Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Il colpo di stato in Niger potrebbe portare problemi energetici in Europa.

AFP_33Q474C-002-kJ1B-U3430715116294hAC-656x492@Corriere-Web-Sezioni
2.756 Visualizzazioni |

Articolo di James Durso per Oilprice.com

Quasi vent’anni dopo che l’ambasciatore Joseph Wilson scrisse il suo editoriale “Quello che non ho trovato in Africa” ​​a seguito della sua, visita in Niger  per confermare se il paese stesse fornendo a Saddam Hussein l’uranio, gli Stati Uniti si ritrovarono di nuovo nelle questioni belliche di un paese africano.

Strano eh, lo zio Sam è sempre così pacifico…

Il 26 luglio, il presidente del Niger, Mohamed Bazoum, è stato estromesso dalla guardia presidenziale, e il comandante della stessa e leader del golpe, il generale Abdourahmane Tchiani, è stato nominato presidente del Consiglio nazionale  per la salvaguardia della patria . 

Si tratta del settimo colpo di stato nella regione dal 2020, escluso un precedente tentativo in Niger nel 2021, represso dalla stessa guardia presidenziale.

Il colpo di stato è stato condannato da molti stati, tra cui: Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Nazioni Unite, Unione Europea, Unione Africana, numerosi governi africani e ECOWAS (la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale).

La scadenza dell’ECOWAS per reintegrare il presidente Bazoum è stata ignorata dai generali e i nuovi leader del Niger hanno chiuso lo spazio aereo del paese accusando le potenze straniere di prepararsi ad attaccare.

I leader dell’ECOWAS si incontreranno in Nigeria giovedì per discutere i successivi passi. La scorsa settimana, i capi militari dell’ECOWAS hanno preparato un piano per reintegrare il presidente Bazoum, che è stato anche discusso nella riunione di giovedì.

Tuttavia, il Senato nigeriano ha  respinto l’intervento militare  in Niger e senza la Nigeria, che ha un confine di 1.600 chilometri e il più grande esercito della regione, non accadrà nulla.

La scorsa settimana, il  vice capo del governo militare ha visitato il Mali  per richiedere il “rapido dispiegamento delle forze Wagner in [Niger]” per aiutare il regime militare. Il governo militare di Niamey ha ricevuto impegni di sostegno dai vicini  Burkina Faso, Mali e Guinea.

L’Algeria  ha condannato il colpo di stato e  la Libia  ha affermato che l’acquisizione era “inaccettabile“. La scorsa settimana il capo di stato maggiore dell’esercito algerino  ha visitato Mosca  per un incontro con il ministro della difesa russo Sergey Shoigu e la questione Nigeriana è stata sicuramente oggetto di tale incontro.

Secondo la BBC, il gruppo Wagner  è sceso in campo in Libia  nel 2019, sostenendo il generale Khalifa Haftar. La Libia si concentrerà, prima di tutto, nell’evitare un’altra ondata di rifugiati.

Se la Wagner dovesse riuscire a ristabilire la sua rete di rapporti in Libia, la Russia potrebbe avere una rotta terrestre sicura e un corridoio aereo per il Niger.

Se l’Algeria e la Libia consentissero il trasbordo di materiale in Niger, possibilmente per ristabilire l’ordine e prevenire un altro esodo di profughi verso l’Europa, il governo golpista otterrebbe notevoli soccorsi e l’accesso alle rotte marittime. 

La preoccupazione dei media si è concentrata sul fatto che il Niger è un fornitore chiave di uranio per la Francia, nonostante questa acquisti anche uranio dal Kazakistan.

La società francese che gestisce una  miniera di uranio  in Niger, ha riferito che le sue operazioni non sono state ostacolate o messe in pericolo.

Sebbene l’uranio attiri una maggiore copertura mediatica, la più grande fonte di esportazioni del Niger è l’oro, che ha rappresentato oltre il 70% delle esportazioni nel 2021. 

È stato fermato anche il gasdotto trans-sahariano (TSGP) da 13 miliardi di dollari e 5.600 chilometri, che avrebbe dovuto fornire 30 miliardi di metri cubi (bcm) di gas naturale all’Europa. 

Il gasdotto si svilupperebbe da Warri, in Nigeria, passando per il Niger, fino all’hub del gas di Hassan R’Mel in Algeria, dove si collegherebbe ai gasdotti esistenti verso l’Europa.

Il gasdotto è uno progetto congiunto di Algeria, Nigeria e Niger e nel luglio 2022 i paesi hanno firmato un memorandum d’intesa per l’attuazione del gasdotto.

