Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Lo statalismo è la causa della guerra tra Israele e Hamas

Screenshot 2023-10-30 alle 21.22.20
1.712 Visualizzazioni |

Lo Stato è il racket della criminalità organizzata. Si appropria della ricchezza attraverso la coercizione e usa regolarmente la forza in violazione del principio di n0n-aggressione. Lo Stato è un parassita che si perpetua a tutti i costi e si estende con ogni mezzo possibile. Indipendentemente dai suoi presunti leader, lo Stato cresce e accresce il suo potere a spese dei suoi ospiti e di altri che cadono vittime delle sue predazioni.

di Michael Rectenwald su Mises Istitute

Come scrisse acutamente Hans-Hermann Hoppe, gli Stati sono “bande di assassini, saccheggiatori e ladri, circondati da carnefici volenterosi, propagandisti, adulatori, truffatori, bugiardi, pagliacci, ciarlatani, creduloni e utili idioti – [lo Stato è] un’istituzione che sporca e contamina tutto ciò che tocca.

Una delle occupazioni luride dello Stato è la guerra. Quando intraprende una guerra, lo Stato utilizza la ricchezza e il capitale umano espropriati per difendere il proprio territorio o estendere la propria portata e influenza. Eliminando la nebbia dei preconcetti statalisti riguardo alla guerra, Hoppe spiega che la guerra è una guerra tra bande:

Le guerre tra bande, quindi, che tipicamente coinvolgono alcune questioni territoriali, sono sempre guerre condotte da capibanda rivali con denaro, macchine e manodopera altrui (basti pensare alla tassazione e alla coscrizione obbligatoria!).

Secondo Hoppe, da questo riconoscimento consegue che la posizione corretta dei libertari antistatalisti nei confronti della guerra è la neutralità. Dobbiamo cioè opporci equamente a tutti gli Stati che sono parte della guerra.

Questa comprensione costituisce la base di qualsiasi trattamento libertario utile del conflitto militare, sia tra Russia e Ucraina (e Stati Uniti e NATO) o la prospettiva di una guerra tra Cina e Taiwan (e Stati Uniti).

Tuttavia, dato che la guerra tra Israele e Hamas rappresenta una guerra tra uno Stato e una banda militare non statale, dobbiamo considerare se sussistono differenze significative.

Ma prima dobbiamo riconoscere che, in quanto sindacati della criminalità organizzata, gli Stati non hanno alcuna legittima pretesa sul territorio. Questo non è meno per Israele ne altrove. Gli Stati acquisiscono territori attraverso il saccheggio, la confisca e la tassazione coercitiva utilizzata per espandere e mantenere la cosiddetta proprietà statale. Ma gli Stati non possono possedere legittimamente la proprietà; tutti i beni dello Stato sono beni rubati.

Allo stesso modo, qualsiasi pretesa collettivista di sbarcare in quella che in precedenza era chiamata Palestina è a prima vista illegittima. Lo stesso valeva per le precedenti rivendicazioni britanniche sulla regione. Contrariamente all’idea diffusa secondo cui gli Stati hanno diritti naturali, singole porzioni di proprietà possono essere possedute solo da individui e gruppi, ma intere regioni non possono essere legittimamente rivendicate dagli Stati.

Nel caso della guerra tra Israele e Hamas non si tratta di un conflitto tra due Stati in quanto tali. Piuttosto, il conflitto rappresenta una “guerra” tra uno Stato e una regione non statale. Inoltre, la regione non statale è presumibilmente governata da un gruppo militante contrario allo Stato. Ma è una regione su cui lo Stato esercita un controllo considerevole, compreso il controllo sull’ingresso e sull’uscita della popolazione, e persino sul suo accesso al cibo, all’acqua e ad altri beni e servizi essenziali.

La domanda è, allora, qual è la corretta posizione libertaria in un caso come questo? Hamas deve essere considerato un partner alla pari in guerra, una banda di Stato rivale alla pari di uno Stato avversario, richiedendo così la nostra neutralità rispetto al conflitto? Dopotutto, ci viene detto che Hamas è un rappresentante di altri Stati, in particolare dell’Iran. Hamas ha anche ricevuto sostegno finanziario dal Qatar.

Oppure si dovrebbe considerare Hamas come una milizia dissidente che risiede essenzialmente nell’ambito dello Stato e che effettua attacchi di ritorsione contro lo Stato e i suoi cittadini? Sebbene Hamas abbia violato i diritti degli altri (nd. violando il diritto di non aggressione), Hamas sarebbe semplicemente un nemico dello Stato?

Questa visione è complicata dalla questione relativa al se i palestinesi abbiano mai volutamente cercato un proprio stato. Senza giudicare la storia della regione post-ottocentesca, è sufficiente dire che la prospettiva di uno Stato ha essenzialmente trasformato la causa palestinese in un progetto statalista.

Anche se una “soluzione a due Stati” è probabilmente impossibile dopo l’attacco senza precedenti contro Israele da parte di Hamas il 7 ottobre 2023 e la risposta feroce ed estremamente sproporzionata di Israele, in primo luogo non è mai stata il mezzo per una pace duratura. Lo statalismo è la causa del conflitto e non la soluzione.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution