Cerca
Close this search box.
Categorie
Cerca
Close this search box.

Categorie

e/o

cerca per intervallo di date
cerca per intervallo di date

Condividi su >

Bitcoin e Linux uniti da un destino comune

linus-torvalds-fuck-you

“Mauro, CHIUDI QUELLA CAZZO! È un bug, certo, nel kernel. Da quanto tempo sei manutentore? E tu *ancora* non hai imparato la prima regola della manutenzione del kernel? Se una modifica provoca la rottura dei programmi utente, è un bug nel kernel. Non diamo mai MAI la colpa ai programmi utente. Quanto può essere difficile da capire?” – Linus Torvalds

Non interrompere lo spazio utente. Questa è la regola d’oro di Linus Torvald per lo sviluppo del kernel Linux. Per quelli di voi che leggono questo articolo e non hanno familiarità con la natura di Linux, o dei sistemi operativi in ​​generale, il kernel è il cuore e l’anima di un sistema operativo.

Il kernel è ciò che effettivamente gestisce l’hardware, spostando i bit tra memoria e RAM, tra RAM e CPU mentre le cose vengono calcolate, e tutti i piccoli dispositivi e pezzi del computer reale che devono essere controllati a livello hardware.

Ogni applicazione o programma scritto per un sistema operativo deve interagire con il kernel. Quando scarichi Photoshop o Telegram, tutto ciò che fa il programma si riduce essenzialmente alla chiamata del kernel.

“Ehi kernel, prendi quello che ho appena digitato, elaboralo e invialo tramite una connessione di rete al server.” “Ehi kernel, prendi lo spostamento di colore che ho apportato a questo tono, toglilo dalla RAM e invialo alla CPU per modificarlo, quindi rimettilo nella RAM.”

Quando il kernel viene modificato, l’obiettivo principale degli sviluppatori è garantire che le applicazioni esistenti che presuppongono un modo specifico di interagire con il kernel non si rompano a causa di una modifica del kernel.

Questa procedura suona molto familiare a Bitcoin e alla necessità di mantenere la compatibilità all’indietro per gli aggiornamenti del consenso di rete, non è vero?

“Sul serio. Quanto è difficile comprendere questa regola? In particolare, non rompiamo lo spazio utente con TOTAL CRAP. Sono arrabbiato, perché tutta la tua email era così _orribilmente_ sbagliata, e la patch che ha rotto le cose era ovviamente una schifezza. L’intera patch è una merda incredibilmente rotta. Aggiunge un codice di errore folle (ENOENT) e poi, poiché è così folle, aggiunge alcuni posti per risolverlo (“ret == -ENOENT ? -EINVAL : ret”).

Il fatto che tu poi provi a trovare *scuse* per violare lo spazio utente e incolpare qualche programma esterno che *era* funzionante, è semplicemente vergognoso. Non è così che lavoriamo. Ripara il tuo dannato “strumento di conformità”, perché è ovviamente rotto. E correggi il tuo approccio alla programmazione del kernel. – Linus Torvalds

Linux è uno dei progetti open source più importanti, se non il più importante, al mondo.

Android funziona su Linux, metà dell’infrastruttura backend (se non molto di più) funziona su Linux. Sistemi embedded che controllano tutti i tipi di cose computerizzate sullo sfondo della tua vita che non prenderesti nemmeno in considerazione di eseguire su Linux. Il mondo gira letteralmente su Linux.

Potrebbe non aver preso il sopravvento sul desktop come molti utenti Linux avrebbero voluto, ma ha tranquillamente mangiato quasi tutto il resto in background senza che nessuno se ne accorgesse.

Tutte queste applicazioni e programmi che le persone utilizzano nel corso della loro vita quotidiana dipendono dal presupposto che gli sviluppatori del kernel Linux non interrompano la compatibilità con le versioni precedenti del kernel per consentire alle loro applicazioni di continuare a funzionare. Altrimenti, qualsiasi applicazione in esecuzione dovrà continuare a utilizzare versioni precedenti del kernel o assumersi l’onere di modificare le proprie applicazioni per interagire con una modifica sostanziale nel kernel.

Il percorso più probabile verso il successo di Bitcoin è una strada molto simile, semplicemente diventando una piattaforma su cui sono costruite applicazioni e strumenti finanziari in modo tale che la maggior parte delle persone che li utilizzano non si renderanno nemmeno conto o considereranno che “Bitcoin ha mangiato il mondo”.

In modo simile a Linux, la regola d’oro di “Non interrompere lo spazio utente” si applica anche a Bitcoin. Il problema è che la natura di Bitcoin come sistema di consenso distribuito, piuttosto che come singolo kernel locale in esecuzione sulla macchina di una persona, cambia radicalmente il significato di “rompere lo spazio utente”.