Il ritardo del progetto arriva in un brutto momento per l’Europa che ha recentemente perso gas dai gasdotti Nord Stream a causa di un sabotaggio e dal gasdotto East Med dopo che il governo degli Stati Uniti l’ha ucciso sollevando obiezioni ambientali. I due gasdotti avrebbero dovuto fornire 120 bcm di gas all’anno.

Insomma, per l’europa si mette male… ma tranquilli, lo zio Sam è dalla nostra parte e ci salverà, o forse ci prosciugherà vendendoci il suo gas al triplo del prezzo a cui l’avremmo pagato… e infatti…

Dopo la perdita del Nord Stream, l’Europa è stata costretta a  importare gas naturale liquefatto  (GNL) dagli Stati Uniti a un prezzo più alto di quello che pagava ai russi.

La presenza delle truppe Wagner in Niger è un elemento sufficiente a fermare l’oleodotto e la situazione rimarrà tale a meno che qualcuno non intervenga.

In questo contesto potrebbe intervenire la Cina per esempio, che è tipicamente avversa al rischio e che ha una lunga storia in Africa.

L’invio del gas a nord consentirà a Pechino di approfondire le relazioni con Marocco, Algeria e Libia.

Quest’ultima ha accettato di coordinare i  suoi  piani di sviluppo nazionale con la Belt and Road Initiative di Pechino attraverso il  piano quinquennale  per la China Arab Comprehensive Cooperazione strategica (2022-2026) in riconoscimento del coinvolgimento economico a lungo termine della Cina  in Libia.

La Cina sta ora sviluppando il porto centrale di El Hamdania in Algeria, il più grande porto in acque Algerine.

La Cina ha anche contribuito a completare l’ autostrada est-ovest di 750 miglia che collega l’Algeria al Marocco e alla Tunisia.

Insomma, mentre Stati Uniti e Russia litigano e arrecano danni all’Europa, la Cina fa affari e stringe rapporti indisturbata in Africa.

Secondo il  Servizio di ricerca del Congresso degli Stati Uniti, “l’Algeria ha rispettivamente l’undicesima e la sedicesima riserva mondiale accertata di gas naturale e petrolio, ed è stata il decimo produttore di gas naturale nel 2019… mica fessi sti cinesi eh!

Si stima inoltre che l’Algeria abbia la 3a più grande riserva di gas di scisto recuperabile. Gli algerini  esportano inoltre l’85%  del loro gas in Europa.

L’Algeria infine, ha la quarta economia più grande dell’Africa con un  PIL nel 2021  di $ 167,98 miliardi.

Il reddito da petrolio e gas  è aumentato del 70%  nella prima metà del 2022 e si prevede che il reddito energetico raggiungerà  i 50 miliardi di dollari  entro la fine dell’anno.

La Banca mondiale ha riferito che  l’economia algerina  “si è espansa del 3,9% su base annua durante i primi nove mesi del 2021, dopo essersi contratta del 5,5% nel 2020“, ciò in gran parte a causa dell’aumento della domanda di gas europea.

Gli idrocarburi rappresentano il 95% dei proventi delle esportazioni e circa il 40% delle entrate del governo. 

Se la Cina non prende il gas ma accetta di consegnarlo all’Europa, aumenterà la sua influenza nel continente, proprio come hanno fatto gli Stati Uniti aumentando le consegne di GNL dopo aver interrotto i gasdotti Nord Stream ed EastMed.

In altre parole, l’europa è il continente su cui tutti hanno gli occhi! Siamo la ragazza più ambita del ballo… wow che emozione!!

L’Unione europea cerca  un “partner strategico a lungo termine” per il gas naturale e l’elettricità. In tal senso,  la Francia sta cercando di riparare le relazioni attraverso la cooperazione economica, anche se la Cina è ora il principale partner commerciale dell’Algeria.

Se l’Europa si aspetta più energia dall’Algeria o da chiunque altro in Africa è molto probabile che dovrà pagare per finanziare l’espansione della produzione, o partecipare al TSGP, anche se ciò potrebbe essere in contrasto con i piani di Washington.

Questa operazione infatti intaccherebbe le redditizie vendite di gas naturale liquefatto degli Stati  Uniti  in Europa…

La Francia potrebbe trovarsi quindi costretta a dover scendere a compromessi o a rivestire un ruolo minoritario nel rapporto di cooperazione con la Cina.

Articolo di James Durso per Oilprice.com

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution