Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

La Primavera per Hitler

Screenshot 2023-09-30 alle 17.35.42
2.483 Visualizzazioni |

direi un grande articolo scritto da David Sacks tramite American Greatness.

Buona lettura!

I sostenitori occidentali della guerra in Ucraina hanno cercato di negare la complicata relazione tra nazionalismo ucraino e  gruppi neonazisti , definendo qualsiasi discussione sul passato o sul presente nazista in Ucraina un “punto di discussione di Putin”. Ma la verità può essere nascosta solo per un certo periodo, e recentemente è emersa in quella che avrebbe dovuto essere una sonnolenta sessione del Parlamento canadese.

Nel bel mezzo della presentazione del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per l’ennesimo discorso alla Camera dei Comuni, il presidente Anthony Rota  ha riconosciuto  il 98enne Yaroslav Hunka come un eroe di guerra ucraino per aver combattuto l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale,  apparentemente ignaro  che Hunka si offrì volontario per la divisione Waffen-SS Galizia, un’unità militare nazista nota per orribili crimini di guerra.

Un’intera stanza piena di parlamentari, insieme al primo ministro canadese Justin Trudeau e Zelenskyj, si è alzata in una standing ovation per Hunka. Rota si è scusato con effusione per il suo errore, ma lo spettacolo imbarazzante rivela alcuni dei difetti nella visione occidentale di questa guerra.

L’imperativo della segnalazione della virtù

In primo luogo, l’incidente mostra come l’ imperativo di virtù nel sostenere il Progetto Ucraina prevalga su tutti gli altri valori e considerazioni.

La logica funziona al contrario:

l’Ucraina è buona, quindi il nazionalismo ucraino è buono. Se qualcuno è nazionalista ucraino, allora è bravo. Fatti scomodi come il servizio di Junka nelle Waffen-SS o addirittura il fatto che il padre del nazionalismo ucraino, Stepan Bandera, fosse un collaboratore nazista, sono semplici dettagli storici da spazzare via o cancellare, come fanno talvolta i media occidentali con le foto ucraine di soldati che mostravano simboli nazisti sulle loro uniformi.

Eliminando tutto il contesto storico e la complessità dell’attuale conflitto si crea un binario semplicistico: bisogna sostenere il nazionalismo ucraino o la brutale conquista dell’invasore. Poiché questo quadro viene rafforzato più e più volte dai media mainstream e dai partigiani online, qualsiasi sforzo per cercare un maggiore livello di comprensione diventa sospetto. Hai domande più profonde sulle cause della guerra o sui potenziali percorsi verso la pace? Devi essere “filo-russo”. Per la maggior parte dei liberali, e certamente dei politici canadesi, è più sicuro indulgere in segnali di virtù storicamente ignoranti piuttosto che rischiare di essere definiti apologeti di Putin – anche se ciò si traduce in occasionali momenti di umiliazione derivanti dal tifo per un nazista.

Naturalmente, la realtà è più complicata del semplicistico binario. La maggior parte dei nazionalisti ucraini non sono nazisti. Ma la presenza dell’ideologia  nazista in Ucraina  è ben documentata, e i più ardenti gruppi ultranazionalisti in Ucraina mantengono l’ideologia razziale del loro patriarca Bandera. Questo è il motivo per cui le insegne naziste compaiono spesso sulle  uniformi ucraine . Questo è il motivo per cui i nazionalisti bianchi  accorsero  da tutta Europa per combattere a fianco dell’Ucraina all’inizio della guerra. Questo è il motivo per cui alcune strade in Ucraina prendono  il nome dai nazisti ucraini  che hanno partecipato a crimini di guerra.  Questo è il motivo per cui da tempo i gruppi di controllo sono  preoccupati per l’aumento dei gruppi che incitano all’odio in Ucraina.

Il ruolo degli ultranazionalisti

Nonostante tutto ciò, abbiamo chiuso gli occhi, tappato le orecchie ed etichettato il “problema nazista” dell’Ucraina come un argomento di discussione di Putin. Ciò rivela un secondo e più inquietante difetto nel pensiero della politica estera statunitense: abbiamo fatto causa comune con gli ultranazionalisti. Qualsiasi politica estera sensata degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina (assumendo che vedessimo la necessità di essere coinvolti) avrebbe cercato di tenere a bada queste persone. Invece li abbiamo coltivati.