Non sono solo gli sviluppatori a poter rompere lo spazio utente, ma anche gli utenti stessi. L’intero ultimo anno di Ordinals e token BRC-20 dovrebbe chiarire il concetto. Questo pone un problema molto serio quando si guarda al mantra “Non rompere lo spazio utente” dal punto di vista degli sviluppatori.

Per quanto molti Bitcoiners in questo spazio non amino gli Ordinals e siano contrariati dal fatto che i loro casi d’uso siano disturbati nella rete che gli utenti degli Ordinals stanno creando.

Come possono gli sviluppatori affrontare questo problema?

Un gruppo di utenti sta rompendo lo spazio utente di un altro gruppo di utenti. L’introduzione di una modifica che impedisca l’uso di Ordinals o Inscriptions viola esplicitamente il mandato di non rompere lo spazio utente.

Sono sicuro che la gente voglia dire “Taproot ha rotto lo spazio utente!” in risposta a questo dilemma, ma non è così. L’attivazione di Taproot e la possibilità che i dati dei testimoni siano grandi quanto l’intero blocco, non ha interrotto nessuna applicazione o uso preesistente di Bitcoin, ha solo aperto la porta a nuove applicazioni e casi d’uso.

Cercare di filtrare, o interrompere con una modifica del consenso, le persone che fanno iscrizioni o scambiano ordinals significa violare fondamentalmente la massima del “non rompere lo spazio utente”.

Non fare nulla permette a una classe di utenti di rompere lo spazio utente di un’altra classe di utenti.

Non c’è fondamentalmente alcuna soluzione a questo problema, se non quella di violare la regola d’oro o di implementare una funzionalità che permetta alla classe di utenti il cui spazio utente è ora rotto di adattarsi alle nuove realtà della rete e di mantenere una versione praticabile delle loro applicazioni e dei loro casi d’uso.

Evitare di rompere lo spazio utente di Bitcoin è di importanza fondamentale per il suo successo e la sua funzionalità, ma non è così semplice come dire “non cambiare nulla”.

I cambiamenti dinamici nel comportamento degli utenti, che non richiedono modifiche al protocollo stesso, possono avere lo stesso effetto di una modifica del protocollo.

Si suppone che gli sviluppatori debbano scegliere quale spazio utente delle applicazioni sia rotto per mantenere quello di un’altra applicazione?

Direi di no, e direi anche che chiunque sostenga un simile comportamento da parte degli sviluppatori chiede loro di agire in modo irresponsabile e dannoso per gli utenti del sistema.

Qual è quindi la risposta?

Non c’è altra risposta se non quella di andare avanti e continuare ad aggiungere miglioramenti al protocollo che permettano alle applicazioni interrotte dal comportamento di alcuni utenti di funzionare in presenza di cambiamenti emergenti nel comportamento degli utenti.

In caso contrario, si chiede agli sviluppatori di buttare via la regola d’oro e di giocare effettivamente a fare i kingmaker per quanto riguarda i casi d’uso che è possibile costruire sulla base di Bitcoin.

Se seguiamo questa strada, cosa stiamo facendo? Non posso dirvi cosa stiamo facendo a quel punto, ma posso dirvi che non stiamo più costruendo un sistema distribuito e neutrale.

 

Condividi su >

Lascia un commento

Download omaggio libri

per proteggere il tuo patrimonio e pagare meno tasse!

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

Accedi alla collezione completa di video

News economiche, analisi banche e fisco, soluzioni aziendali, blockchain ed economia digitale, tutela del patrimonio e soluzioni personali

I corsi

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

COME PAGARE E (NON PAGARE) LE TASSE SULLE CRIPTO

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

Francesco Carrino

CREA IL TUO PORTAFOGLIO CRIPTO EFFICACE

Vuoi iniziare ad investire in cripto ma non sai da dove partire?

Parti col piede giusto! Impara i fondamentali per entrare nel mondo delle criptovalute in maniera consapevole. Scopri come creare il tuo portafoglio di Bitcoin e altcoin efficace, senza commettere banali errori e massimizzando i tuoi benefici futuri.

livello difficoltà:

1.5/5

Base e Intermedio (2 corsi in uno)

Docente:

AC Criptovalute

ANALISI TECNICA E TRADING CRIPTO E BITCOIN

La dichiarazione fiscale delle criptovalute è una spina nel fianco?

Una guida pratica che ti insegna le nozioni fondamentali (che molti commercialisti non conoscono) per dichiarare in maniera corretta le tue cripto, gestire le plusvalenze… ed evitare di pagare più del necessario.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

AC Criptovalute

il miglior modo per poter prosperare grazie alla blockchain e le criptovalute

la Cerchia dei Pionieri della Blockchain che ti permette di guadagnare mentre ti diverti a scoprire un nuovo mondo!

CriptoGenesis è un portale finalizzato a farti guadagnare mentre ti diverti a scoprire le nuove innovazioni del mondo blockchain.

livello difficoltà:

2.5/5

Intermedio

Docente:

EtherEvolution