazione (o su altro bene immobile).

Facciamo un esempio, Paolo ha stipulato un mutuo ipotecario ventennale. 

Dopo un po’ di tempo, a causa del suo licenziamento, non riesce più a pagare le rate. 

La banca attiva quindi la procedura per tornare in possesso del prestito. 

Paolo può difendersi per bloccare il processo esecutivo accordandosi per pagare una somma inferiore a quella dovuta in origine. In questo modo, fa salvo il suo immobile.

Ovviamente tale somma può essere versata anche da un terzo secondo accordi…

Va precisato che la banca non è obbligata ad accettare la proposta di pagamento di saldo e stralcio, trattandosi pur sempre di una soluzione transattiva che necessita dell’accordo di tutte le parti coinvolte.

Affinché però una proposta di pagamento a saldo e stralcio immobiliare possa essere realmente presa in considerazione dalla banca, è consigliabile offrire una somma non inferiore al 50 – 60% del debito iniziale;

Per cancellare definitivamente il tuo debito immobiliare clicca qui e prenota subito una consulenza con un professionista specializzato in saldo e stralcio immobiliare.

condividi articolo

Lascia un commento

Leggi anche

Categorie articoli

Cerca articoli

Accedi al nuovo servizio esclusivo

"ad alta frequenza"

in contatto diretto con me

Accedi alla collezione completa di video

Download omaggio

  • Impara a tutelare i tuoi Immobili e Denaro tramite la Holding e il Trust: metti al sicuro la tua Famiglia e la tua Impresa
  • Ricevi 50 Strategie (testate!) per pagare meno tasse in modo del tutto legale