Hanno partecipato al colpo di stato di Maidan nel 2014, sostenuto dagli Stati Uniti, e una volta scoppiata la guerra civile in reazione al colpo di stato, gruppi di estrema destra come il famigerato Battaglione Azov hanno iniziato a uccidere i separatisti nel Donbas, con un bilancio di migliaia  di vittime. Invece di sopprimere questi sforzi, il governo di Kiev ha incorporato queste milizie nella struttura di comando militare per continuare il loro lavoro.

Gli Stati Uniti avrebbero potuto sostenere gli accordi di Minsk tra il 2015 e il 2021 per risolvere pacificamente il conflitto, ma i nostri politici sono stati sedotti dall’idea che il fervore nazionalista in Ucraina avrebbe servito i nostri interessi. Uno studio della Rand Corporation ha mostrato come l’Ucraina potrebbe essere utilizzata come  intermediario per destabilizzare  la Russia. La Grande Scacchiera di Zbigniew Brzezinski  spiegava che l’Ucraina era uno Stato cerniera; se potesse essere portata nell’orbita dell’Occidente, la Russia non sarebbe più una grande potenza. Abbiamo quindi razionalizzato l’allineamento con gruppi che non scenderebbero mai a compromessi con la Russia e  abbiamo chiuso un occhio  sulle loro preoccupanti politiche.

Un tragico rifiuto di negoziare

Come Zelenskyj ha costantemente ribadito, la posizione ucraina resta quella secondo cui ogni centimetro quadrato di territorio (inclusa la Crimea) deve essere restituito all’Ucraina, altrimenti non ci sarà pace. Ma Mosca non sarà mai d’accordo, soprattutto quando sta vincendo una guerra di logoramento. Ora che la controffensiva non è riuscita a riprendersi una quantità significativa di territorio, non esiste un piano fattibile per sfrattare la Russia dal territorio ucraino. L’intransigenza di Zelenskyj e dei suoi sostenitori nel rifiutarsi di negoziare non serve gli interessi a lungo termine dell’Ucraina, che attualmente viene distrutta, ma è coerente con l’agenda degli ultranazionalisti.

La tragedia è che nel 2019 Zelenskyj è stato eletto su una piattaforma di pace: avrebbe dovuto fare la pace con la Russia sotto gli auspici di Minsk II. Ma i gruppi di estrema destra lo hanno minacciato di violenza se lo avesse fatto, e lui ha fatto marcia indietro. Nel 2021 aveva cambiato rotta e sosteneva le risoluzioni per riprendersi la Crimea e aumentare i bombardamenti del Donbass. Con un ardente sostenitore dell’Ucraina (Biden) alla Casa Bianca e un nuovo accordo strategico da parte degli Stati Uniti che promette armi, aiuti economici e futura adesione alla NATO, Zelenskyj è stato incoraggiato a perseguire una politica intransigente invece della piattaforma di pace su cui è stato eletto. Con l’estrema destra degli Stati Uniti e dell’Ucraina allineata a favore di questa posizione, resistere deve essere sembrato un suicidio.

Una migliore politica americana

Una politica statunitense di gran lunga migliore sarebbe stata quella di riconoscere il diritto all’autodeterminazione per tutto il popolo ucraino. Ma ciò avrebbe significato riconoscere la perdita della Crimea (che è in gran parte russa) e garantire l’autonomia regionale al Donbas, come l’Ucraina ha accettato di fare a Minsk II. Facendo ciò, e togliendo dal tavolo l’adesione alla NATO, si sarebbe raggiunta la pace e si sarebbe lasciata intatta l’Ucraina. Ma la pace non era l’obiettivo degli strateghi del Dipartimento di Stato, che volevano indebolire la Russia e vedevano l’Ucraina come una pedina sulla loro Grande Scacchiera.

Fare una standing ovation a un ex soldato nazista è una macchia morale, ma sacrificare l’Ucraina in un gioco geopolitico fingendo di esserne il salvatore è molto più grande.

direi un grande articolo scritto da David Sacks tramite American Greatness.

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution